articolo Prato Tecnica
La scelta delle sementi freccesabato 13 ottobre 2007

La scelta delle sementi per la realizzazione di un tappeto erboso va effettuata con molta attenzione, perchè bisogna tener conto di vari fattori quaki, l'esposizione, la calpestabilità o meno del prato, la posizione, la natura del terreno (anche se questa può essere corretta abbastanza facilmente), e così via.
Da una giusta scelta dipende o meno la riuscita del prato. Un bel prato impreziosirà il proprio spazio verde, forse meglio di ogni altra cosa. Ecco un elenco delle erbe più diffuse con le loro caratteristiche e le loro esigenze. Bisogna tener presente comunque, che le aziende specializzate del settore producono sempre nuove varietà e nuovi miscugli, per cui questa guaida è essenzialmente indicativa.
Le essenze si suddividono principalmente in Macroterme e Microterme.
le Macroterme sono le specie di graminacee da tappeto erboso che presentano un optimum di temperatura compreso fra i 27 ed i 35°C.
Le macroterme sono caratterizzate da un aspetto vegetativo stolonifero e rizomatoso, che conferisce una aggressività nell’attecchimento e nello sviluppo estremamente elevata; ciò consente una  maggiore tolleranza al traffico, una grande aggressività verso le infestanti,  una maggiore capacità di recupero e alcune di esse (ad es. Cynodon spp.) dall’ottima adattabilità ad altezze di taglio ridotte.

le Microterme sono le specie di Graminaceae da tappeto erboso nelle quali le fasi di maggiore crescita attiva si verificano durante il periodo più fresco della stagione vegetativa, quando le temperature sono comprese tra i 15° ed i 23° C; durante la stagione calda possono rallentare, anche notevolmente, lo stato vegetativo  e subire danneggiamenti
 Le specie da tappeto erboso utilizzate in Italia appartengono, soprattutto, al gruppo delle microterme. Le temperature invernali raggiungono e mantengono per lunghi periodi valori prossimi agli 0° C; le estati sono caratterizzate da temperature che raggiungono o superano anche i 35° C, situazione climatica ideale quindi.

Festuca rubra rubra e Festuca rubra tricophilla formano un tappeto erboso molto compatto, uniforme e con trama finissima, di colore variabile dal verde al verde scuro. La sua adattabilità  ai luoghi ombreggiati è superiore a quella della maggior parte delle altre microterme, sebbene la qualità del manto erboso risulti comunque migliore in condizioni di piena insolazione.
Festuca arundinacea: è una pianta originariamente con fogliame a tessitura grossolana (selezioni recenti hanno prodotto cultivar molto fini); è considerata una buona specie da tappeto erboso, ma può diventare infestante di prati a tessitura fine.
La Festuca arundinacea, è la più resistente alla siccità, tanto da poter essere paragonata, per quanto riguarda questa caratteristica, ad alcune specie macroterme; ciò è dovuta ad un intenso e rapido approfondimento dell’apparato radicale. Durante i periodi di stress da elevate temperature, nonostante la crescita dell’apparato fogliare diminuisca, è comunque in grado di mantenere un ottimo aspetto cromatico. La sua resistenza al calpestio è decisamente elevata e la tolleranza all’ombra è buona.
Lolium perenne (nome comune: loglio, loietto): caratterizzato da portamento cespitoso e trama piuttosto fine. Il suo ciclo biologico tende ad esaurirsi nell’arco di un anno quando l’ambiente è caratterizzato da inverni estremamente rigidi ed estati asciutte, mentre in condizioni climatiche  con inverni miti ed estati fresche ed umide, può protrarsi per alcuni anni. Il L. perenne è, fra tutte le microterme, la specie con minor resistenza alle basse temperature. L’adattabilità ad ombreggiamenti parziali è buona. La resistenza alla siccità è discreta in confronto ad altre microterme.
Poa pratensis (nome comune: erba fienarola): si tratta di una specie rizomatosa, per la quale esistono grandissime differenze fra cultivar diverse per  caratteristiche di densità, colore, trama e resistenza alle malattie.
Dicondra: preferisce terreno povero e secco ed esposizione parzialmente ombreggiata, ma vegeta benissimo e rigogliosa anche in zone assolate e prossime al mare. Ha ottima rsistenza alla siccità, al calpestio, e non necessita di tagli regolari, salvo qualche occasionale taglio di riordino nelle zone ombreggiate dove tende a crescere oltre i 7-10 cm.
Sagina sabulata: è l'erba più adatta alle zome umide e in ombra; si ottiene per trapianto delle zolle, sopporta anche un intenso calpestio e non deve essere tagliata
Esistono poi in commercio vari miscugli ottenuti con due o tre delle erbe sopra descritte e opportunamente predisposte per determinate condizioni di clima, terreno ed esposizione.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:



 



Celtis

Celtis, genere di 80 alberi e arbusti, diffusi nell'emisfero settentrionale e nell'Africa meridionale. La specie descritta è adatta in particolar modo per i viali alberati nelle città dal momento che resiste molto bene ai ........

Edraianthus

Edraianthus, genere di 10 specie di piante erbacee, perenni, appartenenti alla famiglia delle Campanulaceae.  Sono tutte piante poco longeve, rustiche, adatte per il giardino roccioso, che producono fiori campanulati, ........

Schizanthus

Schizanthus, genere di 15 specie di piante erbacee annuali, appartenenti alla famiglia delle Scrophulariaceae, adatte per le bordure annuali e pe la produzione di fiori da recidere.
All’aperto si coltivano in terreno ........

Festuca

Festuca, genere di 80 specie di graminacee ornamentali, perenni, rustiche. Le specie descritte crescono bene sulle scarpate, al sole; sono molto ornamentali se vengono piantate fra le ericacee o altri cespugli di altezza ........

Buganvìllea (Bougainvillea)

La Buganvìllea (Bougainvillea) , originaria del Brasile, comprende circa 14 specie ed è un rampicante robusto, con rami che possono raggiungere ragguardevoli lunghezze, muniti di spine diritte o ricurve.

 

 

Ricetta del giorno
Risotto al pesto di rucola
Tagliate a fettine sottili lo scalogno e mettetelo nell'olio in una pentola. Fatelo rosolare a fiamma viva e, non appena diventa dorato, aggiungete il ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Phyteuma

Phyteuma, genere di 40 specie di piante erbacee perenni, rustiche, adatte per il giardino roccioso. Hanno infiorescenze dense, globose, formate da fiori tubolosi, minuscoli.
La specie Comosum si pianta all'aperto in marzo, ........

Thermopsis

Thermopsis, genere di 30 specie di piante erbacee, perenni, rizomatose, rustiche, appartenenti alla famiglia delle Papilionaceae, simili al lupino, facili da coltivare, adatte per le bordure miste.
Pancratium (Pancrazio)

Pancratium (Pancrazio), genere di 15 specie di piante bulbose. Le due specie descritte, spontanee nelle zone litoranee dell'Italia centro-meridionale e insulare, possono essere coltivate nella maggior parte delle regioni ........

Cavolo (Broccolo)

Cavolo (Broccolo), piante erbacee appartenenti alla famiglia delle Crucifere, conosciute sin dall’antichità come piante dalle proprietà ........

Trillium

Trillium, genere di 30 specie di piante erbacee, perenni, rustiche, rizomatose, inserite nella nuova famiglia delle Trilliaceae. Queste piante si distinguono in quanto le foglie e i tepali sono riuniti in gruppi di 3. Le ........

Ricetta del giorno
Mousse di fragole con panna
Lavare e asciugare le fragole delicatamente, infine privarle del picciolo. Frullare con 70 gr di zucchero e l’acqua di fiori di arancio, fino ad ottenere ....


 articolo Prato Tecnica
La scelta delle sementi freccesabato 13 ottobre 2007

La scelta delle sementi per la realizzazione di un tappeto erboso va effettuata con molta attenzione, perchè bisogna tener conto di vari fattori quaki, l'esposizione, la calpestabilità o meno del prato, la posizione, la natura del terreno (anche se questa può essere corretta abbastanza facilmente), e così via.
Da una giusta scelta dipende o meno la riuscita del prato. Un bel prato impreziosirà il proprio spazio verde, forse meglio di ogni altra cosa. Ecco un elenco delle erbe più diffuse con le loro caratteristiche e le loro esigenze. Bisogna tener presente comunque, che le aziende specializzate del settore producono sempre nuove varietà e nuovi miscugli, per cui questa guaida è essenzialmente indicativa.
Le essenze si suddividono principalmente in Macroterme e Microterme.
le Macroterme sono le specie di graminacee da tappeto erboso che presentano un optimum di temperatura compreso fra i 27 ed i 35°C.
Le macroterme sono caratterizzate da un aspetto vegetativo stolonifero e rizomatoso, che conferisce una aggressività nell’attecchimento e nello sviluppo estremamente elevata; ciò consente una  maggiore tolleranza al traffico, una grande aggressività verso le infestanti,  una maggiore capacità di recupero e alcune di esse (ad es. Cynodon spp.) dall’ottima adattabilità ad altezze di taglio ridotte.

le Microterme sono le specie di Graminaceae da tappeto erboso nelle quali le fasi di maggiore crescita attiva si verificano durante il periodo più fresco della stagione vegetativa, quando le temperature sono comprese tra i 15° ed i 23° C; durante la stagione calda possono rallentare, anche notevolmente, lo stato vegetativo  e subire danneggiamenti
 Le specie da tappeto erboso utilizzate in Italia appartengono, soprattutto, al gruppo delle microterme. Le temperature invernali raggiungono e mantengono per lunghi periodi valori prossimi agli 0° C; le estati sono caratterizzate da temperature che raggiungono o superano anche i 35° C, situazione climatica ideale quindi.

Festuca rubra rubra e Festuca rubra tricophilla formano un tappeto erboso molto compatto, uniforme e con trama finissima, di colore variabile dal verde al verde scuro. La sua adattabilità  ai luoghi ombreggiati è superiore a quella della maggior parte delle altre microterme, sebbene la qualità del manto erboso risulti comunque migliore in condizioni di piena insolazione.
Festuca arundinacea: è una pianta originariamente con fogliame a tessitura grossolana (selezioni recenti hanno prodotto cultivar molto fini); è considerata una buona specie da tappeto erboso, ma può diventare infestante di prati a tessitura fine.
La Festuca arundinacea, è la più resistente alla siccità, tanto da poter essere paragonata, per quanto riguarda questa caratteristica, ad alcune specie macroterme; ciò è dovuta ad un intenso e rapido approfondimento dell’apparato radicale. Durante i periodi di stress da elevate temperature, nonostante la crescita dell’apparato fogliare diminuisca, è comunque in grado di mantenere un ottimo aspetto cromatico. La sua resistenza al calpestio è decisamente elevata e la tolleranza all’ombra è buona.
Lolium perenne (nome comune: loglio, loietto): caratterizzato da portamento cespitoso e trama piuttosto fine. Il suo ciclo biologico tende ad esaurirsi nell’arco di un anno quando l’ambiente è caratterizzato da inverni estremamente rigidi ed estati asciutte, mentre in condizioni climatiche  con inverni miti ed estati fresche ed umide, può protrarsi per alcuni anni. Il L. perenne è, fra tutte le microterme, la specie con minor resistenza alle basse temperature. L’adattabilità ad ombreggiamenti parziali è buona. La resistenza alla siccità è discreta in confronto ad altre microterme.
Poa pratensis (nome comune: erba fienarola): si tratta di una specie rizomatosa, per la quale esistono grandissime differenze fra cultivar diverse per  caratteristiche di densità, colore, trama e resistenza alle malattie.
Dicondra: preferisce terreno povero e secco ed esposizione parzialmente ombreggiata, ma vegeta benissimo e rigogliosa anche in zone assolate e prossime al mare. Ha ottima rsistenza alla siccità, al calpestio, e non necessita di tagli regolari, salvo qualche occasionale taglio di riordino nelle zone ombreggiate dove tende a crescere oltre i 7-10 cm.
Sagina sabulata: è l'erba più adatta alle zome umide e in ombra; si ottiene per trapianto delle zolle, sopporta anche un intenso calpestio e non deve essere tagliata
Esistono poi in commercio vari miscugli ottenuti con due o tre delle erbe sopra descritte e opportunamente predisposte per determinate condizioni di clima, terreno ed esposizione.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: