articolo Cucina Alimentazione
Burro, margarina e olio di oliva: le differenze freccelunedì 2 dicembre 2013

Burro, margarina e olio di oliva sono alimenti molto noti dal punto di vista alimentare,alcuni in cucina fanno uso di tutti e tre, altri utilizzano solo due di questi altri soltanto uno;tra il burro, la margarina e l'olio di oliva vi sono enormi differenze, soprattutto per quanto riguarda il discorso salutistico. Iniziamo dalla margarina, solitamente per margarina s'intende quella tradizionale, ovvero quella idrogenata. La margarina idrogenata è composta da oli vegetali, solitamente di palma, i quali subiscono un processo chimico chiamato idrogenazione, il quale trasforma l'olio da sostanza liquida in sostanza solida, questa margarina è molto dannosa, in quanto contiene grassi detti trans di origine chimica, nocivi per la nostra salute.

La margarina non idrogenata invece non contiene questo tipo di grassi, in quanto l'olio vegetale in questo caso viene solidificato mediante un altro processo chiamato frazionamento, il quale non ricorre a sostanze chimiche, però tale procedimento estrae solo la parte satura dell'olio ed elimina quella insatura, ovvero quella benefica, perciò anche la margarina non idrogenata non è affatto salutare, poichè contiene grassi saturi, anche questi nocivi per la salute, come quelli idrogenati. Poi abbiamo il burro, anche il burro è composto da grassi saturi, di origine animale contrariamente a quelli presenti nella margarina non idrogenata, che sono vegetali, tuttavia il burro apporta qualche sostanza nutritiva come la vit D e il calcio, perciò è preferibile alla margarina, dato che quest'ultima non ha nessun valore nutritivo.

L'olio di oliva invece risulta essere,fra i tre, l'unico alimento veramente salutare, in quanto i grassi vegetali in esso presenti non sono nè saturi, nè tantomeno idrogenati, si tratta di grassi polinsaturi, i quali contrariamente a quelli saturi e a quelli idrogenati, non sono nocivi, anzi sono amici della salute. Infatti i grassi polinsaturi presenti nell'olio di oliva non innalzano il livello del colesterolo cattivo LDL e dei trigliceridi, quindi non favoriscono l'insorgenza di patologie gravi come arteriosclerosi, infarti e ictus. L'olio di oliva perciò è il condimento migliore dal punto di vista salutistico, tuttavia  chi non gradisce il suo sapore può optare per il burro, però questo va consumato con giudizio, dato che contiene grassi saturi, inoltre il burro va consumato a crudo, poichè cotto risulta indigesto e produce sostanze tossiche.

L'olio di oliva invece dato il suo elevato valore nutritivo, può essere consumato tranquillamente sia a crudo che cotto, è adatto, anzi raccomandato, infatti anche per la frittura, grazie ai suoi grassi polinsaturi riesce a combattere e a ridurre il colesterolo cattivo LDL e questo non è poco. L'olio di oliva è ricco di vit E e polifenoli, sostanze antiossidanti, inoltre contiene l'oleocantale, una sostanza che è un antinfiammatorio naturale. L'olio di oliva perciò può essere considerato un vero e proprio oro naturale, un dono prezioso che la natura ci offre.
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

kety  Abate - vedi tutti gli articoli di kety  Abate



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:



 



Galega

La Galega , originaria dei Balcani, Asia Minore, Italia e Caucaso, comprende 6 specie ed è una erbacie perenne rustica, molto vigorosa e compatta.
Le foglie sono imparipennate, brevemente picciolate, ........

Maurandia

Maurandia, genere di 10 specie di piante perenni, rampicanti o striscianti, sempreverdi, delicate o semirustiche, appartenenti alla famiglia delle Scrophulariaceae. Le specie descritte possono essere coltivate all’aperto ........

Acantholimon

Acantholimon, genere di 150 specie di piante sempreverdi a crescita lenta, perenni, per lo più originarie di regioni desertiche. Le specie descritte, belle piante per i giardini rocciosi, presentano giuffi di foglie aghiformi ........

Ailanthus (Ailanto)
Ailanthus (Ailanto): genere di 8-9 specie di alberi rustici, dioici, a foglie decidue, originari dell'Asia centrale e dell'Australia. La specie descritta è impiegata soprattutto per i parchi e per i viali cittadini ........

Pittòsporo Pittosporum)
Il Pittòsporo (Pittosporum) originario dell'Africa, Asia, Australia, Nuova Zelanda e Isole del Pacifico, comprende circa 80 specie ed è un aubusto o piccolo albero di limitata altezza.
Le foglie, ........

 

 

Ricetta del giorno
Mezze maniche con zucchine e salmone
Fare bollire una pentola con circa 3,5 litri di acqua salata con sale grosso. Calare le mezze maniche, mescolare e portare a cottura.
Intanto si ....
sono presenti 550 piante
sono presenti 235 articoli

tutte le piante
annuali bulbose felci orchidee perenni il mondo delle rose il mondo delle primule
succulente
a foglia caduca sempreverdi
sempreverdi e decidue
a foglia caduca sempreverdi
da fiore
acquatiche
appartamento Serra
tecnica
frutteto orto
attrezzi
Verande Piscine Illuminazione giardino Cancelli e recinzioni Arredamento giardino
elenco completo articoli profilo di una pianta

lavori del mese
lotta ai parassiti
tutto piscine



Leontopodium

Leontopodium, genere di 30 specie di piante erbacee, perenni e rustiche. La specie descritta cresce bene nei terreni calcarei, si moltiplica per seme ed è adatta per il giardino alpino. Può essere coltivata anche nei giardini ........

Armèria (Armeria)

L' Armèria (Armeria) , originaria dell'Europa, Africa settentrionale, America del Nord e Asia occidentale comprende circa 50 specie, di cui 6 spontanee in Italia ed è una pianticella erbacea, perenne ........

Albero di Giuda (Cercis)

L' Albero di Giuda (Cercis) originario dell'Asia minore ed Europa meridionale (Cercis siliquastrum) e della Florida e Carolina (Cercis Canadensis) comprende 7 ........

Koelreuteria

La Koelreuteria è un albero che comprende 8 specie, ha foglie decidue, ed è originaria dell'Asia Minore. Ha foglie molto ornamentali e fiori stellati e, a torto, non è molto diffuso nei ........

Cynoglossum

Cynoglossum, genere di 50-60 specie di piante erbacee perenni e biennali. Le specie descritte sono rustiche e adatte per la coltivazione nelle aiuole e nelle bordure.
Si piantano in autunno o in primavera in terreni abbastanza ........

Ricetta del giorno
Frittata con pecorino toscano e pistacchi
Iniziare con lo sgusciare i pistacchi, tritarli sul tagliere con il coltello e metterli da parte.
Rompere le uova in una ciotola, unire sale, ....


 articolo Cucina Alimentazione
Burro, margarina e olio di oliva: le differenze freccelunedì 2 dicembre 2013

Burro, margarina e olio di oliva sono alimenti molto noti dal punto di vista alimentare,alcuni in cucina fanno uso di tutti e tre, altri utilizzano solo due di questi altri soltanto uno;tra il burro, la margarina e l'olio di oliva vi sono enormi differenze, soprattutto per quanto riguarda il discorso salutistico. Iniziamo dalla margarina, solitamente per margarina s'intende quella tradizionale, ovvero quella idrogenata. La margarina idrogenata è composta da oli vegetali, solitamente di palma, i quali subiscono un processo chimico chiamato idrogenazione, il quale trasforma l'olio da sostanza liquida in sostanza solida, questa margarina è molto dannosa, in quanto contiene grassi detti trans di origine chimica, nocivi per la nostra salute.

La margarina non idrogenata invece non contiene questo tipo di grassi, in quanto l'olio vegetale in questo caso viene solidificato mediante un altro processo chiamato frazionamento, il quale non ricorre a sostanze chimiche, però tale procedimento estrae solo la parte satura dell'olio ed elimina quella insatura, ovvero quella benefica, perciò anche la margarina non idrogenata non è affatto salutare, poichè contiene grassi saturi, anche questi nocivi per la salute, come quelli idrogenati. Poi abbiamo il burro, anche il burro è composto da grassi saturi, di origine animale contrariamente a quelli presenti nella margarina non idrogenata, che sono vegetali, tuttavia il burro apporta qualche sostanza nutritiva come la vit D e il calcio, perciò è preferibile alla margarina, dato che quest'ultima non ha nessun valore nutritivo.

L'olio di oliva invece risulta essere,fra i tre, l'unico alimento veramente salutare, in quanto i grassi vegetali in esso presenti non sono nè saturi, nè tantomeno idrogenati, si tratta di grassi polinsaturi, i quali contrariamente a quelli saturi e a quelli idrogenati, non sono nocivi, anzi sono amici della salute. Infatti i grassi polinsaturi presenti nell'olio di oliva non innalzano il livello del colesterolo cattivo LDL e dei trigliceridi, quindi non favoriscono l'insorgenza di patologie gravi come arteriosclerosi, infarti e ictus. L'olio di oliva perciò è il condimento migliore dal punto di vista salutistico, tuttavia  chi non gradisce il suo sapore può optare per il burro, però questo va consumato con giudizio, dato che contiene grassi saturi, inoltre il burro va consumato a crudo, poichè cotto risulta indigesto e produce sostanze tossiche.

L'olio di oliva invece dato il suo elevato valore nutritivo, può essere consumato tranquillamente sia a crudo che cotto, è adatto, anzi raccomandato, infatti anche per la frittura, grazie ai suoi grassi polinsaturi riesce a combattere e a ridurre il colesterolo cattivo LDL e questo non è poco. L'olio di oliva è ricco di vit E e polifenoli, sostanze antiossidanti, inoltre contiene l'oleocantale, una sostanza che è un antinfiammatorio naturale. L'olio di oliva perciò può essere considerato un vero e proprio oro naturale, un dono prezioso che la natura ci offre.
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

kety  Abate - vedi tutti gli articoli di kety  Abate



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: