articolo Cani
Mastocitosi nei cani: sintomi e cura freccevenerdì 6 settembre 2013  



Tra i tumori più frequenti, quello che più spesso colpisce i cani è la mastocitosi, capiamo insieme come individuare ed affrontare questo male. In generale, i tumori nei nostri amici cani possono essere più frequenti di quanto pensiamo. I sintomi possono essere diversi a seconda della localizzazione e dal grado di espansione del tumore stesso. Nel caso specifico della mastocitosi o mastocitoma, questo tumore può svilupparsi nei cani di tutte le età e tutte le razze, anche se i soggetti più colpiti sono generalmente quelli tra gli 8 e i 10 anni di età.

La causa di questo male non è ancora nota ma è accertato che esistono delle predisposizioni ereditarie: ci sono, infatti, alcune specie particolarmente predisposte come i boxer, i bulldog inglesi, i bull mastiff, i boston terrier ed i carlini. La mastocitosi può colpire qualunque parte del corpo: nel 50 % dei casi viene individuato sul tronco, nel 25 % sulle articolazioni e nelle restanti percentuali su testa, coda, perineo e scroto del nostro animale. Il tumore solitamente si presenta come una massa sottopelle che col tempo può aumentare o diminuire dimensioni. Queste masse, spesso confuse come cisti, comunemente variano da 1 a 4 centimetri di diametro, tendono a crescere lentamente e presentano una consistenza elastica.

L’area in cui sono individuate è spesso caratterizzata dall’assenza o carenza del pelo. I sintomi più frequenti sono: prurito, dolori alle ossa, diarrea, vomito, edemi localizzati ed andatura barcollante. La mastocitosi può assumere due forme: cutanea e viscerale. Nella forma cutanea noteremo piccole masse sulla pelle del nostro animale, nella forma viscerale invece, le masse non sono sempre visibili e la malattia coinvolge gli organi. In caso in cui notiate queste anomalie nei vostri amici a quattro zampe, bisogna subito allertare il veterinario che procederà con l’esame del sangue.

Nella medicina veterinaria si usa un approccio terapeutico simile a quello della medicina umana. Nel caso di una massa visibile, infatti, occorre procedere con un esame citologico ( ago aspirato nella zona interessata). In base allo stadio del tumore il veterinario deciderà se intervenire chirurgicamente. L’ operazione chirurgica è particolarmente impegnativa poiché la caratteristica di questo tumore è proprio la difficile cicatrizzazione. Dopo aver asportato la massa, l’esame istologico determinerà la natura del tumore. Il medico potrà valutare anche una cura tramite radioterapia , spesso associata alla chemioterapia.

Sia la radioterapia che la chemioterapia sono pratiche molto invasive, che possono affaticare i nostri amici a quattro zampe, in questi casi è infatti importante prestare attenzioni particolari soprattutto nell’alimentazione che deve essere ricca di vitamine. Come in tutti i mali la diagnosi precoce è fondamentale per scongiurare il peggio, ed in questo particolare tumore un intervento tempestivo può evitare complicazioni dal punto di vista estetico permettendo al cane di tornare all’aspetto che aveva prima della malattia.
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Filomena  Pavone - vedi tutti gli articoli di Filomena  Pavone



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Arance ripiene alla siciliana
Prendete quattro arance e, con l'aiuto di un coltellino dalla lama aguzza e tagliente, tagliate la calotta di ciascun frutto in modo da ricavare tanti ....
Adotta un animale Altri Cani Gatti Il mondo animale Uccelli



Articoli correlati

Pronto soccorso per cani e gatti - martedì 6 novembre 2012

Se al cane o al gatto di casa capitano piccoli incidenti, la cosa importante è non farsi cogliere impreparati e, ovviamente, nemmeno dal panico e cercare di reagire nel modo giusto. Un errore, in questo momento di concitazione, potrebbe mettere  ........

La Filariosi nel cane: un pericolo per i nostri amici a quattro zampe - lunedì 9 settembre 2013
La Filariosi è una malattia infettiva parassitaria, che colpisce in maniera preferenziale i cani, ma può coinvolgere nel contagio anche furetti e gatti. Questi ultimi presentano una maggiore resistenza nei confronti del microrganismo, ma, in alcune ........

I cani e il cioccolato - giovedì 3 gennaio 2013

E’ noto ai più che cani e cioccolato non vanno d’accordo, nel senso che non possono andare d’accordo perché il cioccolato fa male ai cani, tanto che in alcuni casi, e per la precisione a certe dosi, è addirittura letale. Non si tratta di una ........

Mastocitosi nei cani: sintomi e cura - venerdì 6 settembre 2013
Tra i tumori più frequenti, quello che più spesso colpisce i cani è la mastocitosi, capiamo insieme come individuare ed affrontare questo male. In generale, i tumori nei nostri amici cani possono essere più frequenti di quanto pensiamo. I sintomi ........

Cura del cane anziano - domenica 1 settembre 2013
Dagli albori della storia il cane accompagna l'uomo nelle varie fasi della vita, da quando e' cucciolo all'eta' adulta, fino a divenire anziano. Allora deve essere nostra premura saper cogliere ai primi segnali l'esordio di malessere o malattie ........

Ricetta del giorno
Lenticchie speziate all'indiana
Lavate le lenticchie e lasciatele scolare. Intanto in una padella mettete a rosolare la cipolla rossa, ben triturata, nell'olio e quando questa ....



 articolo Cani
Mastocitosi nei cani: sintomi e cura freccevenerdì 6 settembre 2013  

Tra i tumori più frequenti, quello che più spesso colpisce i cani è la mastocitosi, capiamo insieme come individuare ed affrontare questo male. In generale, i tumori nei nostri amici cani possono essere più frequenti di quanto pensiamo. I sintomi possono essere diversi a seconda della localizzazione e dal grado di espansione del tumore stesso. Nel caso specifico della mastocitosi o mastocitoma, questo tumore può svilupparsi nei cani di tutte le età e tutte le razze, anche se i soggetti più colpiti sono generalmente quelli tra gli 8 e i 10 anni di età.

La causa di questo male non è ancora nota ma è accertato che esistono delle predisposizioni ereditarie: ci sono, infatti, alcune specie particolarmente predisposte come i boxer, i bulldog inglesi, i bull mastiff, i boston terrier ed i carlini. La mastocitosi può colpire qualunque parte del corpo: nel 50 % dei casi viene individuato sul tronco, nel 25 % sulle articolazioni e nelle restanti percentuali su testa, coda, perineo e scroto del nostro animale. Il tumore solitamente si presenta come una massa sottopelle che col tempo può aumentare o diminuire dimensioni. Queste masse, spesso confuse come cisti, comunemente variano da 1 a 4 centimetri di diametro, tendono a crescere lentamente e presentano una consistenza elastica.

L’area in cui sono individuate è spesso caratterizzata dall’assenza o carenza del pelo. I sintomi più frequenti sono: prurito, dolori alle ossa, diarrea, vomito, edemi localizzati ed andatura barcollante. La mastocitosi può assumere due forme: cutanea e viscerale. Nella forma cutanea noteremo piccole masse sulla pelle del nostro animale, nella forma viscerale invece, le masse non sono sempre visibili e la malattia coinvolge gli organi. In caso in cui notiate queste anomalie nei vostri amici a quattro zampe, bisogna subito allertare il veterinario che procederà con l’esame del sangue.

Nella medicina veterinaria si usa un approccio terapeutico simile a quello della medicina umana. Nel caso di una massa visibile, infatti, occorre procedere con un esame citologico ( ago aspirato nella zona interessata). In base allo stadio del tumore il veterinario deciderà se intervenire chirurgicamente. L’ operazione chirurgica è particolarmente impegnativa poiché la caratteristica di questo tumore è proprio la difficile cicatrizzazione. Dopo aver asportato la massa, l’esame istologico determinerà la natura del tumore. Il medico potrà valutare anche una cura tramite radioterapia , spesso associata alla chemioterapia.

Sia la radioterapia che la chemioterapia sono pratiche molto invasive, che possono affaticare i nostri amici a quattro zampe, in questi casi è infatti importante prestare attenzioni particolari soprattutto nell’alimentazione che deve essere ricca di vitamine. Come in tutti i mali la diagnosi precoce è fondamentale per scongiurare il peggio, ed in questo particolare tumore un intervento tempestivo può evitare complicazioni dal punto di vista estetico permettendo al cane di tornare all’aspetto che aveva prima della malattia.
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Filomena  Pavone - vedi tutti gli articoli di Filomena  Pavone





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: