articolo Arredo giardino Piscine
Preparazione e copertura della piscina per l'inverno freccelunedì 3 ottobre 2011

Preparare la piscina per l'inverno è una di quelle operazioni che bisogna fare alla fine dell'estate. Due le possibili scelte: la prima prevede lo svuotamento completo della piscina e le seconda una serie di operazioni da fare per preparare la piscina stessa a svernare, senza che l'equilibrio complessivo della piscina ne possa soffrire.
La prima soluzione, ovvero lo svuotamento, è del tutto sconsigliabile, in quanto la struttura della vasca potrebbe soffrire per il variare delle forze in gioco; ovviamente stiamo parlando di una piscina in muratura, in cemento e in pannelli prefabbricati, ma comunque di una piscina interrata.

La struttura della piscina
La piscina è, comuqnue, una struttura che vive di un equilibrio che potremmo definire pracario, anche se in effetti non lo è. Tuttavia, la struttura portante della piscina potrebbe andare incontro a cedimenti per colpa della variazione degli assetti statici. Se la piscina è rivestita in Klinker, col gelo parte del rivestimento potrebbe staccarsi così come, in caso di rivestimento in PVC liner, quasto potrebbe subire dei danni perchè, in assenza di acqua, sarebbe esposto all'azione degli agenti atmosferici, con il risultato di diventare più fragile.
Scartata, quindi, questa opzione, la sola scelta possibile è quella di lasciare la piscina colma d'acqua, sottoponendola però ad una adeguata preparazione, prima di coprirla con un telo o altro materiale di protezione.

La preparazione della piscina per l'inverno

Per consentire alla piscina di superare indenne l'inverno, è necessario procedere ad alcune operazioni in modo da assicurarsi di ritrovarla in perfetto stato per l'estate successiva, acqua compresa.
La si potrebbe continuare a trattare come durante l'estate, procedendo al filtraggio e a tutte le altre operazioni solite, ma anche questo sistema è sconsigliabile. A fine inverno ci si ritroverebbe con l'avere in giardino una putrida palude e non più una piscina.
Allora, prima cosa da fare è un completo lavaggio e filtraggi dell'acqua della piscina, anche più prolungato del normale. Procedere ad una accurata pulizia del filtro e degli Skimmer. Pulire il prefiltro della pompa. Immettrere nell'acqua della piscina i seguenti prodotti ad iniziare da una dose di correttore di pH in modo da portarlo ad un valore compreso tra 7,2 e 7,6; immettere una dose schok di cloro; una dose di prodotto svernante e quindi far funzionare il sistema di ricircolo dell'acqua, senza quindi procedere al filtraggio, per un tempo abbastanza lungo, in modo da consentire un rimescolamento completo di acqua e prodotti chimici. Ovviamente, per questi ultimi, rivolgersi alla azienda fornitrice anche per avere maggiori dettagli sulla quantità di prodotto da usare in base ai metri cubi di acqua.

Installazione di una copertura invernale
Ultimo, e non meno importante, passo da compiere è quello di coprire la piscina con un telo adatto. In genere, la maggior parte dei teli è mantenuta in loco, lungo i bordi della piscina, da salsiccioti riempiti di acqua che col loro peso impediscono che il telo possa volare via. Il telo di copertura vero e prorpio si reggerà galleggiando sull'acqua presente nella piscina, ma questo potrebbe far si che, durante l'inverno, la pioggia formi una pozzanghera sul telo con il rischio che parte di questa acqua, inevitabilmente sporca e putrida per copla delle foglie in putrefazione, penetri nella piscina sottostante.
Una soluzione potrebbe essere quella di utilizzare periodicamente, o meglio, installare sul telo una pompa ad immersione automatica che, in caso di formazione della pozzanghera, diciamo così, provvederebbe automaticamente allo svuotamento, per poi fermarsi ad operazione avvenuta.
La cosa migliore, tuttavia, sarebbe quella di posizionare un tubolare gonfiabile di una certa dimensione sotto il telo, al centro della piscina, forma permettendo ovviamente, in modo da creare una sorta di tetto a 2 o 4 falde, cosa che farebbe defluire l'acqua piovana naturalmente.
Resta un ultimo problema: i bambini e gli animali domestici, i cani in particolare. Il loro peso potrebbe far sporfondare il telo nella piscina stessa, anche se solo nella parte interessata dal peso imprevisto, con l'inevitabile morte per soffocamento di chi dovesse restarvi imprigionato.
Esistono, quindi, dei teli rinforzati, fatti apposta per questa evenienza, ma che non consentono, in linea di massima, la sistemazione sottostante del tubolare gonfiabile.
E allora, come risolvere? Un po' di fantasia, un po' di intraprendenza e olio di gomito, e si potrebbe costruire, in totale autonomia ed economia, una sorta di copertura a 2-4 falde, con capriate e tavolato fatto di compensati dello spessore di almeno 1,5 cm, sul quale andrà poi posizionato il solito telo impermeabile.

La copertura in policarbonato
Ma esiste anche un'altra soluzione, ovviamente ben più sicura ma altrettanto impegnativa, economicamente parlando che, tuttavia, potrebbe anche valere la pena di prendere in considerazione.
Si trovano regolarmente in commercio, delle coperture realizzate in strutture telescopiche in policarbonato trasparente, da sistemare senza troppe difficoltà sulla piscina. La sola limitazione potrebbe essere rappresentata dalle dimensioni della piscina stessa, ma per una dimensione media, poniamo 8m x 4m, è facile da reperire e ad un prezzo tutto sommato abbastanza interessante.
Il solo svantaggio sarebbe quello del suo rimessaggio durante il periodo estivo, anche se, essendo telescopica, consentirebbe di scoprire gran parte della piscina. A fronte di questo piccolo problema però, si avrebbe il gran vantaggio di poter utilizzare la piscina durante tutto l'anno, visto poi che, grazie alla copertura trasparente, questa si comporterebbe come una vera e porpria serra, garantendo una temperatura interna del tutto piacevole.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:



 



Ipheion

Ipheion, genere di 20 specie di piante bulbose, rustiche, originarie del Messico e Cile meridionale. La specie descritta ha foglie graminiformi e fiori solitari a forma di stella, con 6 petali. Sia la specie tipica che le ........

Acorus

Acorus, genere di 2 specie di piante erbacee, perenni, rizomatose, rustiche. Si coltivano nei terreni umidi, sulle rive dei riuscelli e degli stagni e nelle vasche poco profonde.
Crescono bene nei terreni molto umidi. ........

Nepeta (Erba gattaia)
Nepeta (Erba gattaia), genere di 250 specie di piante erbacee, perenni ed annuali. Le specie perenni descritte sono rustiche e adatte per il giardino roccioso e per le bordure. Hanno fiori piccoli, tubulosi. Bisogna ........

Onosma

Onosma, genere di 150 specie di piante suffruticose, sempreverdi, perenni, delicate e rustiche, con fiori tubulosi. Le due specie descritte sono rustiche e adatte pr il giardino roccioso.
Si piantano in aprile, in terreno ........

Lamarckia

Lamarckia, genere comprendente una sola specie erbacea, annuale, diffusa allo stato spontaneo nei paesi del bacino del Mediterraneo. Può essere utlizzata nelle bordure annuali e miste. Le infiorescenze possono essere seccate ........

 

 

Ricetta del giorno
Asparagi alla milanese
Raschiare i gambi degli asparagi della pellicola esterna, pareggiare le estremità, in modo che risultino tutti della stessa lunghezza, lavarli, legarli ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Gomphrena (Gonfrena)

Gomphrena (Gonfrena), genere di 100 specie di piante erbacee, annuali, biennali e perenni, semirustiche. La specie descritta è facile da coltivare ed è adatta per aiuole e bordure. I capolini, molto durevoli, simili ........

Juncus (Giunco)

Juncus (Giunco), genere di 300 specie di piante acquatiche e da palude, appartenenti alla famiglia delle Juncaceae, al maggior parte delle quali priva di valore, ma le due specie descritte sono adatte per la coltivazione ........

Parthenocissus (vite del Canada)

Parthenocissus, genere di 10 specie di piante rampicanti a foglie decidue, appartenenti alla famiglia delle Vitaceae, con foglie trilobate o divise in foglioline, viticci che terminano con uncini o ventose, e fiori riuniti ........

Pulmonaria
Pulmonaria, genere di 10 specie di piante erbacee, perenni, rustiche, a crescita lenta, adatte per il giardino roccioso e per coprire il terreno nelle posizioni ombreggiate. In alcune specie le foglie sono macchiate ........

Phyteuma

Phyteuma, genere di 40 specie di piante erbacee perenni, rustiche, adatte per il giardino roccioso. Hanno infiorescenze dense, globose, formate da fiori tubolosi, minuscoli.
La specie Comosum si pianta all'aperto in marzo, ........

Ricetta del giorno
Aspic di frutta estiva
Lavare e asciugare bene la frutta, eliminare la buccia di cocomero e melone e tagliarne la polta a cubetti. Grattugiare la buccia dell’arancia, eliminare ....


 articolo Arredo giardino Piscine
Preparazione e copertura della piscina per l'inverno freccelunedì 3 ottobre 2011

Preparare la piscina per l'inverno è una di quelle operazioni che bisogna fare alla fine dell'estate. Due le possibili scelte: la prima prevede lo svuotamento completo della piscina e le seconda una serie di operazioni da fare per preparare la piscina stessa a svernare, senza che l'equilibrio complessivo della piscina ne possa soffrire.
La prima soluzione, ovvero lo svuotamento, è del tutto sconsigliabile, in quanto la struttura della vasca potrebbe soffrire per il variare delle forze in gioco; ovviamente stiamo parlando di una piscina in muratura, in cemento e in pannelli prefabbricati, ma comunque di una piscina interrata.

La struttura della piscina
La piscina è, comuqnue, una struttura che vive di un equilibrio che potremmo definire pracario, anche se in effetti non lo è. Tuttavia, la struttura portante della piscina potrebbe andare incontro a cedimenti per colpa della variazione degli assetti statici. Se la piscina è rivestita in Klinker, col gelo parte del rivestimento potrebbe staccarsi così come, in caso di rivestimento in PVC liner, quasto potrebbe subire dei danni perchè, in assenza di acqua, sarebbe esposto all'azione degli agenti atmosferici, con il risultato di diventare più fragile.
Scartata, quindi, questa opzione, la sola scelta possibile è quella di lasciare la piscina colma d'acqua, sottoponendola però ad una adeguata preparazione, prima di coprirla con un telo o altro materiale di protezione.

La preparazione della piscina per l'inverno

Per consentire alla piscina di superare indenne l'inverno, è necessario procedere ad alcune operazioni in modo da assicurarsi di ritrovarla in perfetto stato per l'estate successiva, acqua compresa.
La si potrebbe continuare a trattare come durante l'estate, procedendo al filtraggio e a tutte le altre operazioni solite, ma anche questo sistema è sconsigliabile. A fine inverno ci si ritroverebbe con l'avere in giardino una putrida palude e non più una piscina.
Allora, prima cosa da fare è un completo lavaggio e filtraggi dell'acqua della piscina, anche più prolungato del normale. Procedere ad una accurata pulizia del filtro e degli Skimmer. Pulire il prefiltro della pompa. Immettrere nell'acqua della piscina i seguenti prodotti ad iniziare da una dose di correttore di pH in modo da portarlo ad un valore compreso tra 7,2 e 7,6; immettere una dose schok di cloro; una dose di prodotto svernante e quindi far funzionare il sistema di ricircolo dell'acqua, senza quindi procedere al filtraggio, per un tempo abbastanza lungo, in modo da consentire un rimescolamento completo di acqua e prodotti chimici. Ovviamente, per questi ultimi, rivolgersi alla azienda fornitrice anche per avere maggiori dettagli sulla quantità di prodotto da usare in base ai metri cubi di acqua.

Installazione di una copertura invernale
Ultimo, e non meno importante, passo da compiere è quello di coprire la piscina con un telo adatto. In genere, la maggior parte dei teli è mantenuta in loco, lungo i bordi della piscina, da salsiccioti riempiti di acqua che col loro peso impediscono che il telo possa volare via. Il telo di copertura vero e prorpio si reggerà galleggiando sull'acqua presente nella piscina, ma questo potrebbe far si che, durante l'inverno, la pioggia formi una pozzanghera sul telo con il rischio che parte di questa acqua, inevitabilmente sporca e putrida per copla delle foglie in putrefazione, penetri nella piscina sottostante.
Una soluzione potrebbe essere quella di utilizzare periodicamente, o meglio, installare sul telo una pompa ad immersione automatica che, in caso di formazione della pozzanghera, diciamo così, provvederebbe automaticamente allo svuotamento, per poi fermarsi ad operazione avvenuta.
La cosa migliore, tuttavia, sarebbe quella di posizionare un tubolare gonfiabile di una certa dimensione sotto il telo, al centro della piscina, forma permettendo ovviamente, in modo da creare una sorta di tetto a 2 o 4 falde, cosa che farebbe defluire l'acqua piovana naturalmente.
Resta un ultimo problema: i bambini e gli animali domestici, i cani in particolare. Il loro peso potrebbe far sporfondare il telo nella piscina stessa, anche se solo nella parte interessata dal peso imprevisto, con l'inevitabile morte per soffocamento di chi dovesse restarvi imprigionato.
Esistono, quindi, dei teli rinforzati, fatti apposta per questa evenienza, ma che non consentono, in linea di massima, la sistemazione sottostante del tubolare gonfiabile.
E allora, come risolvere? Un po' di fantasia, un po' di intraprendenza e olio di gomito, e si potrebbe costruire, in totale autonomia ed economia, una sorta di copertura a 2-4 falde, con capriate e tavolato fatto di compensati dello spessore di almeno 1,5 cm, sul quale andrà poi posizionato il solito telo impermeabile.

La copertura in policarbonato
Ma esiste anche un'altra soluzione, ovviamente ben più sicura ma altrettanto impegnativa, economicamente parlando che, tuttavia, potrebbe anche valere la pena di prendere in considerazione.
Si trovano regolarmente in commercio, delle coperture realizzate in strutture telescopiche in policarbonato trasparente, da sistemare senza troppe difficoltà sulla piscina. La sola limitazione potrebbe essere rappresentata dalle dimensioni della piscina stessa, ma per una dimensione media, poniamo 8m x 4m, è facile da reperire e ad un prezzo tutto sommato abbastanza interessante.
Il solo svantaggio sarebbe quello del suo rimessaggio durante il periodo estivo, anche se, essendo telescopica, consentirebbe di scoprire gran parte della piscina. A fronte di questo piccolo problema però, si avrebbe il gran vantaggio di poter utilizzare la piscina durante tutto l'anno, visto poi che, grazie alla copertura trasparente, questa si comporterebbe come una vera e porpria serra, garantendo una temperatura interna del tutto piacevole.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: