articolo Salute Benessere
Mentre corri assumi una postura corretta? freccemercoledì 2 ottobre 2013

Correre è un'attività fisica che contribuisce a farci sentire meglio e ci fa vivere più a lungo. Correre regolarmente fa bene alla salute, abbassa la quantità di zuccheri nel sangue, favorisce la circolazione, fa perdere peso e stimola il buon umore. L'approccio con la corsa, come con qualsiasi attività sportiva, deve essere graduale e lento.

Alcuni consigli sono essenziali per avvicinarsi alla corsa quando si è inesperti:
  • è meglio non correre quando si è troppo stanchi, quando si è dormito poco, durante periodi di convalescenza o quando si è affetti da malattie anche lievi;
  • sono da evitare le gare con i compagni di corsa, specialmente alle prime uscite, quando non si ha un allenamento sufficiente, per poter evitare il rischio di incidenti, di infortuni muscolari o un affanno eccessivo;
  • è consigliabile, durante le prime settimane, lavorare sulla quantità, cercando di aumentare il numero di chilometri percorsi in modo graduale ed evitare inutili gare di velocità;
  • evitare di correre durante le giornate troppo calde e afose, ma anche quelle gelide, che porterebbero facilmente ad avere problemi di disidratazione e al colpo di calore;
  • è consigliabile allenarsi su percorsi misti, evitando di concentrare chilometri sempre sulla medesima tipologia di superficie, in modo che il fisico e la nostra corsa si abituino gradualmente ai vari terreni, evitando traumi alle ginocchia e alle caviglie;
  • allenarsi almeno tre volte alla settimana, a giorni alterni, per permettere al fisico di recuperare, correndo con un ritmo blando, per cinque minuti e aumentando, gradualmente, sia il tempo, che la velocità, alla fine della corsa, eseguire esercizi di stretching;
  • ideale è correre con i muscoli del collo rilassati e tenere la testa in una posizione fissa, non troppo avanti o indietro, le spalle devono essere contratte, il busto leggermente inclinato in avanti per riuscire a correre in scioltezza;
  • non si deve correre a ginocchia alte e sulla punta dei piedi, cercare di sincronizzare il movimento delle braccia con quello delle gambe;
  • quando si corre in salita il passo diventa più corto, si spinge sulle punte dei piedi;
  • la discesa viene affrontata con testa rilassata e diritta, col busto inclinato in avanti, evitando di inarcare la schiena all'indietro.
La posizione corretta evita certamente alcuni danni e dolori agli arti, ma anche chi corre in modo corretto non è immune da alcuni piccoli fastidi eliminabili con semplici accorgimenti.
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Elisabetta  Mancini - vedi tutti gli articoli di Elisabetta  Mancini



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:



 



Edera (Hedera)

Edera (Hedera), genere di 15 piante rampicanti sempreverdi, rustiche, appartenenti alla famiglia delle Araliacee, facili da coltivare, diffuse in tutte le zone temperate dell’Europa. Crescono bene anche in terreni molto ........

Poligono (Polygonum)

Il Poligono (Polygonum), originaria di tutte le zone a clima temperato, è una erbacea che può essere perenne, annuale e anche rampicante, a seconda della specie, circa 150.
le foglie hanno ........

Paeonia (Peonia)

Paeonia (Peonia), genere di 33 specie di piante erbacee perenni e di arbusti rustici, coltivati per i fiori eleganti e per il fogliame particolarmente ornamentale, adatte  per la coltivazione nelle bordure erbacee, ........

Melograno

Melograno, o Punica granata, pianta arbustiva appartenente alla famiglia delle Punicacee, coltivata per i frutti e anche per il suo valore ornamentale. Originaria dell’Asia occidentale, cresce allo stato spontaneo nelle ........

Morina
Morina, genere di 17 specie di piante erbacee, perenni, rustiche. La specie descritta può essere coltivata nelle bordure.
Si pianta in settembre-ottobre o in marzo-aprile in terreno da giardino, profondo, ........

 

 

Ricetta del giorno
Orecchiette con ricotta
FAre bollire in una pentola di generose dimensioni 3 litri d’acqua e salarla con il sale grosso. Buttare la pasta, avendo cura di mescolare subito con ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Crocosmia

La Crocosmia, originaria dell'Africa tropicale e meridionale, comprende 6 specie ed è una pianta bulbosa-tuberosa rustica e semirustica.
Le foglie sono ensiformi, a forma di spada, sono erette e di ........

Aconitum

L'Aconitum è una erbacea perenne rustica originaria dell'Italia, Europa e Asia, comprende circa 300 specie e se ne consiglia la coltivazione in posizione non accessibile ai bambini in quanto tutte le ........

Asphodelus (Asfodelo)

Asphodelus (Asfodelo), genere di 12 specie di piante erbacee, perenni, rustiche, appartenenti alla famiglia delle Liliaceae, diffuse nel bacino del mediterraneo e nell’Asia occidentale. Crescono bene anche nei luoghi aridi ........

Armèria (Armeria)

L' Armèria (Armeria) , originaria dell'Europa, Africa settentrionale, America del Nord e Asia occidentale comprende circa 50 specie, di cui 6 spontanee in Italia ed è una pianticella erbacea, perenne ........

Griselinia

Griselinia, genere di 6 specie di alberi o arbusti sempreverdi delicati, appartenenti alla famiglia delle Cornaceae. Le specie descritte sono adatte in particolar modo alla formazione di siepi nelle zone marittime a clima ........

Ricetta del giorno
Spaghettini con zucchine e pomodorini
Portare ad ebollizione in una pentola 3,5 litri d’acqua, salare con sale grosso, e lessare gli spaghettini per 8 minuti.
Nel frattempo, lavare ....


 articolo Salute Benessere
Mentre corri assumi una postura corretta? freccemercoledì 2 ottobre 2013

Correre è un'attività fisica che contribuisce a farci sentire meglio e ci fa vivere più a lungo. Correre regolarmente fa bene alla salute, abbassa la quantità di zuccheri nel sangue, favorisce la circolazione, fa perdere peso e stimola il buon umore. L'approccio con la corsa, come con qualsiasi attività sportiva, deve essere graduale e lento.

Alcuni consigli sono essenziali per avvicinarsi alla corsa quando si è inesperti:
  • è meglio non correre quando si è troppo stanchi, quando si è dormito poco, durante periodi di convalescenza o quando si è affetti da malattie anche lievi;
  • sono da evitare le gare con i compagni di corsa, specialmente alle prime uscite, quando non si ha un allenamento sufficiente, per poter evitare il rischio di incidenti, di infortuni muscolari o un affanno eccessivo;
  • è consigliabile, durante le prime settimane, lavorare sulla quantità, cercando di aumentare il numero di chilometri percorsi in modo graduale ed evitare inutili gare di velocità;
  • evitare di correre durante le giornate troppo calde e afose, ma anche quelle gelide, che porterebbero facilmente ad avere problemi di disidratazione e al colpo di calore;
  • è consigliabile allenarsi su percorsi misti, evitando di concentrare chilometri sempre sulla medesima tipologia di superficie, in modo che il fisico e la nostra corsa si abituino gradualmente ai vari terreni, evitando traumi alle ginocchia e alle caviglie;
  • allenarsi almeno tre volte alla settimana, a giorni alterni, per permettere al fisico di recuperare, correndo con un ritmo blando, per cinque minuti e aumentando, gradualmente, sia il tempo, che la velocità, alla fine della corsa, eseguire esercizi di stretching;
  • ideale è correre con i muscoli del collo rilassati e tenere la testa in una posizione fissa, non troppo avanti o indietro, le spalle devono essere contratte, il busto leggermente inclinato in avanti per riuscire a correre in scioltezza;
  • non si deve correre a ginocchia alte e sulla punta dei piedi, cercare di sincronizzare il movimento delle braccia con quello delle gambe;
  • quando si corre in salita il passo diventa più corto, si spinge sulle punte dei piedi;
  • la discesa viene affrontata con testa rilassata e diritta, col busto inclinato in avanti, evitando di inarcare la schiena all'indietro.
La posizione corretta evita certamente alcuni danni e dolori agli arti, ma anche chi corre in modo corretto non è immune da alcuni piccoli fastidi eliminabili con semplici accorgimenti.
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Elisabetta  Mancini - vedi tutti gli articoli di Elisabetta  Mancini



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: