articolo Giardinaggio Attrezzi
Una rastrelliera per gli attrezzi fai da te freccemartedì 27 maggio 2014

Una rastrelliera per gli attrezzi da giardino è quasi indispensabile per mantenere un certo ordine nel locale in cui questi sono conservati, dal momento che per le loro dimensioni sono scomodi da tenere puliti e oltre tutto da riporre in modo da non creare disordine. Inoltre, alcuni di questi, come i forconi o altri attrezzi muniti di lame, possono risultare pericolosi se conservati alla rinfusa, per cui la soluzione migliore consiste nella costruzione di una rastrelliera, appositamente concepita per tenere ordinati gli attrezzi. Per un buon fai da te si tratta di una operazione abbastanza semplice, nulla di particolarmente complicato, anche perché il più delle volte è possibile già reperire in casa l’occorrente per la realizzazione,  tuttavia qualche piccolo consiglio potrà sempre tornare utile.

Attrezzi e materiali
Tra gli attrezzi il più importante è il trapano dotato di punta da 25 mm, meglio se a tazza, così da assicurare una foratura praticamente perfetta, anche perché poi quei fori dovranno  fungere da alloggiamento per i pioli di sostegno della rastrelliera. Inoltre occorrono le punte adatte per praticare i fori che accoglieranno le viti di fissaggio della rastrelliera alla parete, per cui le punte dovranno inoltre essere adatte a forare il materiale in cui è realizzata la parete di sostegno. Quindi una sega per tenoni, e in questo caso andrebbe benissimo una sega a gattuccio e infine un mazzuolo in legno o un qualsiasi martello.

Per quanto riguarda i materiali servono un’asta cilindrica del diametro di 25 mm e della lunghezza di 1 metro o più  nel caso la rastrelliera debba accogliere diversi attrezzi; viti da 7/8 cm idonee al fissaggio della rastrelliera alla parete, quindi o a legno o per essere utilizzate con i normali tasselli da muratura; una tavola di legno in abete o pino di 100 x 25 mm, o più lunga in base alle necessità; colla per legno, quindi sarà perfetta la colla vinilica; viti da legno da 5/6 cm per migliorare l’ancoraggio dei pioli alla tavola di legno e infine della carta vetrata  a grana media.

Caratteristiche della rastrelliera
La caratteristica principale di una rastrelliera di questo tipo, oltre alla facilità di costruzione, è il suo utilizzo ancor più semplice in quanto gli attrezzi verrebbero  alloggiati tra i pioli che fungeranno anche da sostegno, cos’ da avere sempre  tutto a portata di mano e perfettamente in ordine.  I pioli devono essere della lunghezza di almeno 10 cm e la stessa misura verrà adottata per la spaziatura tra piolo e piolo. Questi, ovviamente, vanno inseriti al centro dell’asse di legno, per cui è necessario procedere con una certa precisione così da avere alla fine un accessorio praticamente perfetto.

Iniziare a segnare sulla tavola di legno che fungerà da traversa di sostegno in cui verranno inseriti i pioli, i punti ove praticare i fori lungo una linea orizzontale per tutta la lunghezza della tavola, a una distanza, come già detto, di 10 cm l’uno dall’altro. Sistemare la tavola di sostegno in modo saldo su di un supporto idoneo, preferibilmente fissandola con delle morse, e cominciare a forare con molta attenzione, realizzando una inclinazione di 10 gradi verso il lato superiore, in modo che i pioli di sostegno, una volta fissati, siano rivolti verso l’alto. Quando si praticano i fori, ricordarsi  che la punta del trapano deve attraversare completamente la tavola di sostegno onde evitare che alla fine possano risultare poco stabili.

Tagliare i pioli della giusta lunghezza, 10 cm, e levigarli con la carta vetrata. Mettere della colla vinilica in ciascun foro e inserire i pioli nella posizione voluta aiutandosi con il mazzuolo in legno, o anche con un martello in bachelite. In mancanza, è possibile sempre usare un qualsiasi martello, senza però mai  martellare direttamente sui pioli, ma interponendo tra di essi e il martello, un pezzo di legno qualsiasi.
Se la rastrelliera così realizzata dovrà essere appesa ad una parete di legno, bastano alcune viti da legno per fissarla, altrimenti, in caso il muro di sostegno fosse in muratura, è necessario utilizzare i soliti tasselli di plastica, indispensabili per tenere ben salde le viti.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:



 



Phormium

Phormium, genere di 2 specie di piante perenni, sempreverdi, semirustiche, coltivate per le foglie e i fiori tubolosi, molto ornamentali. La specie descritta cresce in tuti i terreni fertili. Queste piante possono essere ........

Acidanthera

Acidanthera, genere di 20 specie di piante bulbose molto decorative, appartenenti alla famiglie delle Iridacee, che assomigliano al gladiolo e all’Ixia. Sono originarie dei paesi tropicali dell’emisfero meridionale, in modo ........

Eucryphia

Eucryphia, genere di 5-6 specie di alberi o arbusti sempreverdi  o a foglie decidue, appartenenti alla famiglia delle Eucryphiaceae, originai dell’America meridionale, dell’Australia e della Tasmania. Le specie e gli ........

Lavatera
Lavatera, genere di 25 specie di piante erbacee e suffruticose, annuali, biennali e perenni, con fiori imbutiformi, simili a qualli dell'Ibisco. La specie annuale descritta è adatta per le bordure, ........

Platystemon

Platystemon, genere di una sola specie annuale rustica, appartenente alla famiglia delle Papaveraceae, adatta per il primo piano delle bordure erbacee e per il giardino roccioso. Non è una pianta molto comune, tuttavia è ........

 

 

Ricetta del giorno
Biscotti al limone
Lavorate il burro (tenendone da parte un cucchiaio che occorrerà in seguito) ammorbidito con lo zucchero e la buccia di limone grattuggiata; quando saranno ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Filipendula
La Filipendula, genere di 10 specie di piante erbacee, perenni, rustiche che crescono bene nei terreni umidi assieme alle Lythrum e Lysimachia. Sono adatte per le bordure e per la raccolta dei fiori ........

Myosotidium

Myosotidium, genere comprendente una sola specie erbacea, sempreverde, perenne, che si coltiva nelle zone a clima mite, umide e ben riparate.
Si pianta in settembre-ottobre, in tutti i terreni da giardino, in posizioni ........

Abutilon

Abutilon, genere che comprende più di 100 erbacee, arbusti e piccoli alberi, appartenenti alla famiglia delle Malvacee, originari dell’America Centrale. Per la maggior parte si tratta di piante semirustiche e delicate che ........


Globularia

Globularia, genere di 28 specie di piante erbacee e suffruticose, adatte per il primo piano delle bordure e per il giardino roccioso.
Si coltivano in terreno ben drenato, calcareo, al sole, dove prosperano perfettamente. ........

Ricetta del giorno
Frittelle di banane
Amalgamate in una terrina gli ingredienti per la pastella, ovvero 125 gr di farina, 2 dl di acqua tiepida, 5 cucchiai d'olio, 1 uovo e 1 pizzico di sale, ....


 articolo Giardinaggio Attrezzi
Una rastrelliera per gli attrezzi fai da te freccemartedì 27 maggio 2014

Una rastrelliera per gli attrezzi da giardino è quasi indispensabile per mantenere un certo ordine nel locale in cui questi sono conservati, dal momento che per le loro dimensioni sono scomodi da tenere puliti e oltre tutto da riporre in modo da non creare disordine. Inoltre, alcuni di questi, come i forconi o altri attrezzi muniti di lame, possono risultare pericolosi se conservati alla rinfusa, per cui la soluzione migliore consiste nella costruzione di una rastrelliera, appositamente concepita per tenere ordinati gli attrezzi. Per un buon fai da te si tratta di una operazione abbastanza semplice, nulla di particolarmente complicato, anche perché il più delle volte è possibile già reperire in casa l’occorrente per la realizzazione,  tuttavia qualche piccolo consiglio potrà sempre tornare utile.

Attrezzi e materiali
Tra gli attrezzi il più importante è il trapano dotato di punta da 25 mm, meglio se a tazza, così da assicurare una foratura praticamente perfetta, anche perché poi quei fori dovranno  fungere da alloggiamento per i pioli di sostegno della rastrelliera. Inoltre occorrono le punte adatte per praticare i fori che accoglieranno le viti di fissaggio della rastrelliera alla parete, per cui le punte dovranno inoltre essere adatte a forare il materiale in cui è realizzata la parete di sostegno. Quindi una sega per tenoni, e in questo caso andrebbe benissimo una sega a gattuccio e infine un mazzuolo in legno o un qualsiasi martello.

Per quanto riguarda i materiali servono un’asta cilindrica del diametro di 25 mm e della lunghezza di 1 metro o più  nel caso la rastrelliera debba accogliere diversi attrezzi; viti da 7/8 cm idonee al fissaggio della rastrelliera alla parete, quindi o a legno o per essere utilizzate con i normali tasselli da muratura; una tavola di legno in abete o pino di 100 x 25 mm, o più lunga in base alle necessità; colla per legno, quindi sarà perfetta la colla vinilica; viti da legno da 5/6 cm per migliorare l’ancoraggio dei pioli alla tavola di legno e infine della carta vetrata  a grana media.

Caratteristiche della rastrelliera
La caratteristica principale di una rastrelliera di questo tipo, oltre alla facilità di costruzione, è il suo utilizzo ancor più semplice in quanto gli attrezzi verrebbero  alloggiati tra i pioli che fungeranno anche da sostegno, cos’ da avere sempre  tutto a portata di mano e perfettamente in ordine.  I pioli devono essere della lunghezza di almeno 10 cm e la stessa misura verrà adottata per la spaziatura tra piolo e piolo. Questi, ovviamente, vanno inseriti al centro dell’asse di legno, per cui è necessario procedere con una certa precisione così da avere alla fine un accessorio praticamente perfetto.

Iniziare a segnare sulla tavola di legno che fungerà da traversa di sostegno in cui verranno inseriti i pioli, i punti ove praticare i fori lungo una linea orizzontale per tutta la lunghezza della tavola, a una distanza, come già detto, di 10 cm l’uno dall’altro. Sistemare la tavola di sostegno in modo saldo su di un supporto idoneo, preferibilmente fissandola con delle morse, e cominciare a forare con molta attenzione, realizzando una inclinazione di 10 gradi verso il lato superiore, in modo che i pioli di sostegno, una volta fissati, siano rivolti verso l’alto. Quando si praticano i fori, ricordarsi  che la punta del trapano deve attraversare completamente la tavola di sostegno onde evitare che alla fine possano risultare poco stabili.

Tagliare i pioli della giusta lunghezza, 10 cm, e levigarli con la carta vetrata. Mettere della colla vinilica in ciascun foro e inserire i pioli nella posizione voluta aiutandosi con il mazzuolo in legno, o anche con un martello in bachelite. In mancanza, è possibile sempre usare un qualsiasi martello, senza però mai  martellare direttamente sui pioli, ma interponendo tra di essi e il martello, un pezzo di legno qualsiasi.
Se la rastrelliera così realizzata dovrà essere appesa ad una parete di legno, bastano alcune viti da legno per fissarla, altrimenti, in caso il muro di sostegno fosse in muratura, è necessario utilizzare i soliti tasselli di plastica, indispensabili per tenere ben salde le viti.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: