articolo Gatti
Devon Rex, un gatto stranissimo freccegiovedì 13 settembre 2012  



Il Devon rex è il risultato di una mutazione genetica spontanea. Questo incredibile gatto è nato nel 1960, nel villaggio di Buckfastligh, nella regione del Devon, in Gran Bretagna, dove appunto è stato avvistato un primo gatto a pelo riccio e rado su tutto il corpo che entrava e usciva da una miniera dio stagno abbandonata. Una gatta domestica, accoppiatasi con questa specie di alieno, diede alla luce un piccolo tutto simile al padre che venne chiamato Kirlee ed è passato alla storia come il primo Devon rex.

Curiosità
Nasce quasi nudo e nell’arco di tre mesi il corpo si ricopre con del pelo molto corto, riccio e ondulato, dalla fine tessitura. I padiglioni auricolari molto grandi gli consentono di percepire gli ultrasuoni oltre a conferirgli un aspetto curioso. Il suo apparato uditivo è molto sviluppato, ed è per questo che un rumore forte gli trasmette emozioni negative rendendolo timoroso e nervoso. La sua temperatura interna è di 39°. Nel corso degli anni ha modificato la sua struttura per poterla adattare a quella calda e umida dei cunicoli delle miniere dove originariamente è nato, cresciuto e vissuto.

Già quando è nel nido, non appena riesce a muoversi pensa al gioco e da adulto, nonostante la sua aria da vecchio triste, quando si spoglia di ogni remora si trasforma in un gran giocherellone.
Fino a pochi anni fa era considerato un gatto di razza rara, ma oggi, in Italia, grazie a molti appassionati allevatori, è possibile contare su di una loro buona presenza, pur restando una rarità.

Solo i gatti dal mantello bianco, indipendentemente dalla razza di appartenenza, possono avere gli occhi arancio, oppure azzurri, oppure imapri (uno arancio e uno azzurro). Gli occhi dei gattini quando si aprono, e questo avviene dopo 9-10 giorni,  sono di colore blu scuro e così restano fino a circa 50-60 giorni, quando iniziano a schiarirsi e a prendere il loro colore definitivo.
Oltre ad avere una funzione coprente, la pelliccia ha anche quella di proteggere la cute da graffi, morsi e colpi. Per pulire il padiglione interno delle orecchie dal cerume, esistono ottimi prodotti farmaceutici, ma anche con una goccia di limone si ottiene lo stesso risultato.

Consigli
Il Devon Rex è l’unico gatto a cui è consigliabile mettere il cappottino di lana soprattutto in inverno. Soprattutto da cuccioli, ma anche da adulti, sono facilmente vittime di malattie respiratorie poiché non sopportano i repentini sbalzi di temperatura e le correnti d’aria. E’ consigliabile quindi proteggerlo mantenendolo sempre ad una temperatura equilibrata.

Il pelo rado fa si che consumi più calorie della norma per cui ha un buon appetito. Se non lo si controlla, tende a mangiare esageratamente e l’addome si dilata notevolmente rendendolo poco estetico, oltre a creargli dei problemi di salute. E’ consigliabile, quindi somministrargli piccoli pasti e spesso. Per dargli sicurezza sarà molto utile procurargli uno speciale ricovero caldo e accogliente, non molto grande, meglio se coperto, quasi una tana dove possa  rilassarsi e sentirsi al  sicuro.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Frullato di mirtilli
Mettere in un frullatore i mirtilli, il latte di riso(va bene anche quello di mandorle), la mezza banana e frullare per qualche minuto, fin quando si ....
Adotta un animale Altri Cani Gatti Il mondo animale Uccelli



Articoli correlati

Devon Rex, un gatto stranissimo - giovedì 13 settembre 2012

Il Devon rex è il risultato di una mutazione genetica spontanea. Questo incredibile gatto è nato nel 1960, nel villaggio di Buckfastligh, nella regione del Devon, in Gran Bretagna, dove appunto è stato avvistato un primo gatto a pelo riccio ........

Addestrare un cucciolo di gatto - mercoledì 11 settembre 2013
Cosa vuol dire addestrare un cucciolo di gatto? Forse insegnargli il riporto, o saltare a comando? Io credo sia molto di più! A mio parere, è la meraviglia di camminare per una via piena di persone, col proprio adorato gattino tranquillo sulla ........

Rifugio per Gatti Cinni - venerdì 29 novembre 2013
Il Rifugio per Gatti Cinni è una struttura la cui principale funzione è accogliere i gatti abbandonati e far sì che essi vengano adottati. Il centro, situato presso Sargiano, poco a sud di Arezzo, è stato fondato nel 2005 dal veterinario Malcolm ........

Le gattare… queste sconosciute! - giovedì 19 settembre 2013
Gattare… tutti ne parlano, pochi le conoscono e ne capiscono l’attività! In moltissime città italiane, in primis nella Capitale, non è raro imbattersi, durante una passeggiata in centro o in periferia, in simpatiche signore o ragazze che, armate ........

Il Parto della gatta - venerdì 7 novembre 2014
La gravidanza di una gatta dura dai 57 ai 63 giorni, sovrapponibile al cane, con una media di 60 giorni. Anche se spesso parti intorno al 57-59esimo giorno esitano in parti prematuri, con morte dei gattini. Come succede nel cane, se ipotizziamo ........

Ricetta del giorno
Polpettine di fagioli
Lessare le patate, sbucciarle, schiacciarle con lo schiacciapatate e metterle da parte. Lessare nel frattempo i fagioli, tritare il porro, sgocciolare ....



 articolo Gatti
Devon Rex, un gatto stranissimo freccegiovedì 13 settembre 2012  

Il Devon rex è il risultato di una mutazione genetica spontanea. Questo incredibile gatto è nato nel 1960, nel villaggio di Buckfastligh, nella regione del Devon, in Gran Bretagna, dove appunto è stato avvistato un primo gatto a pelo riccio e rado su tutto il corpo che entrava e usciva da una miniera dio stagno abbandonata. Una gatta domestica, accoppiatasi con questa specie di alieno, diede alla luce un piccolo tutto simile al padre che venne chiamato Kirlee ed è passato alla storia come il primo Devon rex.

Curiosità
Nasce quasi nudo e nell’arco di tre mesi il corpo si ricopre con del pelo molto corto, riccio e ondulato, dalla fine tessitura. I padiglioni auricolari molto grandi gli consentono di percepire gli ultrasuoni oltre a conferirgli un aspetto curioso. Il suo apparato uditivo è molto sviluppato, ed è per questo che un rumore forte gli trasmette emozioni negative rendendolo timoroso e nervoso. La sua temperatura interna è di 39°. Nel corso degli anni ha modificato la sua struttura per poterla adattare a quella calda e umida dei cunicoli delle miniere dove originariamente è nato, cresciuto e vissuto.

Già quando è nel nido, non appena riesce a muoversi pensa al gioco e da adulto, nonostante la sua aria da vecchio triste, quando si spoglia di ogni remora si trasforma in un gran giocherellone.
Fino a pochi anni fa era considerato un gatto di razza rara, ma oggi, in Italia, grazie a molti appassionati allevatori, è possibile contare su di una loro buona presenza, pur restando una rarità.

Solo i gatti dal mantello bianco, indipendentemente dalla razza di appartenenza, possono avere gli occhi arancio, oppure azzurri, oppure imapri (uno arancio e uno azzurro). Gli occhi dei gattini quando si aprono, e questo avviene dopo 9-10 giorni,  sono di colore blu scuro e così restano fino a circa 50-60 giorni, quando iniziano a schiarirsi e a prendere il loro colore definitivo.
Oltre ad avere una funzione coprente, la pelliccia ha anche quella di proteggere la cute da graffi, morsi e colpi. Per pulire il padiglione interno delle orecchie dal cerume, esistono ottimi prodotti farmaceutici, ma anche con una goccia di limone si ottiene lo stesso risultato.

Consigli
Il Devon Rex è l’unico gatto a cui è consigliabile mettere il cappottino di lana soprattutto in inverno. Soprattutto da cuccioli, ma anche da adulti, sono facilmente vittime di malattie respiratorie poiché non sopportano i repentini sbalzi di temperatura e le correnti d’aria. E’ consigliabile quindi proteggerlo mantenendolo sempre ad una temperatura equilibrata.

Il pelo rado fa si che consumi più calorie della norma per cui ha un buon appetito. Se non lo si controlla, tende a mangiare esageratamente e l’addome si dilata notevolmente rendendolo poco estetico, oltre a creargli dei problemi di salute. E’ consigliabile, quindi somministrargli piccoli pasti e spesso. Per dargli sicurezza sarà molto utile procurargli uno speciale ricovero caldo e accogliente, non molto grande, meglio se coperto, quasi una tana dove possa  rilassarsi e sentirsi al  sicuro.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: