articolo Altri
Come prendersi cura di una tartaruga freccegiovedì 5 settembre 2013  



Come tutti gli animali che teniamo in casa o in giardino anche le tartarughe hanno bisogno di cure e di attenzioni che non si possono lasciare al caso. Per certi aspetti le tartarughe domestiche hanno bisogno di più attenzioni di cani e gatti e devono essere accudite regolarmente, mangiare prodotti sani, e essere mosse con la dovuta cautela. In questa breve guida cercheremo di aiutare il lettore su  come prendersi cura di una tartaruga, di terra o acquatica presente in giardino o dentro casa, in questa maniera non correremo il rischio di avere brutte sorprese per il nostro piccolo ospite.

Sia le tartarughe di terra che quelle acquatiche sono molto delicate e hanno bisogno di molte cure, specialmente quando si prendono per spostarle da un luogo a un altro o per pulire la loro tana. Quando si prende in mano una tartaruga occorre evitare sia scossoni sia che ci cada dalle mani. Gli urti troppo forti potrebbero danneggiare il guscio del povero animale, che purtroppo non si rigenera. Un guscio rotto potrebbe compromettere l'esistenza stessa della tartaruga occorre quindi fare molta attenzione. Se la tartaruga è piccola si può anche prendere con le dita o con una mano sola, tenendo la presa in maniera ferrea per evitare che ci cada.

Se la tartaruga che abbiamo è invece di grosse dimensioni dobbiamo utilizzare ambo le mani, sempre, per non rischiare che ci cada. Più la tartaruga è pesante più l'impatto con il suolo potrebbe essere fatale. Quando poniamo a terra una tartaruga dobbiamo stare attenti a non appoggiarla dalla parte del guscio, mai, neanche per gioco, perché quella posizione compromette la respirazione stessa dell'animaletto che rischierebbe di morire in poco tempo. Se abbiamo quindi dei bambini dobbiamo prestare ulteriore attenzione.

Fattore importante se dobbiamo trasportare la bestiola in un luogo lontano è la temperatura. Se facciamo l'operazione in primavera o estate non abbiamo grossi problemi, ma se la facciamo in inverno dobbiamo stare attenti che la tartaruga non prenda freddo. Per questa ragione è bene utilizzare una scatola coperta di polistirolo, che è un materiale isolante e magari tenervi dentro delle bottigliette di acqua calda che fungeranno da termosifone per un breve periodo.
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Christian  Vannozzi - vedi tutti gli articoli di Christian  Vannozzi



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Risotto alle castagne
Fare soffriggere lo scalogno tritato con un filo d’olio in una padella antiaderente. Sminuzzare le castagne finemente e metterle da parte.
Aggiungere ....
Adotta un animale Altri Cani Gatti Il mondo animale Uccelli



Articoli correlati

Romania, approvata l’eutanasia per i cani randagi - martedì 10 settembre 2013
In Romania, con 168 voti a favore, è stata approvata una legge che prevede l’eutanasia per tutti i cani randagi. Il presidente della Romania, Traian Basescu, ha chiesto al governo di approvare questa legge in seguito al caso di un bambino ........

Come far accoppiare una cavia - lunedì 16 settembre 2013
La cavia è un roditore molto simpatico, dolce e socievole, per questa ragione piacciono molto ai bambini e vengono quindi regalati dai genitori ai loro figli in modo da fargli avere degli animaletti simpatici e che vivono in gabbia, ........

Un riccio in giardino è sempre il benvenuto - giovedì 23 maggio 2013

Il riccio, uno dei più desiderabili e attraenti visitatori del giardino, vive abbastanza numeroso nella maggior parte degli spazi verdi, solo che il più delle volte passa inosservato. Ha pochi nemici che, oltre tutto, difficilmente incontra ........

Animali e religione - mercoledì 4 settembre 2013
Animali e religione è un tema molto dibattuto, soprattutto quando risulta essere coinvolta la dottrina cattolica. La religione cattolica infatti è, purtroppo, l'unico credo che non considera gli animali degli esseri viventi dotati di un'anima. Ciò ........

Animali e vegetarismo - martedì 3 settembre 2013
Animali e vegetarismo, è un tema molto discusso in questo periodo, per varie ragioni, sia di natura etica, sia per ragioni salutistiche. Molte persone si pongono la domanda, se sia lecito oppure no, cibarsi di carne appartenente sia agli animali ........

Ricetta del giorno
Pollo con fagioli e ravanelli
Sciacquare i pezzi di pollo, asciugarli lasciandoli appena umidi e rivestirli con il misto spezie. Scaldare metà olio in un tegame generoso e cuocervi ....



 articolo Altri
Come prendersi cura di una tartaruga freccegiovedì 5 settembre 2013  

Come tutti gli animali che teniamo in casa o in giardino anche le tartarughe hanno bisogno di cure e di attenzioni che non si possono lasciare al caso. Per certi aspetti le tartarughe domestiche hanno bisogno di più attenzioni di cani e gatti e devono essere accudite regolarmente, mangiare prodotti sani, e essere mosse con la dovuta cautela. In questa breve guida cercheremo di aiutare il lettore su  come prendersi cura di una tartaruga, di terra o acquatica presente in giardino o dentro casa, in questa maniera non correremo il rischio di avere brutte sorprese per il nostro piccolo ospite.

Sia le tartarughe di terra che quelle acquatiche sono molto delicate e hanno bisogno di molte cure, specialmente quando si prendono per spostarle da un luogo a un altro o per pulire la loro tana. Quando si prende in mano una tartaruga occorre evitare sia scossoni sia che ci cada dalle mani. Gli urti troppo forti potrebbero danneggiare il guscio del povero animale, che purtroppo non si rigenera. Un guscio rotto potrebbe compromettere l'esistenza stessa della tartaruga occorre quindi fare molta attenzione. Se la tartaruga è piccola si può anche prendere con le dita o con una mano sola, tenendo la presa in maniera ferrea per evitare che ci cada.

Se la tartaruga che abbiamo è invece di grosse dimensioni dobbiamo utilizzare ambo le mani, sempre, per non rischiare che ci cada. Più la tartaruga è pesante più l'impatto con il suolo potrebbe essere fatale. Quando poniamo a terra una tartaruga dobbiamo stare attenti a non appoggiarla dalla parte del guscio, mai, neanche per gioco, perché quella posizione compromette la respirazione stessa dell'animaletto che rischierebbe di morire in poco tempo. Se abbiamo quindi dei bambini dobbiamo prestare ulteriore attenzione.

Fattore importante se dobbiamo trasportare la bestiola in un luogo lontano è la temperatura. Se facciamo l'operazione in primavera o estate non abbiamo grossi problemi, ma se la facciamo in inverno dobbiamo stare attenti che la tartaruga non prenda freddo. Per questa ragione è bene utilizzare una scatola coperta di polistirolo, che è un materiale isolante e magari tenervi dentro delle bottigliette di acqua calda che fungeranno da termosifone per un breve periodo.
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Christian  Vannozzi - vedi tutti gli articoli di Christian  Vannozzi





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: