articolo Cani
Il miele, da cibo degli dei a rimedio naturale per i nostri amici a quattrozampe freccevenerdì 27 settembre 2013  



Il miele è un nutrimento tra i più antichi del mondo. Le tracce di questo prezioso alimento risalgono a millenni fa. Dagli egizi era considerato il ‘cibo degli dei’ e veniva posto in preziose coppe accanto alle mummie per accompagnarle durante il viaggio nell’aldilà; infatti, furono proprio gli egizi i primi a scoprirne le infinite proprietà non solo nutrizionali, ma anche e soprattutto medicamentose. Ma chissà perché quando si parla di rimedi terapeutici che non contemplano l’uso di farmaci, si pensa soprattutto alle patologie dell’uomo… Siamo o non siamo anche noi degli animali?

E allora, perché non usare le proprietà curative del miele anche sui nostri amici a quattrozampe, senza ricorrere sempre ai costosissimi medicinali per uso veterinario? Anche i nostri amici domestici si possono spesso curare con rimedi naturali che, senza dubbio, risulteranno più tollerati e graditi di una pillola mascherata in un bocconcino apparentemente appetitoso. Un raffreddore del nostro cane o una febbre stagionale si può guarire più in fretta con un cucchiaino di miele i cui zuccheri risultano essere più facilmente digeribili ed estremamente benaccetti per il nostro amico.

Anche le allergie stagionali, di cui le nostre amate bestiole soffrono spesso proprio come noi, possono essere alleviate dal ‘cibo degli dei’. In caso di lunghissime passeggiate con il vostro cucciolo, non dimenticate di portare con voi un barattolino di miele, darà energia all’animale e…anche al suo padrone. Inoltre, a chi, purtroppo, non è mai capitato di portare al parco il proprio cane ed al ritorno a casa ha avuto modo di accorgersi che il fedele compagno ha riportato una lieve ferita o un’abrasione?

Ecco un rimedio naturale ed efficace per curare il vostro cane: basta disinfettare con delicatezza la parte ferita con dell’acqua ossigenata (se sono presenti dei peli nella parte interessata bisognerà provvedere prima a depilarla), poi, dopo aver lavato la lesione con della soluzione fisiologica, sarà sufficiente fare un impacco con una buona dose di miele, lasciandone sulla parte lesa una patina di qualche millimetro; quindi la zona interessata va coperta con uno spesso strato di garza e va fasciata (attenzione: se la ferita è localizzata su una zampetta, la fasciatura dovrà essere abbastanza spessa e ben fissata con del cerotto di stoffa, in maniera da evitare che l’animale, sentendo l’odore del dolce nettare, possa tentare di togliersi la medicazione per arrivare a leccarlo).

Provate a ripetere questa operazione ogni giorno e constaterete che, in modo naturale e soprattutto senza traumi ulteriori per il vostro amico, la ferita guarirà; il miele, infatti, è anche un ottimo antibiotico ed antibatterico. Ah, dimenticavo… ricordatevi sempre di coccolare la bestiola con un piccolo appetitoso bocconcino alla fine di agni medicazione, aiuterà il cane a capire che lo state ‘dolcemente’ curando con tanto amore!
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Marcello  Gelfusa - vedi tutti gli articoli di Marcello  Gelfusa



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Orecchiette con ricotta
FAre bollire in una pentola di generose dimensioni 3 litri d’acqua e salarla con il sale grosso. Buttare la pasta, avendo cura di mescolare subito con ....
Adotta un animale Altri Cani Gatti Il mondo animale Uccelli



Articoli correlati

La Filariosi nel cane: un pericolo per i nostri amici a quattro zampe - lunedì 9 settembre 2013
La Filariosi è una malattia infettiva parassitaria, che colpisce in maniera preferenziale i cani, ma può coinvolgere nel contagio anche furetti e gatti. Questi ultimi presentano una maggiore resistenza nei confronti del microrganismo, ma, in alcune ........

Il miele, da cibo degli dei a rimedio naturale per i nostri amici a quattrozampe - venerdì 27 settembre 2013
Il miele è un nutrimento tra i più antichi del mondo. Le tracce di questo prezioso alimento risalgono a millenni fa. Dagli egizi era considerato il ‘cibo degli dei’ e veniva posto in preziose coppe accanto alle mummie per accompagnarle durante ........

Ehrlichiosi, un pericolo per il nostro cane - giovedì 20 marzo 2014

Eherlichiosi, un pericolo serio per il nostro cane, malattia trasmessa dalle zecche, le nemiche della pelle dell’amico a quattro zampe. Le Ehrlichie sono dei microrganismi appartenenti alla famiglia di coccobacilli delle Rickettziaceae. Ne ........

Cura del cane anziano - domenica 1 settembre 2013
Dagli albori della storia il cane accompagna l'uomo nelle varie fasi della vita, da quando e' cucciolo all'eta' adulta, fino a divenire anziano. Allora deve essere nostra premura saper cogliere ai primi segnali l'esordio di malessere o malattie ........

Pronto soccorso per cani e gatti - martedì 6 novembre 2012

Se al cane o al gatto di casa capitano piccoli incidenti, la cosa importante è non farsi cogliere impreparati e, ovviamente, nemmeno dal panico e cercare di reagire nel modo giusto. Un errore, in questo momento di concitazione, potrebbe mettere  ........

Ricetta del giorno
Vermicelli alla siracusana
Lavare il peperone, eliminare i semi interni, passarlo sulla griglia per abbrustolirlo, dopo di che eliminare la buccia.
Lavare la melanzana, asciugarla ....



 articolo Cani
Il miele, da cibo degli dei a rimedio naturale per i nostri amici a quattrozampe freccevenerdì 27 settembre 2013  

Il miele è un nutrimento tra i più antichi del mondo. Le tracce di questo prezioso alimento risalgono a millenni fa. Dagli egizi era considerato il ‘cibo degli dei’ e veniva posto in preziose coppe accanto alle mummie per accompagnarle durante il viaggio nell’aldilà; infatti, furono proprio gli egizi i primi a scoprirne le infinite proprietà non solo nutrizionali, ma anche e soprattutto medicamentose. Ma chissà perché quando si parla di rimedi terapeutici che non contemplano l’uso di farmaci, si pensa soprattutto alle patologie dell’uomo… Siamo o non siamo anche noi degli animali?

E allora, perché non usare le proprietà curative del miele anche sui nostri amici a quattrozampe, senza ricorrere sempre ai costosissimi medicinali per uso veterinario? Anche i nostri amici domestici si possono spesso curare con rimedi naturali che, senza dubbio, risulteranno più tollerati e graditi di una pillola mascherata in un bocconcino apparentemente appetitoso. Un raffreddore del nostro cane o una febbre stagionale si può guarire più in fretta con un cucchiaino di miele i cui zuccheri risultano essere più facilmente digeribili ed estremamente benaccetti per il nostro amico.

Anche le allergie stagionali, di cui le nostre amate bestiole soffrono spesso proprio come noi, possono essere alleviate dal ‘cibo degli dei’. In caso di lunghissime passeggiate con il vostro cucciolo, non dimenticate di portare con voi un barattolino di miele, darà energia all’animale e…anche al suo padrone. Inoltre, a chi, purtroppo, non è mai capitato di portare al parco il proprio cane ed al ritorno a casa ha avuto modo di accorgersi che il fedele compagno ha riportato una lieve ferita o un’abrasione?

Ecco un rimedio naturale ed efficace per curare il vostro cane: basta disinfettare con delicatezza la parte ferita con dell’acqua ossigenata (se sono presenti dei peli nella parte interessata bisognerà provvedere prima a depilarla), poi, dopo aver lavato la lesione con della soluzione fisiologica, sarà sufficiente fare un impacco con una buona dose di miele, lasciandone sulla parte lesa una patina di qualche millimetro; quindi la zona interessata va coperta con uno spesso strato di garza e va fasciata (attenzione: se la ferita è localizzata su una zampetta, la fasciatura dovrà essere abbastanza spessa e ben fissata con del cerotto di stoffa, in maniera da evitare che l’animale, sentendo l’odore del dolce nettare, possa tentare di togliersi la medicazione per arrivare a leccarlo).

Provate a ripetere questa operazione ogni giorno e constaterete che, in modo naturale e soprattutto senza traumi ulteriori per il vostro amico, la ferita guarirà; il miele, infatti, è anche un ottimo antibiotico ed antibatterico. Ah, dimenticavo… ricordatevi sempre di coccolare la bestiola con un piccolo appetitoso bocconcino alla fine di agni medicazione, aiuterà il cane a capire che lo state ‘dolcemente’ curando con tanto amore!
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Marcello  Gelfusa - vedi tutti gli articoli di Marcello  Gelfusa





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: