articolo Arredo giardino Illuminazione giardino
L’illuminazione del giardino freccemartedì 20 agosto 2013

L’illuminazione del giardino è un elemento funzionale importante per rendere fruibile lo spazio esterno anche nelle ore serali, quando viene a mancare la luce del sole.  La funzione dell’illuminazione esterna non è solo diretta alla fruibilità del giardino, ma anche alla sicurezza, perché una zona illuminata offre meno occasioni ad un malintenzionato di celarsi nell’ombra, in attesa del miglior momento per entrare in azione. Quindi, comodità e sicurezza, queste le due funzioni principali di una illuminazione esterna, cui si deve aggiungere anche una funzione scenografica, perché, con una accorta progettazione, è possibile evidenziare nel miglior modo anche le zone del giardino più interessanti come, ad esempio, un maestoso Cedro del libano, uno stagno o la piscina e la sua zona circostante.

Ma non solo, perché anche il vialetto di accesso, così come il viale carrabile che conduce alla rimessa, o la legnaia dove viene riposta la legna per il camino che,  si ricorda, solitamente è un angolo del giardino frequentato  d’inverno, quando il sole tramonta prima e le ore di buio sono maggiori di quelle di luce. Tuttavia, l’illuminazione del giardino va pensata anche  tenendo conto delle esigenze dei suoi abitanti forse più importanti, ovvero gli animali che lo frequentano a partire dagli uccelli per finire al riccio che vi gironzola soprattutto dopo l’imbrunire. Per questo è necessario che l’illuminazione sia rispettosa delle loro esigenze, quindi discreta, illuminazione che potrebbe essere costante solo per il vialetto d’accesso, e nelle immediate vicinanze dell’ingresso dell’abitazione.

Tutti gli essere viventi, quindi uomini, animali e anche piante, vivono il loro ciclo di veglia-sonno in base alla luce e, più precisamente, in base ad un orologio interno che gestisce il ritmo circadiano, circa 24 ore,  ritmo che è influenzato dalla luce. Una illuminazione notturna sconsiderata potrebbe quindi alterare il ciclo di veglia-sonno degli animali che popolano il giardino, con grave pregiudizio per il loro stato di salute che potrebbe anche costringerli a non farli più frequentare il nostro spazio verde
La soluzione migliore potrebbe quindi essere una illuminazione discreta, semmai gestita da sensori di movimento che accendono le luci al passaggio di un animale di grandi dimensioni, come appunto anche i padroni di casa, o dell’auto al momento del rientro nella rimessa. Una soluzione del genere, inoltre, potrebbe assicurare un risparmio non indifferente di energia elettrica oltre che a svolgere la funzione di sentinella, in quanto una accensione non prevista potrebbe voler dire la presenza di qualcuno in giardino.

La progettazione dell’illuminazione del giardino deve quindi tener conto anche delle esigenze dei suoi abitanti naturali, oltre che a quelle dei padroni di casa. Se si delega la progettazione dell’impianto ad una ditta specializzata, soprattutto se questo avviene contemporaneamente alla costruzione della casa, è bene far presente che queste esigenze vanno rispettate.  Se la realizzazione dell’impianto d’illuminazione avviene successivamente, come del resto può accadere perché si è realizzata un’area di sosta in un secondo momento, bisogna provvedere anche facendo attenzione alle colture presenti in giardino in modo che non vengano danneggiate nel corso dei lavori di scavo necessari alla posa dei cavi elettrici.

Un buon fai da te non ha bisogno di tali raccomandazioni in quanto sicuramente farà di tutto per preservare anche quello che è stato il suo lavoro in giardino. Una soluzione alternativa potrebbe essere rappresentata da una illuminazione diversa, che sfrutti l’energia solare, e in tal caso si preserverebbe non solo l’ambiente in quanto si ridurrebbero in consumi di energia elettrica, ma non si dovrebbe neppure procedere a lunghi e faticosi lavori di scavo per la posa dei tubi che andranno ad ospitare i cavi elettrici.
I costi sono molto variabili, a seconda dei materiali adottati e delle soluzioni che si andranno a scegliere. Un conto, ovviamente è montare un lampione alimentato in maniera tradizionale, tutt’altra cosa è ricorrere ad una fonte luminosa che sfrutta l’energia solare, soluzione dai costi iniziali più elevati, ma che nel tempo verranno ammortizzati agevolmente.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:



 



Rehmannia

Rehmannia, genere di 10 specie di piante perenni, semirustiche. La specie descritta può essere coltivata in serra fredda o all'aperto nelle regioni a clima particolarmente mite.
Questa pianta, coltivata all'aperto in ........

Morina
Morina, genere di 17 specie di piante erbacee, perenni, rustiche. La specie descritta può essere coltivata nelle bordure.
Si pianta in settembre-ottobre o in marzo-aprile in terreno da giardino, profondo, ........

Pontederia

Pontederia, genere di 4 specie di piante acquatiche, perenni, appartenenti alla famiglia delle Pontedariaceae. La specie descritta si coltiva ai margini di stagni e laghetti e nelle vasche.
Si piantano in aprile-maggio, ........

Kolkwitzia

Kolkwitzia, genere comprendente una sola specie arbustiva, a foglie decidue, rustica, con fiori molto ornamentali che sbocciano in estate.
Questi arbusti, la cui fioritura che avviene all'inizio dell'estate è particolarmente ........

Pulmonaria
Pulmonaria, genere di 10 specie di piante erbacee, perenni, rustiche, a crescita lenta, adatte per il giardino roccioso e per coprire il terreno nelle posizioni ombreggiate. In alcune specie le foglie sono macchiate ........

 

 

Ricetta del giorno
Risotto al pesto di rucola
Tagliate a fettine sottili lo scalogno e mettetelo nell'olio in una pentola. Fatelo rosolare a fiamma viva e, non appena diventa dorato, aggiungete il ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Aloe
Aloe: genere di 275 specie di piante perenni originarie del Sud-Africa, coltivate principalmente per le loro rosette di foglie succulente. A prima vista queste piante possono assomigliare alla Agavi, ma a ........

Erysimum

Erysimum, genere di 100 specie di piante erbacee perenni, annuali e biennali, appartenenti alla famiglia delle Cruciferae, rustiche, simili alle violacciocche e, nonostante siano poco longeve, sono adatte alla coltivazione ........

Arctostaphylos

Arctortaphylos, genere di 70 piante a foglie decidue e sempreverdi, legnose, appartenenti alla famiglia delle Ericaceae. Si tratta di piccoli alberi o arbusti a fusti prostrati.
Si piantano ........

Macleaya
Macleaya, genere di 2 sepcie di piante erbacee, perenni, rustiche. Possono essere utilizzate nelle bordure e nelle aiuole di grandi dimensioni. Producono fiori piccoli, riuniti in grandi pannoche piumose. Si tratta ........

Cosmos
Il Cosmos, originario del Messico, comprende circa 25 specie ed è una erbacea annuale o perenne molto diffusa.
Le foglie, verde chiaro, sono finemente divise e possono essere anche abbastanza ........

Ricetta del giorno
Asparagi alla milanese
Raschiare i gambi degli asparagi della pellicola esterna, pareggiare le estremità, in modo che risultino tutti della stessa lunghezza, lavarli, legarli ....


 articolo Arredo giardino Illuminazione giardino
L’illuminazione del giardino freccemartedì 20 agosto 2013

L’illuminazione del giardino è un elemento funzionale importante per rendere fruibile lo spazio esterno anche nelle ore serali, quando viene a mancare la luce del sole.  La funzione dell’illuminazione esterna non è solo diretta alla fruibilità del giardino, ma anche alla sicurezza, perché una zona illuminata offre meno occasioni ad un malintenzionato di celarsi nell’ombra, in attesa del miglior momento per entrare in azione. Quindi, comodità e sicurezza, queste le due funzioni principali di una illuminazione esterna, cui si deve aggiungere anche una funzione scenografica, perché, con una accorta progettazione, è possibile evidenziare nel miglior modo anche le zone del giardino più interessanti come, ad esempio, un maestoso Cedro del libano, uno stagno o la piscina e la sua zona circostante.

Ma non solo, perché anche il vialetto di accesso, così come il viale carrabile che conduce alla rimessa, o la legnaia dove viene riposta la legna per il camino che,  si ricorda, solitamente è un angolo del giardino frequentato  d’inverno, quando il sole tramonta prima e le ore di buio sono maggiori di quelle di luce. Tuttavia, l’illuminazione del giardino va pensata anche  tenendo conto delle esigenze dei suoi abitanti forse più importanti, ovvero gli animali che lo frequentano a partire dagli uccelli per finire al riccio che vi gironzola soprattutto dopo l’imbrunire. Per questo è necessario che l’illuminazione sia rispettosa delle loro esigenze, quindi discreta, illuminazione che potrebbe essere costante solo per il vialetto d’accesso, e nelle immediate vicinanze dell’ingresso dell’abitazione.

Tutti gli essere viventi, quindi uomini, animali e anche piante, vivono il loro ciclo di veglia-sonno in base alla luce e, più precisamente, in base ad un orologio interno che gestisce il ritmo circadiano, circa 24 ore,  ritmo che è influenzato dalla luce. Una illuminazione notturna sconsiderata potrebbe quindi alterare il ciclo di veglia-sonno degli animali che popolano il giardino, con grave pregiudizio per il loro stato di salute che potrebbe anche costringerli a non farli più frequentare il nostro spazio verde
La soluzione migliore potrebbe quindi essere una illuminazione discreta, semmai gestita da sensori di movimento che accendono le luci al passaggio di un animale di grandi dimensioni, come appunto anche i padroni di casa, o dell’auto al momento del rientro nella rimessa. Una soluzione del genere, inoltre, potrebbe assicurare un risparmio non indifferente di energia elettrica oltre che a svolgere la funzione di sentinella, in quanto una accensione non prevista potrebbe voler dire la presenza di qualcuno in giardino.

La progettazione dell’illuminazione del giardino deve quindi tener conto anche delle esigenze dei suoi abitanti naturali, oltre che a quelle dei padroni di casa. Se si delega la progettazione dell’impianto ad una ditta specializzata, soprattutto se questo avviene contemporaneamente alla costruzione della casa, è bene far presente che queste esigenze vanno rispettate.  Se la realizzazione dell’impianto d’illuminazione avviene successivamente, come del resto può accadere perché si è realizzata un’area di sosta in un secondo momento, bisogna provvedere anche facendo attenzione alle colture presenti in giardino in modo che non vengano danneggiate nel corso dei lavori di scavo necessari alla posa dei cavi elettrici.

Un buon fai da te non ha bisogno di tali raccomandazioni in quanto sicuramente farà di tutto per preservare anche quello che è stato il suo lavoro in giardino. Una soluzione alternativa potrebbe essere rappresentata da una illuminazione diversa, che sfrutti l’energia solare, e in tal caso si preserverebbe non solo l’ambiente in quanto si ridurrebbero in consumi di energia elettrica, ma non si dovrebbe neppure procedere a lunghi e faticosi lavori di scavo per la posa dei tubi che andranno ad ospitare i cavi elettrici.
I costi sono molto variabili, a seconda dei materiali adottati e delle soluzioni che si andranno a scegliere. Un conto, ovviamente è montare un lampione alimentato in maniera tradizionale, tutt’altra cosa è ricorrere ad una fonte luminosa che sfrutta l’energia solare, soluzione dai costi iniziali più elevati, ma che nel tempo verranno ammortizzati agevolmente.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: