articolo Altri
Romania, approvata l’eutanasia per i cani randagi freccemartedì 10 settembre 2013  



In Romania, con 168 voti a favore, è stata approvata una legge che prevede l’eutanasia per tutti i cani randagi. Il presidente della Romania, Traian Basescu, ha chiesto al governo di approvare questa legge in seguito al caso di un bambino di quattro anni sbranato da sei cani randagi mentre giocava nel parco con suo fratello. ” Gli esseri umani sono al di sopra dei cani” ha sostenuto in difesa della sua proposta a votare la legge. Mentre i parlamentari discutevano e votavano la legge, fuori dal Parlamento centinaia di persone protestavano contro questa misura.

Bisogna sapere che il randagismo è da sempre una piaga che affligge questa terra, soltanto a Bucarest si contano circa cinquantamila cani vagabondi. Le autorità fanno sapere che circa 1.100 persone sono state morse da bestiole senza padrone nei primi quattro mesi del 2013. Il provvedimento prevede che i randagi, una volta catturati, siano custoditi nei canili, e se non reclamati entro un determinato limite di tempo, vengano poi eliminati. Naturalmente, questa decisione del governo ha scatenato la reazione delle associazioni per la protezione degli animali di tutto il mondo che sottolineano come la maggior parte di questi animali sia già sterilizzata.

Il governo però difende il provvedimento come atto per la sicurezza dei cittadini che in questi anni hanno subito numerosi attacchi da parte di questi cani randagi. Ciò su cui combattono le associazioni animali è il fallimento delle passate campagne di eutanasia: circa quattordici milioni di euro spesi dal 2001 al 2007 e migliaia di cani uccisi, senza raggiungere nessun risultato concreto. Va precisato che, in ambito veterinario, l'eutanasia è una pratica comune per sopprimere animali da compagnia o da allevamento affetti da malattie incurabili che provocano sofferenza fisica per l’animale stesso.

Si pratica anestetizzando l'animale e iniettando una sostanza via endovenosa che provoca il blocco cardio-respiratorio fino a provocarne la morte. Negli altri stati soltanto in questo preciso caso l’eutanasia è consentita, è una pratica medica per far si che i nostri amati animali smettano di soffrire. È contro ogni etica morale, a mio avviso, usare questo mezzo per ridurre fenomeni come il randagismo soprattutto quando le tecniche moderne ci permettono soluzioni alternative come la sterilizzazione ed il controllo sulle nascite. Sarebbe necessaria una sensibilizzazione a livello mondiale su questo tema, una sorta di task force che coinvolga tutte le popolazioni, per incentivare le adozioni di questi quattro zampe, prima che il termine stabilito dal governo della Romania decorra, in modo da salvare i nostri amici cani da una fine atroce.
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Filomena  Pavone - vedi tutti gli articoli di Filomena  Pavone



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Arance ripiene alla siciliana
Prendete quattro arance e, con l'aiuto di un coltellino dalla lama aguzza e tagliente, tagliate la calotta di ciascun frutto in modo da ricavare tanti ....
Adotta un animale Altri Cani Gatti Il mondo animale Uccelli



Articoli correlati

Filosofi animalisti - venerdì 6 settembre 2013
Uno dei più grandi, tra gli esponenti dei filosofi animalisti contemporanei, è senza dubbio Piero Martinetti. Egli agli inizi del 900 ha aperto un dibattito sul problema animale, in particolare sulla psicologia animale, secondo la quale gli ........

La vita delle api - mercoledì 4 settembre 2013
Forse non ci siamo mai interessati alla vita e all'attività delle api, soprattutto per paura dei loro pungiglioni. Tuttavia l'importanza economica delle api è dovuta ai loro prodotti, e ai servizi che svolgono. Anche se le api producono il miele, ........

Come far accoppiare una cavia - lunedì 16 settembre 2013
La cavia è un roditore molto simpatico, dolce e socievole, per questa ragione piacciono molto ai bambini e vengono quindi regalati dai genitori ai loro figli in modo da fargli avere degli animaletti simpatici e che vivono in gabbia, ........

Zanzare: a cosa servono, piccole curiosità - mercoledì 29 ottobre 2014
Quanti di voi, soprattutto nel periodo estivo, dopo l’ennesima puntura si saranno chiesti a cosa servono le zanzare? Secondo me tutti quanti ci siamo domandati se ci sia una funzione in natura oltre a quella di pungerci continuamente. Quante ........

Animali nei condomini, nessun regolamento può vietarli - mercoledì 24 luglio 2013
Via libera per gatti e cani in appartamento. E’ di giugno scorso l’integrazione del codice civile attraverso la norma 220/212 che stabilisce all’art. 1138 che “le norme del regolamento condominiale non possono vietare di possedere o detenere ........

Ricetta del giorno
Banane flambées
Fare tostare per dieci minuti le mandorle in forno caldo e quindi tritarle minutamente. Dopo aver sbucciato le banane, tagliarle a metà nel senso della ....



 articolo Altri
Romania, approvata l’eutanasia per i cani randagi freccemartedì 10 settembre 2013  

In Romania, con 168 voti a favore, è stata approvata una legge che prevede l’eutanasia per tutti i cani randagi. Il presidente della Romania, Traian Basescu, ha chiesto al governo di approvare questa legge in seguito al caso di un bambino di quattro anni sbranato da sei cani randagi mentre giocava nel parco con suo fratello. ” Gli esseri umani sono al di sopra dei cani” ha sostenuto in difesa della sua proposta a votare la legge. Mentre i parlamentari discutevano e votavano la legge, fuori dal Parlamento centinaia di persone protestavano contro questa misura.

Bisogna sapere che il randagismo è da sempre una piaga che affligge questa terra, soltanto a Bucarest si contano circa cinquantamila cani vagabondi. Le autorità fanno sapere che circa 1.100 persone sono state morse da bestiole senza padrone nei primi quattro mesi del 2013. Il provvedimento prevede che i randagi, una volta catturati, siano custoditi nei canili, e se non reclamati entro un determinato limite di tempo, vengano poi eliminati. Naturalmente, questa decisione del governo ha scatenato la reazione delle associazioni per la protezione degli animali di tutto il mondo che sottolineano come la maggior parte di questi animali sia già sterilizzata.

Il governo però difende il provvedimento come atto per la sicurezza dei cittadini che in questi anni hanno subito numerosi attacchi da parte di questi cani randagi. Ciò su cui combattono le associazioni animali è il fallimento delle passate campagne di eutanasia: circa quattordici milioni di euro spesi dal 2001 al 2007 e migliaia di cani uccisi, senza raggiungere nessun risultato concreto. Va precisato che, in ambito veterinario, l'eutanasia è una pratica comune per sopprimere animali da compagnia o da allevamento affetti da malattie incurabili che provocano sofferenza fisica per l’animale stesso.

Si pratica anestetizzando l'animale e iniettando una sostanza via endovenosa che provoca il blocco cardio-respiratorio fino a provocarne la morte. Negli altri stati soltanto in questo preciso caso l’eutanasia è consentita, è una pratica medica per far si che i nostri amati animali smettano di soffrire. È contro ogni etica morale, a mio avviso, usare questo mezzo per ridurre fenomeni come il randagismo soprattutto quando le tecniche moderne ci permettono soluzioni alternative come la sterilizzazione ed il controllo sulle nascite. Sarebbe necessaria una sensibilizzazione a livello mondiale su questo tema, una sorta di task force che coinvolga tutte le popolazioni, per incentivare le adozioni di questi quattro zampe, prima che il termine stabilito dal governo della Romania decorra, in modo da salvare i nostri amici cani da una fine atroce.
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Filomena  Pavone - vedi tutti gli articoli di Filomena  Pavone





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: