articolo Arredo giardino Illuminazione giardino
Realizzare l段mpianto di illuminazione del giardino freccevenerd 23 agosto 2013

L段mpianto di illuminazione per il giardino o, comunque, per gli spazi esterni,  necessita di una progettazione, sia che l段mpianto venga realizzato prima della sistemazione del giardino, sia che questo accada in un secondo momento. Se ci si affida ad una ditta specializzata, certamente si potr contare su di un lavoro svolto alla perfezione, nel pieno rispetto delle norme di sicurezza, ma in tutti i casi bene richiedere un progetto dettagliato nel quale siano riportate esattamente tutte le componenti dell段mpianto stesso in modo da sapere sempre in quale punto e  a quale profondit passano i tubi che ospitano i cavi elettrici. Si tratta di una cosa molto importante perch in caso di scavi da effettuare successivamente per un qualsiasi motivo, non si corra il rischio di tranciare o danneggiare qualche cavo elettrico con il rischio, oltre tutto, di restare folgorati.

Lo stesso discorso vale, ovviamente, se l段mpianto  viene effettuato in totale autonomia, cosa che un buon fai da te oggi in grado di fare, grazie anche ai tanti materiali disponibili sul mercato. Basta infatti rivolgersi ad un negozio specializzato, o meglio, ad un grande centro commerciale dedicato alla casa e giardino e al fai da te, per avere tutti i consigli e le indicazioni circa i materiali da utilizzare, i misure di sicurezza, l段mpiantistica ed altro ancora.

Passiamo alla realizzazione del lavoro
Se l段mpianto lo si realizza per proprio conto e in un giardino gi realizzato, la prima cosa da fare quella di munirsi di un bel foglio di carta millimetrata su cui riportare in scala la pianta del giardino, con la disposizione degli alberi, siepi, eventuali vasche o la piscina, il gazebo, insomma tutto ci che presente nello spazio verde. Fatto questo, una volta deciso quali zone vanno illuminate e in che modo, si traccia sullo schema realizzato in precedenza, il percorso che seguiranno i tubi nei quali passeranno i cavi elettrici, con la posizione anche delle varie cassette di derivazione, dei punti luce, delle eventuali prese che sempre occorrono in un giardino, soprattutto se si possiedono attrezzi elettrico quali il tagliasiepi, una sega a gattuccio e altro ancora.

Fatto questo, si procede allo scavo per la posa dei tubi che ospitano i cavi elettrici. Se si deve scavare in una zona riservata a prato, non un grosso problema perch, con l誕iuto di una vanga e di un coltello affilato, possibile ritagliare delle strisce di prato che possono essere asportate senza che queste vengano danneggiate, strisce che poi potranno essere rimesse tranquillamente  in posizione. Stendere sul lato dello scavo un telo, in plastica o di altro materiale indifferente, sul quale si andr a depositare la terra dello scavo man mano che si procede nel lavoro, in modo da non sporcare il resto del tappeto erboso e anche per avere nuovamente a disposizione lo stesso quantitativo di terreno asportato. Una volta posati i tubi, che meglio prevedere di dimensioni generose, tubi che vanno uniti tra loro anche con l誕iuto dell誕pposito collante o silicone, per evitare che vi possa penetrare dell誕cqua,  si rimette il terreno a suo posto provvedendo a compattarlo man mano che si procede con il riempimento dello scavo. ネ meglio utilizzare i tubi corrugati, che vengono venduti in rotoli,  in quanto sono pi adatti allo scopo e pi comodi e sopportano oltre tutto anche eventuali adattamenti del terreno senza danneggiarsi.

Quando si effettua un qualsiasi scavo, il terreno perde la sua compattezza che aveva acquisito nel corso del tempo, e per evitare che poi,  una volta riempito nuovamente, questo possa  generare degli avvallamenti, necessario compattarlo molto bene, anche utilizzando dell誕cqua. Una volta riempito lo scavo, si rimette in posizione la striscia di tappeto erboso tolto precedentemente, e tutto torner come prima. Naturalmente, necessario proteggere con un cappuccio di plastica o di carta o con del nastro adesivo i due capi del tubo per evitare che vi possa entrare del terreno durante il lavoro.

I punti luce e le scatole di derivazione
A distanze regolari, in tutti i casi compatibili con la lunghezza di una molla passacavi, quindi non oltre i 12-15 m, vanno posizionate le cassette di derivazione che, ovviamente,  devono essere per esterno e quindi stagne, e devono essere inglobate nel muro perimetrale, nel muretto di un誕iuola o in qualsiasi altro manufatto presente in giardino, Se non ve ne sono di disponibili, sar necessario realizzare dei piccoli muretti rivestiti in pietra, di almeno 40-50 cm di lato e di altezza adeguata, che potranno poi essere in un certo senso celati da una pianta ricadente posta in un vaso o ciotola poggiata sulla superficie dei muretti stessi.  Sullo stesso muretto sar poi possibile prevedere anche una presa che potrebbe in futuro risultare utilissima, sempre del tipo stagno, ed un eventuale interruttore, la dove necessario, con cui poter accendere-spegnere determinate aree del giardino.

Al posto di questi muretti,   possibile anche utilizzare gli appositi pozzetti per gli impianti elettrici del giardino, disponibili in varie forme, materiali e dimensioni , per cui si ha un誕mpia possibilit di scelta. Tuttavia, tali pozzetti, che vanno interrati, presentano lo svantaggio che, in caso di manutenzione dell段mpianto di illuminazione, necessario lavorarvi in posizione non proprio comoda. In tutti i casi si tratta di una scelta personale e una soluzione vale l誕ltra.
Come detto in altro articolo, l段lluminazione non deve essere permanente, sia per risparmiare sui consumi, sia per rispettare  gli altri abitanti naturali del giardino che potrebbero essere disturbati da una illuminazione notturna artificiale. 

I punti luce vanno stabiliti in base alla zona da illuminare. Un conto, infatti, illuminare un sentiero pedonale, altra cosa l段lluminazione necessaria per un誕rea di sosta dove, presumibilmente, si potrebbe anche cenare nelle calde serate estive. Un vialetto pedonale va illuminato indirizzando la luce sul  vialetto stesso, in modo da  assicurare un percorso sicuro, senza il rischio di inciampare o urtare contro qualche ostacolo. La luce non deve essere nemmeno troppo forte, ma sufficiente a vedere bene il percorso. 

Una volta terminato il passaggio dei tubi, necessario inserire i cavi elettrici che devono essere adeguati, come sezione, sia alla potenza delle luci che alla lunghezza dell段mpianto. 
Pi lungo pi grossi dovranno essere i cavi, e lo stesso vale per la potenza  assorbita dai punti luce, in quanto questo, non solo aiuta  a limitare i consumi, ma evita che i cavi elettrici possano surriscaldarsi con il rischio di fondere il rivestimento del conduttore stesso, cosa che potrebbe dar luogo a corto circuiti. Le giunzioni nelle scatole di derivazioni vanno effettuate utilizzando le apposite morsettiere, molto pi sicure ed efficienti rispetto al semplice assemblaggio con nastro isolante.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
Condividilo su:



 



Caryopteris

Caryopteris, genere di 15 specie di arbusti a foglie decidue, rustici o semirustici, originari dell'Asia orientale. Hanno foglie grigio-verdi e fiori azzurro lavanda, che sbocciano nella tarda estate o in autunno. Le specie ........

Dictamnus

Dictamnus, genere di 6 specie di piante erbacee, perenni, rustiche. La specie descritta molto ornamentale, generalmente longeva, adatta per le bordure soleggiate. Non deve essere confusa con la specie annuale rustica Kochia ........

Anthyllis
Anthyllis: genere di 80 specie di piante erbacee e suffruticose, perenni, originarie dei Paesi del bcino del Mediterraneo, adatte in particolare per il giardino roccioso e molto facili da coltivare. Fioriscono all'inizio ........

Scilla

Scilla, genere di 90-10 specie di piante bulbose appartenenti alla famiglia delle Liliaceae, facili da coltivare. Le specie descritte sono adatte per il giardino roccioso e per i prati, e si possono coltivare anche in vaso, ........

Indigofera

La Indigofera è un  arbusto sempreverde o deciduo o anche una erbacea perenne che conta 700 specie. Le specie arbustive sono genneralmente rustiche, hanno foglie composte e fiori a corolla papilionacea, ........

 

 

Ricetta del giorno
Arrosto al latte
Passate il pezzo di carne nella farina, in modo da spolverizzarlo leggermente, poi adagiatelo in una casseruola in 40 grammi di burro caldo e fatelo rosolare ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Aglio - Allium sativum

Aglio Allium sativum, pianta erbacea, perenne, rustica, bulbosa, appartenente alla famiglia delle Liliacee, di cui si consumano gli spicchi del bulbo per il loro sapore e il loro aroma molto forti. Il bulbo, composto da ........

Erica

Erica, genere di  oltre 500 specie di piante arbustive e suffruticose, sempreverdi, quasi tutte di origine sud-africana, mentre solo una di queste rustica in Europa. Le specie spontanee nell脱uropa occidentale e lungo ........

Didiscus

Didiscus, genere comprendente una sola specie annuale o biennale, rustica, adatta per formare gruppi di piante con altre specie annuali e per ottenere fiori da recidere. Si coltiva anche in vaso o in serra per la fioritura ........

Ammophila

Ammophila, genere di 2 specie di piante erbacee perenni, stolonifere e rizomatose, appartenenti alla famiglia delle Graminaceae, tipiche delle zone litoranee dell脱uropa, America settentrionale atlantica e Africa settentrionale.

Dierama

Dierama, genere di 25 specie di piante perenni, sempreverdi o semisempreverdi, con bulbo-tuberi molto numerosi. Le specie decritte sono adatte per le bordure in zone a clima mite. Hanno fusti arcuati, molto belli, sottili ........

Ricetta del giorno
Riso e fagioli neri
Lessare per 15 minuti il riso per risotti, scolarlo e metterlo da parte. Sbucciare le cipolle rosse. Affettarle molto sottili e stufarle per 10 minuti ....


 articolo Arredo giardino Illuminazione giardino
Realizzare l段mpianto di illuminazione del giardino freccevenerd 23 agosto 2013

L段mpianto di illuminazione per il giardino o, comunque, per gli spazi esterni,  necessita di una progettazione, sia che l段mpianto venga realizzato prima della sistemazione del giardino, sia che questo accada in un secondo momento. Se ci si affida ad una ditta specializzata, certamente si potr contare su di un lavoro svolto alla perfezione, nel pieno rispetto delle norme di sicurezza, ma in tutti i casi bene richiedere un progetto dettagliato nel quale siano riportate esattamente tutte le componenti dell段mpianto stesso in modo da sapere sempre in quale punto e  a quale profondit passano i tubi che ospitano i cavi elettrici. Si tratta di una cosa molto importante perch in caso di scavi da effettuare successivamente per un qualsiasi motivo, non si corra il rischio di tranciare o danneggiare qualche cavo elettrico con il rischio, oltre tutto, di restare folgorati.

Lo stesso discorso vale, ovviamente, se l段mpianto  viene effettuato in totale autonomia, cosa che un buon fai da te oggi in grado di fare, grazie anche ai tanti materiali disponibili sul mercato. Basta infatti rivolgersi ad un negozio specializzato, o meglio, ad un grande centro commerciale dedicato alla casa e giardino e al fai da te, per avere tutti i consigli e le indicazioni circa i materiali da utilizzare, i misure di sicurezza, l段mpiantistica ed altro ancora.

Passiamo alla realizzazione del lavoro
Se l段mpianto lo si realizza per proprio conto e in un giardino gi realizzato, la prima cosa da fare quella di munirsi di un bel foglio di carta millimetrata su cui riportare in scala la pianta del giardino, con la disposizione degli alberi, siepi, eventuali vasche o la piscina, il gazebo, insomma tutto ci che presente nello spazio verde. Fatto questo, una volta deciso quali zone vanno illuminate e in che modo, si traccia sullo schema realizzato in precedenza, il percorso che seguiranno i tubi nei quali passeranno i cavi elettrici, con la posizione anche delle varie cassette di derivazione, dei punti luce, delle eventuali prese che sempre occorrono in un giardino, soprattutto se si possiedono attrezzi elettrico quali il tagliasiepi, una sega a gattuccio e altro ancora.

Fatto questo, si procede allo scavo per la posa dei tubi che ospitano i cavi elettrici. Se si deve scavare in una zona riservata a prato, non un grosso problema perch, con l誕iuto di una vanga e di un coltello affilato, possibile ritagliare delle strisce di prato che possono essere asportate senza che queste vengano danneggiate, strisce che poi potranno essere rimesse tranquillamente  in posizione. Stendere sul lato dello scavo un telo, in plastica o di altro materiale indifferente, sul quale si andr a depositare la terra dello scavo man mano che si procede nel lavoro, in modo da non sporcare il resto del tappeto erboso e anche per avere nuovamente a disposizione lo stesso quantitativo di terreno asportato. Una volta posati i tubi, che meglio prevedere di dimensioni generose, tubi che vanno uniti tra loro anche con l誕iuto dell誕pposito collante o silicone, per evitare che vi possa penetrare dell誕cqua,  si rimette il terreno a suo posto provvedendo a compattarlo man mano che si procede con il riempimento dello scavo. ネ meglio utilizzare i tubi corrugati, che vengono venduti in rotoli,  in quanto sono pi adatti allo scopo e pi comodi e sopportano oltre tutto anche eventuali adattamenti del terreno senza danneggiarsi.

Quando si effettua un qualsiasi scavo, il terreno perde la sua compattezza che aveva acquisito nel corso del tempo, e per evitare che poi,  una volta riempito nuovamente, questo possa  generare degli avvallamenti, necessario compattarlo molto bene, anche utilizzando dell誕cqua. Una volta riempito lo scavo, si rimette in posizione la striscia di tappeto erboso tolto precedentemente, e tutto torner come prima. Naturalmente, necessario proteggere con un cappuccio di plastica o di carta o con del nastro adesivo i due capi del tubo per evitare che vi possa entrare del terreno durante il lavoro.

I punti luce e le scatole di derivazione
A distanze regolari, in tutti i casi compatibili con la lunghezza di una molla passacavi, quindi non oltre i 12-15 m, vanno posizionate le cassette di derivazione che, ovviamente,  devono essere per esterno e quindi stagne, e devono essere inglobate nel muro perimetrale, nel muretto di un誕iuola o in qualsiasi altro manufatto presente in giardino, Se non ve ne sono di disponibili, sar necessario realizzare dei piccoli muretti rivestiti in pietra, di almeno 40-50 cm di lato e di altezza adeguata, che potranno poi essere in un certo senso celati da una pianta ricadente posta in un vaso o ciotola poggiata sulla superficie dei muretti stessi.  Sullo stesso muretto sar poi possibile prevedere anche una presa che potrebbe in futuro risultare utilissima, sempre del tipo stagno, ed un eventuale interruttore, la dove necessario, con cui poter accendere-spegnere determinate aree del giardino.

Al posto di questi muretti,   possibile anche utilizzare gli appositi pozzetti per gli impianti elettrici del giardino, disponibili in varie forme, materiali e dimensioni , per cui si ha un誕mpia possibilit di scelta. Tuttavia, tali pozzetti, che vanno interrati, presentano lo svantaggio che, in caso di manutenzione dell段mpianto di illuminazione, necessario lavorarvi in posizione non proprio comoda. In tutti i casi si tratta di una scelta personale e una soluzione vale l誕ltra.
Come detto in altro articolo, l段lluminazione non deve essere permanente, sia per risparmiare sui consumi, sia per rispettare  gli altri abitanti naturali del giardino che potrebbero essere disturbati da una illuminazione notturna artificiale. 

I punti luce vanno stabiliti in base alla zona da illuminare. Un conto, infatti, illuminare un sentiero pedonale, altra cosa l段lluminazione necessaria per un誕rea di sosta dove, presumibilmente, si potrebbe anche cenare nelle calde serate estive. Un vialetto pedonale va illuminato indirizzando la luce sul  vialetto stesso, in modo da  assicurare un percorso sicuro, senza il rischio di inciampare o urtare contro qualche ostacolo. La luce non deve essere nemmeno troppo forte, ma sufficiente a vedere bene il percorso. 

Una volta terminato il passaggio dei tubi, necessario inserire i cavi elettrici che devono essere adeguati, come sezione, sia alla potenza delle luci che alla lunghezza dell段mpianto. 
Pi lungo pi grossi dovranno essere i cavi, e lo stesso vale per la potenza  assorbita dai punti luce, in quanto questo, non solo aiuta  a limitare i consumi, ma evita che i cavi elettrici possano surriscaldarsi con il rischio di fondere il rivestimento del conduttore stesso, cosa che potrebbe dar luogo a corto circuiti. Le giunzioni nelle scatole di derivazioni vanno effettuate utilizzando le apposite morsettiere, molto pi sicure ed efficienti rispetto al semplice assemblaggio con nastro isolante.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
Condividilo su: