articolo Salute Sana alimentazione
Cavoli e broccoli, proprietà e benefici freccemartedì 17 aprile 2018

Cavoli e broccoli, proprietà e benefici di queste Crucifere note sin dall’antichità, ricche tra l’altro di fibre, vitamine e proteine, tutte indispensabili per il buon funzionamento dell’organismo. Sono gli ortaggi che più di ogni altro sono in grado di migliorare la salute del cuore, degli occhi e delle ossa, senza poi contare che molte delle molecole di cui sono ricchi hanno spiccate proprietà antitumorali, come del resto dimostrato da alcune recenti ricerche. Quindi, portare i cavoli e i broccoli, così come un po’ tutte le Crucifere, in tavola vuol dire assicurarsi un pieno di buona salute. Attenzione però a qualche piccola controindicazione che vedremo più avanti.

Le proprietà dei cavoli sono numerose. I vari tipi di cavolo si classificano in base a foglie, gemme, fusti e fiori, per cui a questa famiglia appartengono un gran numero di ortaggi quali cavolo cappuccio, cavolo verde, cavolo nero, cavolo verza, cavolini di Bruxelles, cavolo romano, cavolfiore, broccolo e cavolo rapa, tutti più o meno dotati delle stesse proprietà. Poveri di calorie e di carboidrati, tutti i cavoli hanno pochi grassi per cui sono ideali anche per coloro che vogliono perdere peso. In compenso sono una fonte eccellente di:

  • vitamina C, un eccellente antiossidante che oltre tutto rafforza il sistema immunitario e favorisce l’assorbimento del ferro;
  • vitamina K, nutriente importantissimo per la coagulazione del sangue;
  • folati, ovvero vitamina B9, fondamentale in tutte le fasi della vita, ma in particolare nelle donne in gravidanza perché favoriscono la crescita tissutale e riducono la stanchezza;
  • calcio, fosforo e potassio, tutti minerali essenziali alla vita e, in particolare, per la salute delle ossa, dei muscoli e nervi, per la salute del cuore, nella regolazione della pressione sanguigna, nella trasmissione degli impulsi nervosi, per rafforzare il sistema immunitario e altro ancora;
  • sulforafano, il composto più abbondante presente nelle crucifere in generale e oggetto di vari studi proprio per le sue spiccate proprietà antitumorali;
  • antiossidanti, i nemici dei radicali liberi responsabili dell’invecchiamento cellulare e quindi anche della comparsa di numerose malattie tra cui quelle degenerative;
  • sostanze in grado di abbassare i livelli di colesterolo nel sangue, così come in grado di regolare i livelli di glicemia, riducendo quindi, rispettivamente, il rischio cardiovascolare e prevenendo il diabete di tipo2;
  • glutammina, un agente antinfiammatorio in grado di ridurre le infiammazioni, i dolori articolari e le malattie della pelle;
  • fibre e acqua che aiutano a regolare la funzionalità intestinale e facilitano la digestione.

Insomma tutti i cavoli sono una vera fonte di eccellenti sostanze amiche della vita e della buona salute, in più hanno anche il vantaggio di essere buoni e di prestarsi alle più svariate applicazioni in cucina. Per preservare tutte le loro proprietà, la cottura migliore è quella al vapore, che oltre tutto li rende anche più digeribili e ne conserva intatto anche il sapore.

Qualche piccola controindicazione tuttavia è legata al consumo dei cavoli, ovviamente non se si tratta di un consumo saltuario e non intenso. La vitamina K di cui sono ricchi, favorendo la coagulazione sanguigna, potrebbe interferire nell’azione degli anticoagulanti assunti da alcuni pazienti. Inoltre alcune sostanze presenti nei cavoli possono interferire con il metabolismo dello iodio e quindi inibire l’attività tiroidea. Quindi, soggetti con problemi alla tiroide o che assumono anticoagulanti dovrebbero consumare i cavoli con una certa moderazione.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:



 




Malcolmia

Malcolmia, genere di 35 specie di piante erbacee, per la maggior parte annuali. La specie descritta può essere impiegata nel primo piano delle bordure e nei giardini rocciosi.
Può essere coltivara in qualsiasi terreno ........

Ficus

Ficus, genere di 800 specie di alberi e arbusti sempreverdi e a foglie decidue, delicati e rustici, e di piante rampicanti e striscianti, appartenenti alla famiglia delle Moraceae. Le specie sempreverdi descritte vengono ........

Malope

Malope, genere di 4 specie di piante erbacee annuali. La specie descritta è adatta per le bordure annuali e produce molti fiori che durano a lungo in acqua, dopo essere stati recisi.
Questa specie cresce particolarmente ........

Physostegia
La Physostegia è una pianta erbacea, rustica  perenne, originaria dell'America settentrionale, che comprende circa 15 specie e che ha fiori simili a quelli della Cocca di Leone, color rosa, malva ........

 

 

Ricetta del giorno
Broccoli marinati
Immergere i broccoli in acqua salata in modo che possano assorbire bene l’acqua e quindi asciugarli bene.
Schiacciare 4 spicchi d'aglio con lo schiaccia ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Guzmania

Guzmania, genere di 100 specie di piante perenni, sempreverdi, appartenenti alla famiglia delle Bromeliaceae, adatte ad essere coltivate in serra o in appartamento, prevalentemente epifite; solo alcune specie sono terrestri. ........

Halimium

Halimium, genere di 14 specie di arbusti sempreverdi, semirustici e rustici, diffusi nelle regioni meridionali, affini alle specie Cistus. Si coltivano nei grandi giardini rocciosi, particolarmente in quelli posti  ........

Desfontainea

Desfontainea, genere comprendente una sola specie arbustiva, sempreverde, originaria dell'America meridionale, semirustica e adatta per la coltivazione all'aperto nelle zone a clima temperato.
Si pianta in settembre o ........

Schisandra

Schisandra, genere di 25 specie rampicanti appartenenti alla famiglia delle Schisandraceae, fioriferi, legnosi, a foglie sempreverdi o decidue, delicati o rustici. Le specie rustiche descritte sono a foglie decidue. Possono ........

Altèa (Althaea)
L' Altèa (Althaea) , originaria dell'Europa, comprende circa 15 specie di cui 5 spontanee in Italia ed è una pianta erbacea perenne, annuale o biennale di alta statuta e assai decorativa.
Le foglie ........

Ricetta del giorno
Broccoli marinati
Immergere i broccoli in acqua salata in modo che possano assorbire bene l’acqua e quindi asciugarli bene.
Schiacciare 4 spicchi d'aglio con lo schiaccia ....


 articolo Salute Sana alimentazione
Cavoli e broccoli, proprietà e benefici freccemartedì 17 aprile 2018

Cavoli e broccoli, proprietà e benefici di queste Crucifere note sin dall’antichità, ricche tra l’altro di fibre, vitamine e proteine, tutte indispensabili per il buon funzionamento dell’organismo. Sono gli ortaggi che più di ogni altro sono in grado di migliorare la salute del cuore, degli occhi e delle ossa, senza poi contare che molte delle molecole di cui sono ricchi hanno spiccate proprietà antitumorali, come del resto dimostrato da alcune recenti ricerche. Quindi, portare i cavoli e i broccoli, così come un po’ tutte le Crucifere, in tavola vuol dire assicurarsi un pieno di buona salute. Attenzione però a qualche piccola controindicazione che vedremo più avanti.

Le proprietà dei cavoli sono numerose. I vari tipi di cavolo si classificano in base a foglie, gemme, fusti e fiori, per cui a questa famiglia appartengono un gran numero di ortaggi quali cavolo cappuccio, cavolo verde, cavolo nero, cavolo verza, cavolini di Bruxelles, cavolo romano, cavolfiore, broccolo e cavolo rapa, tutti più o meno dotati delle stesse proprietà. Poveri di calorie e di carboidrati, tutti i cavoli hanno pochi grassi per cui sono ideali anche per coloro che vogliono perdere peso. In compenso sono una fonte eccellente di:

  • vitamina C, un eccellente antiossidante che oltre tutto rafforza il sistema immunitario e favorisce l’assorbimento del ferro;
  • vitamina K, nutriente importantissimo per la coagulazione del sangue;
  • folati, ovvero vitamina B9, fondamentale in tutte le fasi della vita, ma in particolare nelle donne in gravidanza perché favoriscono la crescita tissutale e riducono la stanchezza;
  • calcio, fosforo e potassio, tutti minerali essenziali alla vita e, in particolare, per la salute delle ossa, dei muscoli e nervi, per la salute del cuore, nella regolazione della pressione sanguigna, nella trasmissione degli impulsi nervosi, per rafforzare il sistema immunitario e altro ancora;
  • sulforafano, il composto più abbondante presente nelle crucifere in generale e oggetto di vari studi proprio per le sue spiccate proprietà antitumorali;
  • antiossidanti, i nemici dei radicali liberi responsabili dell’invecchiamento cellulare e quindi anche della comparsa di numerose malattie tra cui quelle degenerative;
  • sostanze in grado di abbassare i livelli di colesterolo nel sangue, così come in grado di regolare i livelli di glicemia, riducendo quindi, rispettivamente, il rischio cardiovascolare e prevenendo il diabete di tipo2;
  • glutammina, un agente antinfiammatorio in grado di ridurre le infiammazioni, i dolori articolari e le malattie della pelle;
  • fibre e acqua che aiutano a regolare la funzionalità intestinale e facilitano la digestione.

Insomma tutti i cavoli sono una vera fonte di eccellenti sostanze amiche della vita e della buona salute, in più hanno anche il vantaggio di essere buoni e di prestarsi alle più svariate applicazioni in cucina. Per preservare tutte le loro proprietà, la cottura migliore è quella al vapore, che oltre tutto li rende anche più digeribili e ne conserva intatto anche il sapore.

Qualche piccola controindicazione tuttavia è legata al consumo dei cavoli, ovviamente non se si tratta di un consumo saltuario e non intenso. La vitamina K di cui sono ricchi, favorendo la coagulazione sanguigna, potrebbe interferire nell’azione degli anticoagulanti assunti da alcuni pazienti. Inoltre alcune sostanze presenti nei cavoli possono interferire con il metabolismo dello iodio e quindi inibire l’attività tiroidea. Quindi, soggetti con problemi alla tiroide o che assumono anticoagulanti dovrebbero consumare i cavoli con una certa moderazione.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: