articolo Altri
Come prendersi cura di una tartaruga freccegiovedì 5 settembre 2013  



Come tutti gli animali che teniamo in casa o in giardino anche le tartarughe hanno bisogno di cure e di attenzioni che non si possono lasciare al caso. Per certi aspetti le tartarughe domestiche hanno bisogno di più attenzioni di cani e gatti e devono essere accudite regolarmente, mangiare prodotti sani, e essere mosse con la dovuta cautela. In questa breve guida cercheremo di aiutare il lettore su  come prendersi cura di una tartaruga, di terra o acquatica presente in giardino o dentro casa, in questa maniera non correremo il rischio di avere brutte sorprese per il nostro piccolo ospite.

Sia le tartarughe di terra che quelle acquatiche sono molto delicate e hanno bisogno di molte cure, specialmente quando si prendono per spostarle da un luogo a un altro o per pulire la loro tana. Quando si prende in mano una tartaruga occorre evitare sia scossoni sia che ci cada dalle mani. Gli urti troppo forti potrebbero danneggiare il guscio del povero animale, che purtroppo non si rigenera. Un guscio rotto potrebbe compromettere l'esistenza stessa della tartaruga occorre quindi fare molta attenzione. Se la tartaruga è piccola si può anche prendere con le dita o con una mano sola, tenendo la presa in maniera ferrea per evitare che ci cada.

Se la tartaruga che abbiamo è invece di grosse dimensioni dobbiamo utilizzare ambo le mani, sempre, per non rischiare che ci cada. Più la tartaruga è pesante più l'impatto con il suolo potrebbe essere fatale. Quando poniamo a terra una tartaruga dobbiamo stare attenti a non appoggiarla dalla parte del guscio, mai, neanche per gioco, perché quella posizione compromette la respirazione stessa dell'animaletto che rischierebbe di morire in poco tempo. Se abbiamo quindi dei bambini dobbiamo prestare ulteriore attenzione.

Fattore importante se dobbiamo trasportare la bestiola in un luogo lontano è la temperatura. Se facciamo l'operazione in primavera o estate non abbiamo grossi problemi, ma se la facciamo in inverno dobbiamo stare attenti che la tartaruga non prenda freddo. Per questa ragione è bene utilizzare una scatola coperta di polistirolo, che è un materiale isolante e magari tenervi dentro delle bottigliette di acqua calda che fungeranno da termosifone per un breve periodo.
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Christian  Vannozzi - vedi tutti gli articoli di Christian  Vannozzi



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Frullato di mirtilli
Mettere in un frullatore i mirtilli, il latte di riso(va bene anche quello di mandorle), la mezza banana e frullare per qualche minuto, fin quando si ....
Adotta un animale Altri Cani Gatti Il mondo animale Uccelli



Articoli correlati

L'alimentazione del coniglio nano - domenica 29 settembre 2013
Scegliere una corretta <b>alimentazione per il coniglio nano</b> rappresenta uno dei principali passi da compiere per salvaguardare la sua salute. Infatti, in barba a ogni luogo comune che il nostro piccolo amico peloso vada nutrito con carote ........

Filosofi animalisti - venerdì 6 settembre 2013
Uno dei più grandi, tra gli esponenti dei filosofi animalisti contemporanei, è senza dubbio Piero Martinetti. Egli agli inizi del 900 ha aperto un dibattito sul problema animale, in particolare sulla psicologia animale, secondo la quale gli ........

Come prendersi cura di una tartaruga - giovedì 5 settembre 2013
Come tutti gli animali che teniamo in casa o in giardino anche le tartarughe hanno bisogno di cure e di attenzioni che non si possono lasciare al caso. Per certi aspetti le tartarughe domestiche hanno bisogno di più attenzioni ........

Romania, approvata l’eutanasia per i cani randagi - martedì 10 settembre 2013
In Romania, con 168 voti a favore, è stata approvata una legge che prevede l’eutanasia per tutti i cani randagi. Il presidente della Romania, Traian Basescu, ha chiesto al governo di approvare questa legge in seguito al caso di un bambino ........

Animali nei condomini, nessun regolamento può vietarli - mercoledì 24 luglio 2013
Via libera per gatti e cani in appartamento. E’ di giugno scorso l’integrazione del codice civile attraverso la norma 220/212 che stabilisce all’art. 1138 che “le norme del regolamento condominiale non possono vietare di possedere o detenere ........

Ricetta del giorno
Riso Basmati con peperoni
Lessare il riso per 15 minuti in una pentola con acqua bollente ovviamente salata, scolarlo e versarlo in una insalatiera. Condire con 2 cucchiai di olio ....



 articolo Altri
Come prendersi cura di una tartaruga freccegiovedì 5 settembre 2013  

Come tutti gli animali che teniamo in casa o in giardino anche le tartarughe hanno bisogno di cure e di attenzioni che non si possono lasciare al caso. Per certi aspetti le tartarughe domestiche hanno bisogno di più attenzioni di cani e gatti e devono essere accudite regolarmente, mangiare prodotti sani, e essere mosse con la dovuta cautela. In questa breve guida cercheremo di aiutare il lettore su  come prendersi cura di una tartaruga, di terra o acquatica presente in giardino o dentro casa, in questa maniera non correremo il rischio di avere brutte sorprese per il nostro piccolo ospite.

Sia le tartarughe di terra che quelle acquatiche sono molto delicate e hanno bisogno di molte cure, specialmente quando si prendono per spostarle da un luogo a un altro o per pulire la loro tana. Quando si prende in mano una tartaruga occorre evitare sia scossoni sia che ci cada dalle mani. Gli urti troppo forti potrebbero danneggiare il guscio del povero animale, che purtroppo non si rigenera. Un guscio rotto potrebbe compromettere l'esistenza stessa della tartaruga occorre quindi fare molta attenzione. Se la tartaruga è piccola si può anche prendere con le dita o con una mano sola, tenendo la presa in maniera ferrea per evitare che ci cada.

Se la tartaruga che abbiamo è invece di grosse dimensioni dobbiamo utilizzare ambo le mani, sempre, per non rischiare che ci cada. Più la tartaruga è pesante più l'impatto con il suolo potrebbe essere fatale. Quando poniamo a terra una tartaruga dobbiamo stare attenti a non appoggiarla dalla parte del guscio, mai, neanche per gioco, perché quella posizione compromette la respirazione stessa dell'animaletto che rischierebbe di morire in poco tempo. Se abbiamo quindi dei bambini dobbiamo prestare ulteriore attenzione.

Fattore importante se dobbiamo trasportare la bestiola in un luogo lontano è la temperatura. Se facciamo l'operazione in primavera o estate non abbiamo grossi problemi, ma se la facciamo in inverno dobbiamo stare attenti che la tartaruga non prenda freddo. Per questa ragione è bene utilizzare una scatola coperta di polistirolo, che è un materiale isolante e magari tenervi dentro delle bottigliette di acqua calda che fungeranno da termosifone per un breve periodo.
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Christian  Vannozzi - vedi tutti gli articoli di Christian  Vannozzi





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: