Articolo Salute Salute
Vaccinazione antinfluenzale: chi deve farla e perché freccelunedì 18 novembre 2013      


La campagna di vaccinazione antinfluenzale è iniziata in questi giorni in tutto il Paese in particolar modo per i soggetti a rischio, per i quali vaccinarsi non è solo raccomandato, ma è quasi un obbligo. A causa della vicenda  dei vaccini Novartis  ritirati lo scorso anno,  la fiducia nei vaccini è ulteriormente calata, e questo anche per colpa  di notizie allarmistiche che girano in rete e delle quali non si ha assoluta certezza.  L’Organizzazione Mondiale della Sanità, OMS, raccomanda la vaccinazione per quei soggetti che potrebbero patire serie conseguenze in caso dovessero contrarre l’influenza, malattia che è causata da un virus tra i più mutevoli che esistono.

Questo è infatti il motivo principale per cui è necessario vaccinarsi ogni anno, perché ogni volta i ceppi circolanti sono diversi e tra questi, gli stressi virus in molti casi non sono identici a quelli della stagione precedente. Quest’anno, ad esempio,  la formulazione del vaccino prevede sia il ceppo A che il ceppo B, che invece l’anno scorso non era presente perché ritenuto quasi ininfluente mentre invece ha mietuto non poche vittime, e inoltre l’H1N1.  Va quindi detto che la copertura vaccinale quest’anno sarà particolarmente efficace, soprattutto per quanto riguarda i soggetti  più deboli a livello immunitario e che quindi necessitano del vaccino.

Il vero problema è che molti sono contrari alla vaccinazione antinfluenzale a prescindere perché, in fondo, considerano l’influenza  non una patologia pericolosa ma più semplicemente una seccatura con la quale ogni anno è necessario fare i conti e si dimenticano che si registrano più decessi per colpa dell’influenza  che per la meningite solo che, è più rara e oltre tutto fa anche più paura di una “banale” influenza, mentre invece non lo è affatto. Ma anche i soggetti a rischio tendono a vaccinarsi di meno, tanto è vero che nel 2012 sono avanzate più dosi di vaccino rispetto all’anno precedente nelle strutture sanitarie dove si pratica gratuitamente il vaccino per i soggetti a rischio.

Questi sono prevalentemente i bambini affetti da malattie respiratorie, gli anziani oltre i 65 anni, i soggetti che soffrono di patologie croniche  quali:

  • malattie cardiovascolari;
  • malattie croniche dell’apparato respiratorio;
  • diabete mellito;
  • malattie metaboliche in generale;
  • epatopatie croniche;
  • insufficienza renale;
  • neoplasie;
  • malattie congenite o acquisite che determinano una bassa produzione di anticorpi;
  • subito dopo aver subito un intervento chirurgico o nell’imminenza di un intervento.

La copertura immunitaria prodotta dal vaccino si concretizza circa una ventina di giorni dopo la somministrazione, per cui il periodo migliore è appunto il mese di novembre, ma in tutti i casi anche fino ai primi giorni dell’anno. In questo modo si ha una protezione immunitaria che si protrae fino alla primavera. Vaccinarsi tardi, così come farlo quando già si è contratta l’influenza è del tutto inutile.
Questi soggetti devono vaccinarsi; è molto più di una raccomandazione in quanto le complicanze legate all’influenza potrebbero essere molto pericolose, addirittura letali, e non è affatto una possibilità remota.

Per tutti coloro che invece non vogliono assumere il vaccino, è necessario che mettano in atto alcune precauzioni per limitare il più possibile di contrarre l’influenza. Il contagio avviene per via aerea o perché si entra in contatto con le goccioline di saliva emesse starnutendo o tossendo, o anche perché le mani sono entrate a contatto con gocce di saliva infette.  È necessario quindi evitare i luoghi affollati, lavarsi frequentemente le mani e in tutti i casi non portarle alla bocca, evitare di frequentare persone che mostrano segni  riconducibili ad una influenza in atto, utilizzare se possibile le apposite mascherine.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Mezze maniche con zucchine e salmone
Fare bollire una pentola con circa 3,5 litri di acqua salata con sale grosso. Calare le mezze maniche, mescolare e portare a cottura.
Intanto si ....
Arredamento Attrezzi Benessere Decorazioni Elettricità Fai da te Famiglia Finanza familiare Grandi elettrodomestici Idraulica Materiali Muratura Piccoli elettrodomestici Riciclo Riscaldamento Salute Tempo libero




Articoli correlati

Una Tisana alla Rosa Canina, ottima per rafforzare le difese immunitarie - lunedì 3 novembre 2014

Una Tisana alla Rosa Canina, ottima per rafforzare le difese immunitarie, un ulteriore dono che la natura ci mette a disposizione per  la nostra salute. Del resto, la rosa canina è largamente diffusa in natura allo stato spontaneo,  ........

Il latte indebolisce le ossa, lo dice un recente studio svedese - martedì 4 novembre 2014

Il latte indebolisce le ossa; è quanto sembra dimostrare un recente studio svedese che smentirebbe quindi  la convinzione radicata da anni che invece si tratta di un alimento indispensabile per la salute dell’apparato scheletrico. Lo studio ........

Carne e cibo spazzatura, a rischio di Alzheimer e demenza - mercoledì 2 aprile 2014

Alzheimer e demenza  possono essere in qualche modo favoriti anche dall’alimentazione. Un recente studio condotto dai ricercatori dell’Icahn school of medicine di Mount Sinai (New York) ha messo in evidenza come la carne e gli alimenti ........

Prostata OK con ortaggi gialli e verdi - venerdì 4 aprile 2014

Prostata OK con ortaggi gialli e verdi, è il messaggio che lanciano gli oncologi dell’Aiom, Associazione Italiana di Oncologia Medica. Il cancro alla prostata è una delle cause di morte più frequente tra gli uomini, anche se in genere ........

È vero che il latte fa male? - mercoledì 16 dicembre 2015

È vero che il latte fa male? Come al solito, quando si tratta di questioni del genere, esistono due fazioni, ovvero i favorevoli e i contrari, e infatti non tutti gli esperti sono d’accordo su questo argomento. Eppure il latte vaccino è uno ........



Ricetta del giorno
Insalata con feta e polpa di granchio
Lavare la menta, asciugarla, staccare le foglie dal rametto e tritarle. Versare lo yogurt in una ciotola con il succo di limone, l’olio, sale, pepe e ....



 articolo Salute Salute
Vaccinazione antinfluenzale: chi deve farla e perché freccelunedì 18 novembre 2013      

La campagna di vaccinazione antinfluenzale è iniziata in questi giorni in tutto il Paese in particolar modo per i soggetti a rischio, per i quali vaccinarsi non è solo raccomandato, ma è quasi un obbligo. A causa della vicenda  dei vaccini Novartis  ritirati lo scorso anno,  la fiducia nei vaccini è ulteriormente calata, e questo anche per colpa  di notizie allarmistiche che girano in rete e delle quali non si ha assoluta certezza.  L’Organizzazione Mondiale della Sanità, OMS, raccomanda la vaccinazione per quei soggetti che potrebbero patire serie conseguenze in caso dovessero contrarre l’influenza, malattia che è causata da un virus tra i più mutevoli che esistono.

Questo è infatti il motivo principale per cui è necessario vaccinarsi ogni anno, perché ogni volta i ceppi circolanti sono diversi e tra questi, gli stressi virus in molti casi non sono identici a quelli della stagione precedente. Quest’anno, ad esempio,  la formulazione del vaccino prevede sia il ceppo A che il ceppo B, che invece l’anno scorso non era presente perché ritenuto quasi ininfluente mentre invece ha mietuto non poche vittime, e inoltre l’H1N1.  Va quindi detto che la copertura vaccinale quest’anno sarà particolarmente efficace, soprattutto per quanto riguarda i soggetti  più deboli a livello immunitario e che quindi necessitano del vaccino.

Il vero problema è che molti sono contrari alla vaccinazione antinfluenzale a prescindere perché, in fondo, considerano l’influenza  non una patologia pericolosa ma più semplicemente una seccatura con la quale ogni anno è necessario fare i conti e si dimenticano che si registrano più decessi per colpa dell’influenza  che per la meningite solo che, è più rara e oltre tutto fa anche più paura di una “banale” influenza, mentre invece non lo è affatto. Ma anche i soggetti a rischio tendono a vaccinarsi di meno, tanto è vero che nel 2012 sono avanzate più dosi di vaccino rispetto all’anno precedente nelle strutture sanitarie dove si pratica gratuitamente il vaccino per i soggetti a rischio.

Questi sono prevalentemente i bambini affetti da malattie respiratorie, gli anziani oltre i 65 anni, i soggetti che soffrono di patologie croniche  quali:

  • malattie cardiovascolari;
  • malattie croniche dell’apparato respiratorio;
  • diabete mellito;
  • malattie metaboliche in generale;
  • epatopatie croniche;
  • insufficienza renale;
  • neoplasie;
  • malattie congenite o acquisite che determinano una bassa produzione di anticorpi;
  • subito dopo aver subito un intervento chirurgico o nell’imminenza di un intervento.

La copertura immunitaria prodotta dal vaccino si concretizza circa una ventina di giorni dopo la somministrazione, per cui il periodo migliore è appunto il mese di novembre, ma in tutti i casi anche fino ai primi giorni dell’anno. In questo modo si ha una protezione immunitaria che si protrae fino alla primavera. Vaccinarsi tardi, così come farlo quando già si è contratta l’influenza è del tutto inutile.
Questi soggetti devono vaccinarsi; è molto più di una raccomandazione in quanto le complicanze legate all’influenza potrebbero essere molto pericolose, addirittura letali, e non è affatto una possibilità remota.

Per tutti coloro che invece non vogliono assumere il vaccino, è necessario che mettano in atto alcune precauzioni per limitare il più possibile di contrarre l’influenza. Il contagio avviene per via aerea o perché si entra in contatto con le goccioline di saliva emesse starnutendo o tossendo, o anche perché le mani sono entrate a contatto con gocce di saliva infette.  È necessario quindi evitare i luoghi affollati, lavarsi frequentemente le mani e in tutti i casi non portarle alla bocca, evitare di frequentare persone che mostrano segni  riconducibili ad una influenza in atto, utilizzare se possibile le apposite mascherine.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: