articolo Uccelli
I volontari della LIPU, gli angeli custodi della fauna alata freccesabato 14 settembre 2013  



Poiane, gheppi, falchi e nibbi impallinati da bracconieri; civette, gufi e barbagianni contusi in seguito ad impatti con autovetture; cicogne ed aironi feriti a causa di collisioni con cavi sospesi; rondoni e balestrucci caduti dal nido; passeri e cince imprigionati da fili da pesca lasciati aggrovigliati, oppure bloccati dentro tubi discendenti di grondaie: sono numerosissime nel corso dell’anno le segnalazioni di uccelli in difficoltà che giungono alle delegazioni provinciali della Lipu (Lega Italiana Protezione Uccelli) dislocate su tutto il suolo nazionale.

Ovviamente ci sono dei particolari periodi in cui si concentrano le richieste d’intervento: in concomitanza dell’apertura e la chiusura dell’attività venatoria ed a primavera inoltrata quando la gran parte degli uccelli ha nidificato e cominciano a schiudersi le uova, i volontari del sodalizio a difesa della fauna alata sono chiamati ad intervenire più volte al giorno per soccorrere esemplari feriti da pallini di fucili da caccia o piccoli caduti dal nido a causa del maltempo; nei restanti periodi dell’anno, invece, le richieste di aiuto sono maggiormente diradate nel tempo e riguardano soprattutto volatili feriti in seguito all’impatto con automobili o con fili elettrici sospesi per aria.

Ma si possono verificare anche emergenze ‘curiose’: una civetta andatasi accidentalmente ad incastrare all’interno della canna fumaria di un’abitazione. In genere, quando l’animale non ha riportato danni fisici viene subito reimmesso in natura; se invece presenta delle ferite o lesioni che ne impediscono un immediato ritorno all’esistenza abituale, si procede al suo trasferimento presso il più vicino centro recupero fauna selvatica, ove viene preso in consegna da mani esperte per le cure e terapie del caso (le strutture sono attrezzate con voliere di varia tipologia, di appositi tunnel per la riabilitazione al volo, di un comparto infermieristico e di una sala chirurgica con apparecchi radiologici).

Una volta curato, l’animale viene rilasciato in natura; quando ciò non è possibile, perché purtroppo la bestiola ha subito dei danni permanenti, esso viene tenuto ‘in cattività’ all’interno di grandi voliere insieme ad altri esemplari della sua specie.
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Marcello  Gelfusa - vedi tutti gli articoli di Marcello  Gelfusa



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Asparagi alla milanese
Raschiare i gambi degli asparagi della pellicola esterna, pareggiare le estremità, in modo che risultino tutti della stessa lunghezza, lavarli, legarli ....
Adotta un animale Altri Cani Gatti Il mondo animale Uccelli



Articoli correlati

Piccoli grandi ospiti del giardino - lunedì 15 ottobre 2012

Quando la morsa del gelo addormenta la natura, il nostro giardino può diventare il rifugio per un gran numero di graziosissimo ospiti. Tra questi, due in particolare sono coloro che frequentano più spesso i nostri giardini e,  per la precisione, ........

I volontari della LIPU, gli angeli custodi della fauna alata - sabato 14 settembre 2013
Poiane, gheppi, falchi e nibbi impallinati da bracconieri; civette, gufi e barbagianni contusi in seguito ad impatti con autovetture; cicogne ed aironi feriti a causa di collisioni con cavi sospesi; rondoni e balestrucci caduti dal nido; ........

Come aiutare gli uccelli in difficoltà - lunedì 15 ottobre 2012

Sarà capitato a tutti, prima o poi, di trovare un uccellino in difficoltà perché caduto dal nido, tuttavia quando si fanno questi incontri, non bisogna avere fretta di raccoglierlo perché non è detto che potrebbe avere  bisogno d’aiuto. ........

Un Cardellino di nome Tv - Consigli pratici per addomesticare un uccellino senza privarlo della sua libertà - mercoledì 2 ottobre 2013
Alla fine dell’estate ha fatto la sua comparsa nella mia casa estiva un piccolo cardellino. Richiamato dallo scintillante orologio dell’antennista che lavorava sul tetto, ha deciso di posarsi sulla sua mano e una volta attirato in casa dal ........

Costruiamo una casa per i nostri amici uccelli - lunedì 28 ottobre 2013

Siete amanti degli uccelli e desiderate costruir loro un nido artificiale? Prendete tavole di legno, chiodi, sega e martello, perché questo è il momento adatto: un nido artificiale infatti - anche se sarà utilizzato ........

Ricetta del giorno
Rotolone alla crema
Versare in un pentolino basso, latte, burro e zucchero, sciogliere a fuoco lento e una volta che il composto sarà omogeneo, togliere dal fuoco e lasciare ....



 articolo Uccelli
I volontari della LIPU, gli angeli custodi della fauna alata freccesabato 14 settembre 2013  

Poiane, gheppi, falchi e nibbi impallinati da bracconieri; civette, gufi e barbagianni contusi in seguito ad impatti con autovetture; cicogne ed aironi feriti a causa di collisioni con cavi sospesi; rondoni e balestrucci caduti dal nido; passeri e cince imprigionati da fili da pesca lasciati aggrovigliati, oppure bloccati dentro tubi discendenti di grondaie: sono numerosissime nel corso dell’anno le segnalazioni di uccelli in difficoltà che giungono alle delegazioni provinciali della Lipu (Lega Italiana Protezione Uccelli) dislocate su tutto il suolo nazionale.

Ovviamente ci sono dei particolari periodi in cui si concentrano le richieste d’intervento: in concomitanza dell’apertura e la chiusura dell’attività venatoria ed a primavera inoltrata quando la gran parte degli uccelli ha nidificato e cominciano a schiudersi le uova, i volontari del sodalizio a difesa della fauna alata sono chiamati ad intervenire più volte al giorno per soccorrere esemplari feriti da pallini di fucili da caccia o piccoli caduti dal nido a causa del maltempo; nei restanti periodi dell’anno, invece, le richieste di aiuto sono maggiormente diradate nel tempo e riguardano soprattutto volatili feriti in seguito all’impatto con automobili o con fili elettrici sospesi per aria.

Ma si possono verificare anche emergenze ‘curiose’: una civetta andatasi accidentalmente ad incastrare all’interno della canna fumaria di un’abitazione. In genere, quando l’animale non ha riportato danni fisici viene subito reimmesso in natura; se invece presenta delle ferite o lesioni che ne impediscono un immediato ritorno all’esistenza abituale, si procede al suo trasferimento presso il più vicino centro recupero fauna selvatica, ove viene preso in consegna da mani esperte per le cure e terapie del caso (le strutture sono attrezzate con voliere di varia tipologia, di appositi tunnel per la riabilitazione al volo, di un comparto infermieristico e di una sala chirurgica con apparecchi radiologici).

Una volta curato, l’animale viene rilasciato in natura; quando ciò non è possibile, perché purtroppo la bestiola ha subito dei danni permanenti, esso viene tenuto ‘in cattività’ all’interno di grandi voliere insieme ad altri esemplari della sua specie.
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Marcello  Gelfusa - vedi tutti gli articoli di Marcello  Gelfusa





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: