articolo Uccelli
Un Cardellino di nome Tv - Consigli pratici per addomesticare un uccellino senza privarlo della sua libertà freccemercoledì 2 ottobre 2013  



Alla fine dell’estate ha fatto la sua comparsa nella mia casa estiva un piccolo cardellino. Richiamato dallo scintillante orologio dell’antennista che lavorava sul tetto, ha deciso di posarsi sulla sua mano e una volta attirato in casa dal braccialetto di mia madre, il nostro avventore si è andato subito a sistemare sopra al televisore, aggiudicandosi così il suo nome, Tv. Tv è un Verdone, specie appartenente al genere dei fringuelli, la più comune in Italia.

Motivo per cui, nonostante quest’animale tenda a soffrire di claustrofobia, non è insolito trovarlo in gabbia. Sapendo questo e notando la familiarità di Tv con gli esseri umani abbiamo pensato che fosse scappato dalla cattività e il suo pessimo stato ci forniva la prova che l’inizio della sua ritrovata libertà non doveva essere stato facile. Nutrito e lavato, Tv si è subito sentito in famiglia ed è tornato a trovarci tutti i giorni. Nonostante fosse affascinato dalla sua indipendenza, continuava infatti a cercare il contatto con gli umani, forse per semplice abitudine ma più probabilmente per necessità.

Una vita passata in cattività ti priva delle abilità necessarie alla sopravvivenza (procurarsi il cibo, difendersi dai pericoli, ecc.) Sono iniziati così giorni di dubbi e discussioni su quello che doveva essere il futuro del cardellino. Da una parte non volevamo rinchiuderlo nuovamente, dall'altra la preoccupazione che non se la potesse cavare da solo ci spingeva a desiderare di portarlo con noi. Ma col passare dei giorni Tv migliorava a vista d’occhio e recuperava confidenza col mondo esterno. Il suo piumaggio ricresceva, l’abilità nel volo progrediva e iniziava a interagire con i passerotti di zona. Perciò giunti alla partenza, strapparlo a quella nuova vita sembrava proprio una crudeltà.

Purtroppo la nostra preoccupazione restava, volevamo assicurarci che l’inverno non gli fosse fatale ma è bastata un’occhiata a qualche sito di riciclaggio per trovare la soluzione al nostro problema. Innanzitutto bisognava lasciargli una scorta abbondante di cibo, facilmente accessibile e protetta dalle intemperie. In questi casi basta riempire una bottiglia di plastica con le semenze per uccelli, praticargli un foro nella parte inferiore e inserirvi un cucchiaio di legno da cucina. Il cucchiaio servirà come “piatto” sul quale ricadranno i semi e come punto d’appoggio per l’uccello intento a mangiare.

Per proteggerlo dall'inverno invece cercavamo una di quelle casette di legno che facilmente si trovano in qualsiasi negozio di animali di una grande città, ma che in una piccola isola sembrano essere oggetti leggendari. Allora ecco che con un po’ di colla e riciclando qualche vecchio libro abbiamo creato una piccola casetta. La carta stampata fra l’altro, come molti di voi sapranno, è un ottimo isolante per il freddo, per cui oltre a garantire un tetto al nostro uccellino, gli assicura un po’ di calore. L’unica difficoltà nella costruzione di questa “abitazione” sta nel creare il foro d’ingresso, ma con un buon coltello e un po’ di pazienza si può ottenere un risultato accettabile.

Insomma siamo partiti più tranquilli e alla prima fuga sull'isola, la scorsa settimana, Tv era là ad aspettarci, non più da solo ma in compagnia di una bella passerotta. Speriamo quindi che in primavera, nella nostra casetta di libri riciclati, troveremo ad accoglierci una bella famiglia.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Ambra  Rufini - vedi tutti gli articoli di Ambra  Rufini



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Vermicelli alla siracusana
Lavare il peperone, eliminare i semi interni, passarlo sulla griglia per abbrustolirlo, dopo di che eliminare la buccia.
Lavare la melanzana, asciugarla ....
Adotta un animale Altri Cani Gatti Il mondo animale Uccelli



Articoli correlati

I volontari della LIPU, gli angeli custodi della fauna alata - sabato 14 settembre 2013
Poiane, gheppi, falchi e nibbi impallinati da bracconieri; civette, gufi e barbagianni contusi in seguito ad impatti con autovetture; cicogne ed aironi feriti a causa di collisioni con cavi sospesi; rondoni e balestrucci caduti dal nido; ........

Convivere con un pappagallo: esperienza straordinaria ma impegnativa - mercoledì 11 settembre 2013
Decidere di accogliere in casa un pappagallo, e quindi convivere con lui, è un’esperienza tanto straordinaria quanto impegnativa. Convivere con questo animale è infatti un’esperienza che va oltre le normali cure di igiene ed alimentazione. I ........

Costruiamo una casa per i nostri amici uccelli - lunedì 28 ottobre 2013

Siete amanti degli uccelli e desiderate costruir loro un nido artificiale? Prendete tavole di legno, chiodi, sega e martello, perché questo è il momento adatto: un nido artificiale infatti - anche se sarà utilizzato ........

Come aiutare gli uccelli in difficoltà - lunedì 15 ottobre 2012

Sarà capitato a tutti, prima o poi, di trovare un uccellino in difficoltà perché caduto dal nido, tuttavia quando si fanno questi incontri, non bisogna avere fretta di raccoglierlo perché non è detto che potrebbe avere  bisogno d’aiuto. ........

Piccoli grandi ospiti del giardino - lunedì 15 ottobre 2012

Quando la morsa del gelo addormenta la natura, il nostro giardino può diventare il rifugio per un gran numero di graziosissimo ospiti. Tra questi, due in particolare sono coloro che frequentano più spesso i nostri giardini e,  per la precisione, ........

Ricetta del giorno
Insalata greca
Lavare accuratamente e poi tagliare il cetriolo e i pomodori maturi a pezzi grossi, che è poi il segreto di una buona insalata greca. Tagliare le due ....



 articolo Uccelli
Un Cardellino di nome Tv - Consigli pratici per addomesticare un uccellino senza privarlo della sua libertà freccemercoledì 2 ottobre 2013  

Alla fine dell’estate ha fatto la sua comparsa nella mia casa estiva un piccolo cardellino. Richiamato dallo scintillante orologio dell’antennista che lavorava sul tetto, ha deciso di posarsi sulla sua mano e una volta attirato in casa dal braccialetto di mia madre, il nostro avventore si è andato subito a sistemare sopra al televisore, aggiudicandosi così il suo nome, Tv. Tv è un Verdone, specie appartenente al genere dei fringuelli, la più comune in Italia.

Motivo per cui, nonostante quest’animale tenda a soffrire di claustrofobia, non è insolito trovarlo in gabbia. Sapendo questo e notando la familiarità di Tv con gli esseri umani abbiamo pensato che fosse scappato dalla cattività e il suo pessimo stato ci forniva la prova che l’inizio della sua ritrovata libertà non doveva essere stato facile. Nutrito e lavato, Tv si è subito sentito in famiglia ed è tornato a trovarci tutti i giorni. Nonostante fosse affascinato dalla sua indipendenza, continuava infatti a cercare il contatto con gli umani, forse per semplice abitudine ma più probabilmente per necessità.

Una vita passata in cattività ti priva delle abilità necessarie alla sopravvivenza (procurarsi il cibo, difendersi dai pericoli, ecc.) Sono iniziati così giorni di dubbi e discussioni su quello che doveva essere il futuro del cardellino. Da una parte non volevamo rinchiuderlo nuovamente, dall'altra la preoccupazione che non se la potesse cavare da solo ci spingeva a desiderare di portarlo con noi. Ma col passare dei giorni Tv migliorava a vista d’occhio e recuperava confidenza col mondo esterno. Il suo piumaggio ricresceva, l’abilità nel volo progrediva e iniziava a interagire con i passerotti di zona. Perciò giunti alla partenza, strapparlo a quella nuova vita sembrava proprio una crudeltà.

Purtroppo la nostra preoccupazione restava, volevamo assicurarci che l’inverno non gli fosse fatale ma è bastata un’occhiata a qualche sito di riciclaggio per trovare la soluzione al nostro problema. Innanzitutto bisognava lasciargli una scorta abbondante di cibo, facilmente accessibile e protetta dalle intemperie. In questi casi basta riempire una bottiglia di plastica con le semenze per uccelli, praticargli un foro nella parte inferiore e inserirvi un cucchiaio di legno da cucina. Il cucchiaio servirà come “piatto” sul quale ricadranno i semi e come punto d’appoggio per l’uccello intento a mangiare.

Per proteggerlo dall'inverno invece cercavamo una di quelle casette di legno che facilmente si trovano in qualsiasi negozio di animali di una grande città, ma che in una piccola isola sembrano essere oggetti leggendari. Allora ecco che con un po’ di colla e riciclando qualche vecchio libro abbiamo creato una piccola casetta. La carta stampata fra l’altro, come molti di voi sapranno, è un ottimo isolante per il freddo, per cui oltre a garantire un tetto al nostro uccellino, gli assicura un po’ di calore. L’unica difficoltà nella costruzione di questa “abitazione” sta nel creare il foro d’ingresso, ma con un buon coltello e un po’ di pazienza si può ottenere un risultato accettabile.

Insomma siamo partiti più tranquilli e alla prima fuga sull'isola, la scorsa settimana, Tv era là ad aspettarci, non più da solo ma in compagnia di una bella passerotta. Speriamo quindi che in primavera, nella nostra casetta di libri riciclati, troveremo ad accoglierci una bella famiglia.

©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Ambra  Rufini - vedi tutti gli articoli di Ambra  Rufini





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: