articolo Giardino Profilo di una pianta
I gerani, i protagonisti incontrastati dei balconi fioriti freccevenerdì 5 maggio 2017

I Gerani, i protagonisti incontrastati dei balconi fioriti, tipici quelli che si vedono in Alto Adige, che abbelliscono le casette di montagna. Bisogna tuttavia chiarire bene la terminologia: nel linguaggio corrente si attribuisce infatti il nome di geranio a piante in realtà appartenenti al genere Pelargonium. I gerani sono un’altra cosa, come è possibile vedere qui. L’equivoco può essere nato dalla somiglianza dei simi di queste piante con il becco della cicogna (in greco “pelargos”) e delle gru (in greco “geranos”); ci deve essere quindi stata confusione anche in tempi remoti perché i becchi dei due uccelli sono difficili da distinguere, non solo all’occhio dell’uomo moderno. In questo ambito si parla di Pelargoni, anche se per comodità si cintinuerà a chiamarli gerani, visto che è questo a cui ci si riferisce quando si parla generalmente di gerani.

La scelta delle varietà è spesso limitata in quanto nei vivai si trovano più o meno sempre le stesse, a meno di rivolgersi a ditte specializzate. Il geranio (Pelargonium) è una pianta semilegnosa, i suoi fiori sono riuniti in mazzetti e hanno sfumature di colore che vanno dal bianco fino al viola scuro. Alcune varietà si coltivano anche per il gradevole aroma che emanano le loro foglie quando vengono sfregate.

Specie e varietà
Il genere Pelargonium comprende oltre 200 specie, di cui oggi si coltivano principalmente le varietà appartenenti a Pelargonium zonale, Pelargonium peltatum, Pelargonium macranthum, e specie e varietà a foglie profumate quali il Pelargonium radens, Pelargonium graveolens, Pelargonium odoratissimum, Pelargonium tomentosum.

Attualmente con il nome Pelargonium zonale sono indicati numerosi ibridi conosciuti anche come Pelargonium x hortorum. Le piante di questo gruppo hanno sulle foglie vellutate un anello più scuro, hanno portamento eretto e fiori singoli o doppi, solitamente raggruppati in ombrelle, dal colore sfumato di rosso o di rosa; sono particolarmente adatte alla coltura in vaso, su terrazzo e balcone. Tra le varietà si ricordano Paul Camprel, la più famosa a fiore semplice, color rosso scarlatto; Favorite, a fiore bianco; Valtavareda, a fiore semplice, rosso-arancio vivissimo; Arcobaleno, a fiore semplice, rosa vivo; Leonessa, a fiore semplice viola; Meteor, a fiore doppio, rosso scarlatto.

Il Pelargonium peltatum, conosciuto anche come geranio edera, è una delle specie più decorative, coltivata un po’ dappertutto, nelle regioni a clima temperato. È perfetto per ornare cestini appesi, cassette e vasi sui balconi, dai quali si può lasciare pendere, oppure far arrampicare sui muri o sostegni. Ha foglie glabre a 5 lobi che ricordano quelle dell’edera, steli sottili e decombenti, fiori che assomigliano a quelli del Pelargonium zonale, ma dai colori più pallidi. Tra le varietà si ricordano Perla, a fiore semplice, bianco rosato; Galilée, a fiore doppio, rosa vico, molto rifiorente; Lord Dickinson, a fiore doppio, rosso scarlatto.

Gli ibridi di Pelargonium Macranthum hanno foglie grandi e tondeggianti, verde chiaro e con margini dentati; i fiori sono grandi, riuniti in ombrelle, di colore dal bianco al rosa, al rosso, fino al viola scuro, screziati o venati. I più diffusi sono Mariléne, dal colore lilla intenso; Arlecchino dai colori rosa e rosso; Thea, dai colori arancio e salmone; Maroquin, di un bel viola cupo.

La coltivazione

Originario dei paesi temperato-caldi, il geranio (Pelargonium) si è adattato a sopportare lunghi periodi di siccità, ma ciò non toglie che per una buona crescita richieda una certa umidità: è dunque una cattiva abitudine, un banale errore, quello di limitare le annaffiature, in particolar modo in estate. I gerani possono essere coltivati in vaso, sul balcone o sul terrazzo, ma danno il meglio di sé nei giardini, specie se vengono posti in piena terra o in grandi contenitori.
Tutti i gerani possono essere coltivati da talee ricavate da vigorosi e giovani getti oppure fatti nascere da seme, ma ciò soltanto per le specie che mantengono i caratteri della pianta madre. Poiché raccogliendo e seminando il seme spontaneamente prodotto dalle piante si otterranno sempre risultati deludenti, il modo migliore, quello raccomandato è di riprodurre i gerani per talea.

La primavera e l’estate sono le stagioni più adatte per fare attecchire le talee, che emetteranno le radici più rapidamente se collocate in un terreno sabbioso a una temperatura di 15-18 gradi C°. La lunghezza ideale della talea oscilla tra i 6 e gli 8 cm. Ogni talea deve avere tre nodi e il tagli deve essere effettuato sotto il terzo nodo. Una volta emesse le radici, le talee si rinvasano in piccoli contenitori contenente un buon composto addizionato con sabbia e torba. Una volta irrobustite, si possono rinvasare a dimora.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:



 



Lupìno (Lupinus)
Il Lupìno (Lupinus) è originario dell'America del Nord e Sud e del bacino del mediterraneo, comprende circa 300 specie ed è una erbacea perenne o annuale, talvolta arbustiva o semiarbustiva.

Juncus (Giunco)

Juncus (Giunco), genere di 300 specie di piante acquatiche e da palude, appartenenti alla famiglia delle Juncaceae, al maggior parte delle quali priva di valore, ma le due specie descritte sono adatte per la coltivazione ........

Anaphalis

Anaphalis, genere di 25 specie di piante erbacee perenni, rustiche, a portamento eretto  e dal bel fogliame grigio. Le infiorescenze, appiattite, bianche, durevoli, le rendono particolarmente adatte per le composizioni ........

Ancùsa (Anchusa)
L' Ancùsa (Anchusa) , originaria dell'Europa, Africa e Asia occidentale, comprende circa 60 specie delle quali 8 spontanee in Italia ed è una pianta erbacea perenne o annuale, rustica, alta dai 30 cm ........

Grevillea
La Grevillea, genere di 90 specie di arbusti e alberelli sempreverdi, è originaria della Nuova Guinea della Nuova Caledonia. Le foglie sono alterne, aghiformi, intere o frastagliate, a seconda della specie.

 

 

Ricetta del giorno
Biscotti al limone
Lavorate il burro (tenendone da parte un cucchiaio che occorrerà in seguito) ammorbidito con lo zucchero e la buccia di limone grattuggiata; quando saranno ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Phygelius

Phygelius, genere di 2 specie di piante suffruticose, semirustiche, sempreverdi, adatte per le zone a clima mite; nelle regioni più fredde devono essere piantate in posizioni protette. Sono ottime per le bordure e sopportano ........

Coleus

Coleus, genere di 150 specie di piante perenni, sempreverdi. Delle 2 specie descritte Coleus blumei, pur essendo perenne, si coltiva all'aperto come annuale in bordure, aiuole o anche in contenitori, mentre Coleus Thyrsoideus ........

Hyacinthus (Giacinto)

Hyacinthus (Giacinto), pianta bulbosa coltivata comunemente in casa, in giardino e nei vivai e derivano tutte dalla specie bulbosa rustica Hyacinthus (Giacinto) orientalis. Altre 30 specie crescono spontaneamente nelle ........

Melograno

Melograno, o Punica granata, pianta arbustiva appartenente alla famiglia delle Punicacee, coltivata per i frutti e anche per il suo valore ornamentale. Originaria dell’Asia occidentale, cresce allo stato spontaneo nelle ........

Ostrya

Ostrya, genere di 7 specie di alberi di piccole o medie dimensioni a foglie decidue, appartenenti alla famiglia delle Betulaceae, diffusi nell’emisfero settentrionale e adatti come esemplari isolati o per formare gruppi ........

Ricetta del giorno
Torta di pere caramellate
Sbucciare le pere, tagliarle a metà e togliere il torsolo, quindi tagliarle a fette piuttosto spesse e bagnarle con il limone. Nel frattempo accendere ....


 articolo Giardino Profilo di una pianta
I gerani, i protagonisti incontrastati dei balconi fioriti freccevenerdì 5 maggio 2017

I Gerani, i protagonisti incontrastati dei balconi fioriti, tipici quelli che si vedono in Alto Adige, che abbelliscono le casette di montagna. Bisogna tuttavia chiarire bene la terminologia: nel linguaggio corrente si attribuisce infatti il nome di geranio a piante in realtà appartenenti al genere Pelargonium. I gerani sono un’altra cosa, come è possibile vedere qui. L’equivoco può essere nato dalla somiglianza dei simi di queste piante con il becco della cicogna (in greco “pelargos”) e delle gru (in greco “geranos”); ci deve essere quindi stata confusione anche in tempi remoti perché i becchi dei due uccelli sono difficili da distinguere, non solo all’occhio dell’uomo moderno. In questo ambito si parla di Pelargoni, anche se per comodità si cintinuerà a chiamarli gerani, visto che è questo a cui ci si riferisce quando si parla generalmente di gerani.

La scelta delle varietà è spesso limitata in quanto nei vivai si trovano più o meno sempre le stesse, a meno di rivolgersi a ditte specializzate. Il geranio (Pelargonium) è una pianta semilegnosa, i suoi fiori sono riuniti in mazzetti e hanno sfumature di colore che vanno dal bianco fino al viola scuro. Alcune varietà si coltivano anche per il gradevole aroma che emanano le loro foglie quando vengono sfregate.

Specie e varietà
Il genere Pelargonium comprende oltre 200 specie, di cui oggi si coltivano principalmente le varietà appartenenti a Pelargonium zonale, Pelargonium peltatum, Pelargonium macranthum, e specie e varietà a foglie profumate quali il Pelargonium radens, Pelargonium graveolens, Pelargonium odoratissimum, Pelargonium tomentosum.

Attualmente con il nome Pelargonium zonale sono indicati numerosi ibridi conosciuti anche come Pelargonium x hortorum. Le piante di questo gruppo hanno sulle foglie vellutate un anello più scuro, hanno portamento eretto e fiori singoli o doppi, solitamente raggruppati in ombrelle, dal colore sfumato di rosso o di rosa; sono particolarmente adatte alla coltura in vaso, su terrazzo e balcone. Tra le varietà si ricordano Paul Camprel, la più famosa a fiore semplice, color rosso scarlatto; Favorite, a fiore bianco; Valtavareda, a fiore semplice, rosso-arancio vivissimo; Arcobaleno, a fiore semplice, rosa vivo; Leonessa, a fiore semplice viola; Meteor, a fiore doppio, rosso scarlatto.

Il Pelargonium peltatum, conosciuto anche come geranio edera, è una delle specie più decorative, coltivata un po’ dappertutto, nelle regioni a clima temperato. È perfetto per ornare cestini appesi, cassette e vasi sui balconi, dai quali si può lasciare pendere, oppure far arrampicare sui muri o sostegni. Ha foglie glabre a 5 lobi che ricordano quelle dell’edera, steli sottili e decombenti, fiori che assomigliano a quelli del Pelargonium zonale, ma dai colori più pallidi. Tra le varietà si ricordano Perla, a fiore semplice, bianco rosato; Galilée, a fiore doppio, rosa vico, molto rifiorente; Lord Dickinson, a fiore doppio, rosso scarlatto.

Gli ibridi di Pelargonium Macranthum hanno foglie grandi e tondeggianti, verde chiaro e con margini dentati; i fiori sono grandi, riuniti in ombrelle, di colore dal bianco al rosa, al rosso, fino al viola scuro, screziati o venati. I più diffusi sono Mariléne, dal colore lilla intenso; Arlecchino dai colori rosa e rosso; Thea, dai colori arancio e salmone; Maroquin, di un bel viola cupo.

La coltivazione

Originario dei paesi temperato-caldi, il geranio (Pelargonium) si è adattato a sopportare lunghi periodi di siccità, ma ciò non toglie che per una buona crescita richieda una certa umidità: è dunque una cattiva abitudine, un banale errore, quello di limitare le annaffiature, in particolar modo in estate. I gerani possono essere coltivati in vaso, sul balcone o sul terrazzo, ma danno il meglio di sé nei giardini, specie se vengono posti in piena terra o in grandi contenitori.
Tutti i gerani possono essere coltivati da talee ricavate da vigorosi e giovani getti oppure fatti nascere da seme, ma ciò soltanto per le specie che mantengono i caratteri della pianta madre. Poiché raccogliendo e seminando il seme spontaneamente prodotto dalle piante si otterranno sempre risultati deludenti, il modo migliore, quello raccomandato è di riprodurre i gerani per talea.

La primavera e l’estate sono le stagioni più adatte per fare attecchire le talee, che emetteranno le radici più rapidamente se collocate in un terreno sabbioso a una temperatura di 15-18 gradi C°. La lunghezza ideale della talea oscilla tra i 6 e gli 8 cm. Ogni talea deve avere tre nodi e il tagli deve essere effettuato sotto il terzo nodo. Una volta emesse le radici, le talee si rinvasano in piccoli contenitori contenente un buon composto addizionato con sabbia e torba. Una volta irrobustite, si possono rinvasare a dimora.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: