articolo Gatti
Gli animali di casa si preparano all’inverno freccelunedì 12 novembre 2012  



Prima o poi, anche se abbondantemente in ritardo, l'inverno arriverà  e sarà quindi necessario adottare le giuste misure per aiutare li amici di casa ad affrontare le temperature più gelide. Bisogna distinguere, ovviamente, tra quelli che condividono la nostra vita tra le mura domestiche e quelli che frequentano il giardino, il balcone, il terrazzo, insomma quelli che ci allietano ogni tanto della loro compagnia.  Per questi ultimi, non è che ci siano molte cose da poter fare, ma qualcosa per rendere il loro inverno meno problematico  è sempre possibile farlo.

I gatti re della casa
Nel periodo invernale i gatti si accampano da re conquistando silenziosamente gli spazi che preferiscono  come, ad esempio, una sedia particolare, una poltrona, l’angolo del tappeto vicino alla stufa o la poltroncina di fronte al camino. La loro presenza discreta non è motivo di disagio per nessuno, anche per il componente umano della famiglia che si è visto sfrattato dalla sua poltrona preferita; se ne farà una ragione e si accomoderà altrove.
Nei primi giorni di accensione dell’impianto di riscaldamento, quale che sia, i gatti facilmente potrebbero emettere qualche colpo di tosse o qualche starnuto, ma non vi è nulla di cui preoccuparsi, perché si tratta di un problema legato ad una umidità interna alla casa che all’improvviso è diventata insufficiente e che induce una secchezza delle vie respiratorie.

 Bisogna preoccuparsi e portare l’amico gatto dal veterinario di famiglia solo se il fenomeno si protrae  per una settimana e se gli stessi disturbi non sono comuni anche agli altri componente della famiglia, sia che siano a 2 o a 4 zampe. Questo periodo dell’anno è solitamente privo di cucciolate e i gatti, quindi, conducono una vita tranquilla, anche se poi quelli che convivono in casa regolarmente, sono per lo più sterilizzati.

Il cane, padrone di casa
Per gli amici cani che vivono prevalentemente in casa e che si avventurano all’esterno solo per le brevi passeggiate quotidiane legate, per lo più alle loro necessità fisiologiche, basteranno poche precauzioni per limitare i possibili malanni. Bisogna evitare  le correnti fredde e i forti sbalzi di temperatura, tenendoli al chiuso nei giorni di maggior gelo soprattutto se sono di piccole dimensioni e a pelo corto. Questi, infatti, sono più esposti di altri ai problemi del freddo perché o poco isolati termicamente per colpa di un mantello e un pannicolo adiposo sottocutaneo insufficiente, o senza grosse riserve energetiche per far fronte ad uno sforzo metabolico prolungato.

Se invece il cane abita in giardino, dovrà essere dotato di una cuccia accogliente eliminando ceste e stuoie varie dove lui si era abituato ad accomodarsi durante la bella stagione. La cuccia deve essere disinfestata e disinfettata e deve essere munita di una coperta. Se in giardino è presente un piccolo stagno, è bene fare in modo che lui non ci possa accedere quando e se la superfice dovesse ghiacciare perché non sono rari i casi di cani rimasti intrappolati nell’acqua gelida dopo aver sfondato il sottile strato di ghiaccio.

Per quanto riguarda l’alimentazione è bene ricordare che a  fronte di una maggiore richiesta energetica, visto che con il freddo si bruciano più calorie,  l’alimentazione deve cambiare, preferendo a parità di quantità, gli alimenti con maggior contenuto energetico.
Oggi è facile reperire le crocchette giuste, perché quasi tutte le aziende produttrici hanno in catalogo anche alimenti altamente energetici adatti alla bisogna.

Un aiuto ai selvatici che frequentano il giardino
Agli uccelli che solitamente frequentano il  giardino, sarebbe opportuno offrire cibi sostanziosi, ricchi di amidi e grassi, come ad esempio i biscotti, posizionandoli in un luogo sicuro, al riparo dalle grinfie dei gatti di passaggio, riparato e con spazio sufficiente ad ospitare un buon numero di commensali anche perché, una volta che si è sparsa la voce, i frequentatori aumenteranno a vista d’occhio.

Nei giardini ai margini delle grandi città, non è raro incontrare dei ricci, in particolare nelle ore notturne, e anche in questo caso sarebbe opportuno preparare per loro dei ripari nei quali lasciare anche qualche saporito boccone come le crocchette per gatti, frutta tagliata a pezzetti, cose che lui apprezzerà moltissimo  e ripagherà  il suo benefattore liberando il giardino da diversi insetti nocivi per le coltivazioni.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Mousse di fragole con panna
Lavare e asciugare le fragole delicatamente, infine privarle del picciolo. Frullare con 70 gr di zucchero e l’acqua di fiori di arancio, fino ad ottenere ....
Adotta un animale Altri Cani Gatti Il mondo animale Uccelli



Articoli correlati

Le infestazioni da acari, zecche e pulci: ecco perché il gatto si gratta - domenica 13 ottobre 2013
Acari, zecche e pulci rappresentano i principali agenti eziologici di parassitosi esterne nel gatto, per cui sono responsabili dell’insorgenza di molteplici patologie cutanee, che, a volte, possono poi divenire anche sistemiche. Cominciamo, ........

Come scegliere il cibo per il nostro gatto - domenica 15 settembre 2013
Per far rimanere il vostro gatto sempre in forma e per far si che non soffra in futuro di alcune malattie, è bene che mangi solo cibi sani. Sul mercato dei cibi per gatti esistono diverse marche, ognuna delle quali ritiene di ........

Gli animali di casa si preparano all’inverno - lunedì 12 novembre 2012

Prima o poi, anche se abbondantemente in ritardo, l'inverno arriverà  e sarà quindi necessario adottare le giuste misure per aiutare li amici di casa ad affrontare le temperature più gelide. Bisogna distinguere, ovviamente, tra quelli ........

Come e perchè vaccinare i gatti - martedì 24 settembre 2013
Molti proprietari di gatti si chiedono come e perché vaccinare i propri animali. La risposta è la stessa valida per tutti gli animali, la vaccinazione li protegge dalle malattie infettive stimolando il sistema immunitario a produrre gli anticorpi. ........

Un pronto soccorso da gatti! - domenica 22 settembre 2013
Gastroenterite infettiva(panleucopenia):chiamata anche "parvovirosi felina" colpisce particolarmente i gatti di giovane età. E' altamente contagiosa e può essere trasmessa mediante contatto diretto o indiretto. Il periodo di incubazione di questo ........

Ricetta del giorno
Broccoli al vapore con speck e olive
Iniziare con il mettere a bollire due dita d’acqua nella pentola con l’inserto per la cottura a vapore quindi passare a dividere le cimette dei broccoli ....



 articolo Gatti
Gli animali di casa si preparano all’inverno freccelunedì 12 novembre 2012  

Prima o poi, anche se abbondantemente in ritardo, l'inverno arriverà  e sarà quindi necessario adottare le giuste misure per aiutare li amici di casa ad affrontare le temperature più gelide. Bisogna distinguere, ovviamente, tra quelli che condividono la nostra vita tra le mura domestiche e quelli che frequentano il giardino, il balcone, il terrazzo, insomma quelli che ci allietano ogni tanto della loro compagnia.  Per questi ultimi, non è che ci siano molte cose da poter fare, ma qualcosa per rendere il loro inverno meno problematico  è sempre possibile farlo.

I gatti re della casa
Nel periodo invernale i gatti si accampano da re conquistando silenziosamente gli spazi che preferiscono  come, ad esempio, una sedia particolare, una poltrona, l’angolo del tappeto vicino alla stufa o la poltroncina di fronte al camino. La loro presenza discreta non è motivo di disagio per nessuno, anche per il componente umano della famiglia che si è visto sfrattato dalla sua poltrona preferita; se ne farà una ragione e si accomoderà altrove.
Nei primi giorni di accensione dell’impianto di riscaldamento, quale che sia, i gatti facilmente potrebbero emettere qualche colpo di tosse o qualche starnuto, ma non vi è nulla di cui preoccuparsi, perché si tratta di un problema legato ad una umidità interna alla casa che all’improvviso è diventata insufficiente e che induce una secchezza delle vie respiratorie.

 Bisogna preoccuparsi e portare l’amico gatto dal veterinario di famiglia solo se il fenomeno si protrae  per una settimana e se gli stessi disturbi non sono comuni anche agli altri componente della famiglia, sia che siano a 2 o a 4 zampe. Questo periodo dell’anno è solitamente privo di cucciolate e i gatti, quindi, conducono una vita tranquilla, anche se poi quelli che convivono in casa regolarmente, sono per lo più sterilizzati.

Il cane, padrone di casa
Per gli amici cani che vivono prevalentemente in casa e che si avventurano all’esterno solo per le brevi passeggiate quotidiane legate, per lo più alle loro necessità fisiologiche, basteranno poche precauzioni per limitare i possibili malanni. Bisogna evitare  le correnti fredde e i forti sbalzi di temperatura, tenendoli al chiuso nei giorni di maggior gelo soprattutto se sono di piccole dimensioni e a pelo corto. Questi, infatti, sono più esposti di altri ai problemi del freddo perché o poco isolati termicamente per colpa di un mantello e un pannicolo adiposo sottocutaneo insufficiente, o senza grosse riserve energetiche per far fronte ad uno sforzo metabolico prolungato.

Se invece il cane abita in giardino, dovrà essere dotato di una cuccia accogliente eliminando ceste e stuoie varie dove lui si era abituato ad accomodarsi durante la bella stagione. La cuccia deve essere disinfestata e disinfettata e deve essere munita di una coperta. Se in giardino è presente un piccolo stagno, è bene fare in modo che lui non ci possa accedere quando e se la superfice dovesse ghiacciare perché non sono rari i casi di cani rimasti intrappolati nell’acqua gelida dopo aver sfondato il sottile strato di ghiaccio.

Per quanto riguarda l’alimentazione è bene ricordare che a  fronte di una maggiore richiesta energetica, visto che con il freddo si bruciano più calorie,  l’alimentazione deve cambiare, preferendo a parità di quantità, gli alimenti con maggior contenuto energetico.
Oggi è facile reperire le crocchette giuste, perché quasi tutte le aziende produttrici hanno in catalogo anche alimenti altamente energetici adatti alla bisogna.

Un aiuto ai selvatici che frequentano il giardino
Agli uccelli che solitamente frequentano il  giardino, sarebbe opportuno offrire cibi sostanziosi, ricchi di amidi e grassi, come ad esempio i biscotti, posizionandoli in un luogo sicuro, al riparo dalle grinfie dei gatti di passaggio, riparato e con spazio sufficiente ad ospitare un buon numero di commensali anche perché, una volta che si è sparsa la voce, i frequentatori aumenteranno a vista d’occhio.

Nei giardini ai margini delle grandi città, non è raro incontrare dei ricci, in particolare nelle ore notturne, e anche in questo caso sarebbe opportuno preparare per loro dei ripari nei quali lasciare anche qualche saporito boccone come le crocchette per gatti, frutta tagliata a pezzetti, cose che lui apprezzerà moltissimo  e ripagherà  il suo benefattore liberando il giardino da diversi insetti nocivi per le coltivazioni.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: