articolo Benessere Salute
Aneto, usi e proprietà freccelunedì 9 aprile 2018

L’Aneto è una pianta aromatica utilizzata in cucina per insaporire un gran numero di pietanze, tuttavia in Italia, contrariamente a quanto avviene in altri paesi, non è utilizzata spesso, a torto probabilmente, perché il suo sapore a metà strada tra finocchio e anice è veramente intrigante. Inoltre, l’Aneto è anche una pianta dalle proprietà medicinali, utilizzata sin dall’antichità per le sue proprietà curative, in particolar modo per il sua effetto digestivo e antispasmodico. Ma vediamo di saperne di più.

Le sue proprietà sono particolarmente efficaci a livello gastrointestinale. Questa pianta officinale si rivela essere ottima per come digestivo o per chi soffre di meteorismo o coliche e crampi a livello gastrico. Ha proprietà diuretiche per cui combatte la ritenzione idrica e la cellulite, fonte di tanti crucci per il gentil sesso. Grazie ai suoi oli essenziali, l’Aneto è in grado di stimolare la bile e i succhi gastrici, è depurativo e inoltre è anche un efficace calmante, tanto da favorire il riposo notturno se assunto prima di coricarsi.

Migliora la peristalsi intestinale a tutto vantaggio della regolarità dell’intestino, condizione che aiuta l’intero organismo a stare meglio.  Alleato del sistema immunitario in quanto sembra avere anche proprietà antimicrobiche e antifungine e, infine sembra avere anche proprietà anticancro grazie ad alcuni principi attivi di cui è ricco, i monterpeni. Questi stimolano la secrezione dell’enzima glutathione-S-transferase, un potente antiossidante che, come dovrebbe ormai essere noto ai più, contrasta la formazione dei radicali liberi, i responsabili dell’invecchiamento cellulare e anche di alcuni agenti cancerogeni.

In cucina l’Aneto trova i più svariati utilizzi; può insaporire pesce, verdure, sottaceti, pollami, yogurt, formaggi, senza poi contare che in cucina non vi è limite alla fantasia, visto che è possibile sperimentare sempre nuovi e curiosi abbinamenti. Ottima anche la tisana all’Aneto utile per combattere il gonfiore addominale e per depurare e disintossicare l’organismo o0ltre che a migliorare la digestione nel suo complesso. Basta lasciare in infusione per 10 minuti in acqua bollente un cucchiaio di semi essiccati o di foglie di Aneto, quindi filtrare e assumere all’occorrenza.

Poche le controindicazioni. È sconsigliato in gravidanza e allattamento, così anche in presenza di infiammazioni urinarie o se ci si espone a lungo al sole, pratica comunque sconsigliata a prescindere.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:



 



Echinopsis

Echinopsis, genere di 35 specie di piante perenni, rustiche, appartenenti alla famiglia delle Cactaceae, che durante l’inverno vanno tenute completamente all’asciutto. Si coltivano per i fiori, imbutiformi, rosa o bianchi, ........

Kerria
Kerria, genere comprendente una sola specie arbustiva, con foglie decidue, a fioritura primaverile, originaria della Cina. La varietà a fiore doppio è più coltivata della specie tipica.
Le ........

Caprifoglio (Lonicera)

Caprifoglio (Lonicera), genere di 200 specie di arbusti e piante rampicanti, legnose, sempreverdi e decidue, appartenenti alla famiglia delle Caprifogliacee, originarie dell’Asia, dell’America Settentrionale e dell’Europa. ........

Salpiglossis

Salpiglossis, genere di 18 specie di piante erbacee annuali, biennali e perenni, appartenenti alla famiglia delle Solanaceae. La specie descritta è annuale, semirustica,  adatta per le bordure annuali e miste e per ........

Bucaneve (Galanthus)

Bucaneve (Galanthus), genere comprendente una dozzina di specie di piante erbacee perenni, rustiche, appartenenti alla famiglia delle Amarillidacee. La più nota è il Galanthus nivalis, il vero e proprio Bucaneve. Sono caratterizzate ........

 

 

Ricetta del giorno
Vellutata di barbabietole fredda
Lessare le barbabietole, dopo di che sbucciarle e metterle da parte. Lavare accuratamente il cetriolo, sbucciarlo e tagliarlo a dadino. Scottare i pomodori ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Leontopodium

Leontopodium, genere di 30 specie di piante erbacee, perenni e rustiche. La specie descritta cresce bene nei terreni calcarei, si moltiplica per seme ed è adatta per il giardino alpino. Può essere coltivata anche nei giardini ........

Houttuynia
Houttuynia: genere comprendente una sola specie erbacea, perenne, rustica, che cresce bene in qualsiasi terreno fresco, umido, leggermente ombreggiato, o anche in acque poco profonde. In condizioni particolarmente ........

Alisso (Alyssum)
L'Alisso, pianta annuale o perenne originaria dell'Europa, Asia e Africa,, comprende oltre 100 specie, di cui circa 15 spontanee nel nostro Paese.
le pianticelle, che come già detto possono essere ........

Cortaderia - Erba delle Pampas
La Cortaderia o Erba delle Pampas è una pianta graminacea sempreverde che conta 15 specie. Piante molto uno sfondo scuro. La specie rustica è adatta per le bordure miste e per formare ........

Reseda

Reseda, genere di 60 specie di piante erbacee annuali, biennali e perenni. La specie descritta è perenne ed è coltivata come annuale o biennale nelle bordure e per ottenere fiori da recidere.
Si pianta in terreno abbastanza ........

Ricetta del giorno
Arrosto al latte
Passate il pezzo di carne nella farina, in modo da spolverizzarlo leggermente, poi adagiatelo in una casseruola in 40 grammi di burro caldo e fatelo rosolare ....


 articolo Benessere Salute
Aneto, usi e proprietà freccelunedì 9 aprile 2018

L’Aneto è una pianta aromatica utilizzata in cucina per insaporire un gran numero di pietanze, tuttavia in Italia, contrariamente a quanto avviene in altri paesi, non è utilizzata spesso, a torto probabilmente, perché il suo sapore a metà strada tra finocchio e anice è veramente intrigante. Inoltre, l’Aneto è anche una pianta dalle proprietà medicinali, utilizzata sin dall’antichità per le sue proprietà curative, in particolar modo per il sua effetto digestivo e antispasmodico. Ma vediamo di saperne di più.

Le sue proprietà sono particolarmente efficaci a livello gastrointestinale. Questa pianta officinale si rivela essere ottima per come digestivo o per chi soffre di meteorismo o coliche e crampi a livello gastrico. Ha proprietà diuretiche per cui combatte la ritenzione idrica e la cellulite, fonte di tanti crucci per il gentil sesso. Grazie ai suoi oli essenziali, l’Aneto è in grado di stimolare la bile e i succhi gastrici, è depurativo e inoltre è anche un efficace calmante, tanto da favorire il riposo notturno se assunto prima di coricarsi.

Migliora la peristalsi intestinale a tutto vantaggio della regolarità dell’intestino, condizione che aiuta l’intero organismo a stare meglio.  Alleato del sistema immunitario in quanto sembra avere anche proprietà antimicrobiche e antifungine e, infine sembra avere anche proprietà anticancro grazie ad alcuni principi attivi di cui è ricco, i monterpeni. Questi stimolano la secrezione dell’enzima glutathione-S-transferase, un potente antiossidante che, come dovrebbe ormai essere noto ai più, contrasta la formazione dei radicali liberi, i responsabili dell’invecchiamento cellulare e anche di alcuni agenti cancerogeni.

In cucina l’Aneto trova i più svariati utilizzi; può insaporire pesce, verdure, sottaceti, pollami, yogurt, formaggi, senza poi contare che in cucina non vi è limite alla fantasia, visto che è possibile sperimentare sempre nuovi e curiosi abbinamenti. Ottima anche la tisana all’Aneto utile per combattere il gonfiore addominale e per depurare e disintossicare l’organismo o0ltre che a migliorare la digestione nel suo complesso. Basta lasciare in infusione per 10 minuti in acqua bollente un cucchiaio di semi essiccati o di foglie di Aneto, quindi filtrare e assumere all’occorrenza.

Poche le controindicazioni. È sconsigliato in gravidanza e allattamento, così anche in presenza di infiammazioni urinarie o se ci si espone a lungo al sole, pratica comunque sconsigliata a prescindere.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: