articolo Arredo giardino Arredamento giardino
Panche e sedili per il giardino freccemartedì 29 luglio 2014

Panche e sedili per il giardino, sono quelle cose che se al momento di progettare il giardino ci si propone anche di farne un luogo ove trascorrere le ore libere da ogni occupazione, si è certamente interessati a tutte le attrezzature che lo rendono comodo e accogliente. In effetti tutte le panche e i sedili sono in un modo o nell’altro fabbricati a mano, ma si possono distinguere a grandi linee quelli comprati già belli e fatti in un negozio di articoli da giardino e quelli fabbricati, utilizzando un po’ di impegno e altrettanta fantasia, con materiali a portata di mano, con ciò che si ha in casa. È sempre quindi d’attualità il modo di dire “conserva che te lo ritrovi”, anche se poi non bisogna farsi prendere la mano per evitare che il voler conservare non diventi una vera e propria mania. Bisogna saper discernere tra ciò che potrebbe essere riutilizzato e le cose invece del tutto inutili.

Sedili già fatti
Sia che l’area progettata si trovi all’interno, sia che si trovi all’esterno della casa, l’arredamento ha una influenza determinante sull’intera composizione. Difficilmente si può pensare di accostare lo stile moderno con quello tradizionale in un soggiorno, ma è sorprendente constatare come spesso le regole vengano infrante non appena si mette piede fuori di casa. Molti luoghi di soggiorno all’aperto si trovano nelle zone immediatamente adiacenti alla casa, ed è quindi logico continuare la combinazione di colori e uno stile, anche all’esterno. Per esempio, un sedile a dondolo può essere ricoperto con lo stesso materiale utilizzato per ricoprire le sedie della casa.

Una gran quantità di forniture per giardino viene acquistata d’impulso, senza considerare troppo per quale zona deve servire. L’assurdità di sistemare tavolini rivestiti in plastica e sedie con gambe molto esili contro il maestoso sfondo di un terrazzo in pietre, dovrebbe essere una cosa ovvia. In un caso simile sono molto pia adatte allo scopo delle panche e dei sedili in legno, equamente proporzionati, che riflettano quella sensazione di solidità e durata destata da uno sfondo di tal genere. Spesso si presenta anche il problema se dipingere o meno i sedili in legno: anche in questo caso è bene attenersi alle cose che sono immediatamente vicine. Un sedile bianco può essere un delizioso punto focale o, alternativamente,  lo si può far concordare con la combinazione di colori esterna della casa stessa.

I mobili in ferro battuto, sempre di moda, hanno i loro limiti. Possono sembrare importanti in un soggiorno tradizionale, come un vecchio giardino o in un atrio cittadino, ma sono controindicati per un cortile di servizio suburbano, dove sono più adatti quelli in plastica. Le tradizionali sedie a sdraio, ormai un po’ demodé, avevano il pregio di costare poco pur essendo molto pratiche, per cui la soluzione migliore resta quella di scegliere ciò che appare più idoneo ad arredare un sito per renderlo comodo e caldo, senza sfociare in una eccessiva eleganza.

Le alternative possono essere tante. Un sedile in mattoni come parte integrante di un’aiuola rialzata o di uno specchio d’acqua, un semplice sedile di assicelle messo tra due rampe di scale, o anche una continuazione di uno stesso scalino. Occorre avere un po’ di fantasia come anche la capacità di riconoscere un’opportunità e di saperla sfruttare. Va anche detto che panche e sedili non servono solo per arredare delle zone di sosta, come il patio, ma anche per dare la possibilità di sedersi a osservare un particolare angolo del giardino, a godere di un po’ di relax anche in solitudine, per osservare la natura e i suoi abitanti, come ad esempio gli uccelli che si soffermano a bere o a fare il bagno in una piccola vasca con zampillo.

Sedili occasionali o autocostruiti

Una categoria di oggetti merita senz’altro l’attenzione, oggetti che originariamente non hanno la funzione di sedili ma che lo possono divenire in modo del tutto casuale. Dei grandi massi con la superficie piana collocati vicino ad uno specchio d’acqua, un tronco di albero caduto o un ceppo, o una vecchia radice soddisfano alla funzione di punti focali, di sedili e di ospiti di piante rampicanti.

Per  quanto riguarda le sedute realizzate in casa, il legno come materiale è quello che si presta  di più a venir lavorato. Per molti gli alberi abbattuti o caduti costituiscono un problema, mentre invece con poco lavoro, possono trasformarsi in delle belle e comode panche. Le pietre e i materiali in cemento sono dei considerevoli sedili potenziali, infatti esiste un gran numero di modelli prefabbricati in cemento, come blocchi per costruire sentieri che possono essere utilizzati non soltanto per i muri di cinta, ma anche come sedili. Si possono fare dei semplici ma efficaci sostegni con mattoni o pilastri di pietra e collocarvi sopra una lastra di pietra.

Anche i  bordi dei chiusini possono costituire dei sedili senza pretese, se si collocano nel terreno e si riempiono di cemento, spianando la superficie una volta che sia ultimata, prima che il cemento si indurisca, per ottenere un insieme regolare. Simili sedili saranno molto solidi, praticamente indistruttibili, e dovranno essere collocati nelle zone del giardino in cui si accordino con le costruzioni circostanti. Per un evidente senso di comodità e praticità conviene completare tali sedili in cemento o in pietra con dei cuscini.

In ultima analisi i sedili sono dettagli che completano un giardino e come tali bisogna collocarli con attenzione, tenendo presente lo schema di tutta la composizione come pure le proprie necessità personali. Come regola generale è meglio averne troppi piuttosto che troppo pochi, e tenerne anche altri che possano essere spostati, e altri ancora di tipo smontabile da tenere da parte, in caso si avessero ospiti numerosi.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:



 



Cosmos
Il Cosmos, originario del Messico, comprende circa 25 specie ed è una erbacea annuale o perenne molto diffusa.
Le foglie, verde chiaro, sono finemente divise e possono essere anche abbastanza ........

Weigela (Weigelia)

Weigela (Weigelia), genere di 12 specie di arbusti a foglie decidue, rustici, che producono fiori tubulosi, lunghi in media da 2 a 4 cm, con 5 lobi terminali, appiattiti. La fioritura avviene in maggio-giugno, su brevi germogli ........

Skimmia

Skimmia, genere di 7-8 specie di arbusti sempreverdi, rustici, a crescita lenta, i cui fiori, maschili e femminili, sbocciano in marzo-aprile su piante separate. Sono fiori piccoli, stellati, riuniti in pannocchie terminali, ........

Penstèmon (Penstemon)

Il Penstèmon (Penstemon) , originario degli Stati Uniti, Messico e Asia nord-occidentale comprende circa 200 specie ed è una erbacea perenne, talvolta dal portamento arbustivo.
Le foglie possono ........

Platystemon

Platystemon, genere di una sola specie annuale rustica, appartenente alla famiglia delle Papaveraceae, adatta per il primo piano delle bordure erbacee e per il giardino roccioso. Non è una pianta molto comune, tuttavia è ........

 

 

Ricetta del giorno
Bavarese ai frutti di bosco
In un pentolino versate il latte, aggiungete l'agar agar e fate bollire. Lasciate, poi, sul fuoco per un paio di minuti, tenendo la fiamma bassa e mescolando ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Helianthemum (Eliantemo)

Helianthemum (Eliantemo), genere di 100 arbusti sempreverdi o di piante erbacee suffruticose, rustiche, che fioriscono durante l'estate. Sono adatte per il giardino roccioso, ma vanno piantate in posizone adatta in quanto ........

Dentaria

Dentaria, genere di 20 specie di piante erbacee, perenni, rizomatose, diffuse allo stato spontaneo nelle regioni temperate dell'Europa, dell'Asia e dell'America settentrionale. La specie descritta è facile da coltivare ed ........

Thumbergia

Thumbergia, genere comprendente 200 specie di piante annuali o perenni, erbacee o suffruticose, appartenenti alla famiglia delle Acantacee, rampicanti o a portamento eretto. Hanno fiori molto ornamentali: solitari o riuniti ........

Actaea

Actaea, genere di circa 10 specie di piante erbacee, perenni, rustiche, adatte per il giardino roccioso, le bordure e il sottobosco.
Queste piante crescono bene nei terreni ricchi di sostanza organica, in posizioni ombreggiate. ........

Dierama

Dierama, genere di 25 specie di piante perenni, sempreverdi o semisempreverdi, con bulbo-tuberi molto numerosi. Le specie decritte sono adatte per le bordure in zone a clima mite. Hanno fusti arcuati, molto belli, sottili ........

Ricetta del giorno
Aspic di frutta estiva
Lavare e asciugare bene la frutta, eliminare la buccia di cocomero e melone e tagliarne la polta a cubetti. Grattugiare la buccia dell’arancia, eliminare ....


 articolo Arredo giardino Arredamento giardino
Panche e sedili per il giardino freccemartedì 29 luglio 2014

Panche e sedili per il giardino, sono quelle cose che se al momento di progettare il giardino ci si propone anche di farne un luogo ove trascorrere le ore libere da ogni occupazione, si è certamente interessati a tutte le attrezzature che lo rendono comodo e accogliente. In effetti tutte le panche e i sedili sono in un modo o nell’altro fabbricati a mano, ma si possono distinguere a grandi linee quelli comprati già belli e fatti in un negozio di articoli da giardino e quelli fabbricati, utilizzando un po’ di impegno e altrettanta fantasia, con materiali a portata di mano, con ciò che si ha in casa. È sempre quindi d’attualità il modo di dire “conserva che te lo ritrovi”, anche se poi non bisogna farsi prendere la mano per evitare che il voler conservare non diventi una vera e propria mania. Bisogna saper discernere tra ciò che potrebbe essere riutilizzato e le cose invece del tutto inutili.

Sedili già fatti
Sia che l’area progettata si trovi all’interno, sia che si trovi all’esterno della casa, l’arredamento ha una influenza determinante sull’intera composizione. Difficilmente si può pensare di accostare lo stile moderno con quello tradizionale in un soggiorno, ma è sorprendente constatare come spesso le regole vengano infrante non appena si mette piede fuori di casa. Molti luoghi di soggiorno all’aperto si trovano nelle zone immediatamente adiacenti alla casa, ed è quindi logico continuare la combinazione di colori e uno stile, anche all’esterno. Per esempio, un sedile a dondolo può essere ricoperto con lo stesso materiale utilizzato per ricoprire le sedie della casa.

Una gran quantità di forniture per giardino viene acquistata d’impulso, senza considerare troppo per quale zona deve servire. L’assurdità di sistemare tavolini rivestiti in plastica e sedie con gambe molto esili contro il maestoso sfondo di un terrazzo in pietre, dovrebbe essere una cosa ovvia. In un caso simile sono molto pia adatte allo scopo delle panche e dei sedili in legno, equamente proporzionati, che riflettano quella sensazione di solidità e durata destata da uno sfondo di tal genere. Spesso si presenta anche il problema se dipingere o meno i sedili in legno: anche in questo caso è bene attenersi alle cose che sono immediatamente vicine. Un sedile bianco può essere un delizioso punto focale o, alternativamente,  lo si può far concordare con la combinazione di colori esterna della casa stessa.

I mobili in ferro battuto, sempre di moda, hanno i loro limiti. Possono sembrare importanti in un soggiorno tradizionale, come un vecchio giardino o in un atrio cittadino, ma sono controindicati per un cortile di servizio suburbano, dove sono più adatti quelli in plastica. Le tradizionali sedie a sdraio, ormai un po’ demodé, avevano il pregio di costare poco pur essendo molto pratiche, per cui la soluzione migliore resta quella di scegliere ciò che appare più idoneo ad arredare un sito per renderlo comodo e caldo, senza sfociare in una eccessiva eleganza.

Le alternative possono essere tante. Un sedile in mattoni come parte integrante di un’aiuola rialzata o di uno specchio d’acqua, un semplice sedile di assicelle messo tra due rampe di scale, o anche una continuazione di uno stesso scalino. Occorre avere un po’ di fantasia come anche la capacità di riconoscere un’opportunità e di saperla sfruttare. Va anche detto che panche e sedili non servono solo per arredare delle zone di sosta, come il patio, ma anche per dare la possibilità di sedersi a osservare un particolare angolo del giardino, a godere di un po’ di relax anche in solitudine, per osservare la natura e i suoi abitanti, come ad esempio gli uccelli che si soffermano a bere o a fare il bagno in una piccola vasca con zampillo.

Sedili occasionali o autocostruiti

Una categoria di oggetti merita senz’altro l’attenzione, oggetti che originariamente non hanno la funzione di sedili ma che lo possono divenire in modo del tutto casuale. Dei grandi massi con la superficie piana collocati vicino ad uno specchio d’acqua, un tronco di albero caduto o un ceppo, o una vecchia radice soddisfano alla funzione di punti focali, di sedili e di ospiti di piante rampicanti.

Per  quanto riguarda le sedute realizzate in casa, il legno come materiale è quello che si presta  di più a venir lavorato. Per molti gli alberi abbattuti o caduti costituiscono un problema, mentre invece con poco lavoro, possono trasformarsi in delle belle e comode panche. Le pietre e i materiali in cemento sono dei considerevoli sedili potenziali, infatti esiste un gran numero di modelli prefabbricati in cemento, come blocchi per costruire sentieri che possono essere utilizzati non soltanto per i muri di cinta, ma anche come sedili. Si possono fare dei semplici ma efficaci sostegni con mattoni o pilastri di pietra e collocarvi sopra una lastra di pietra.

Anche i  bordi dei chiusini possono costituire dei sedili senza pretese, se si collocano nel terreno e si riempiono di cemento, spianando la superficie una volta che sia ultimata, prima che il cemento si indurisca, per ottenere un insieme regolare. Simili sedili saranno molto solidi, praticamente indistruttibili, e dovranno essere collocati nelle zone del giardino in cui si accordino con le costruzioni circostanti. Per un evidente senso di comodità e praticità conviene completare tali sedili in cemento o in pietra con dei cuscini.

In ultima analisi i sedili sono dettagli che completano un giardino e come tali bisogna collocarli con attenzione, tenendo presente lo schema di tutta la composizione come pure le proprie necessità personali. Come regola generale è meglio averne troppi piuttosto che troppo pochi, e tenerne anche altri che possano essere spostati, e altri ancora di tipo smontabile da tenere da parte, in caso si avessero ospiti numerosi.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: