articolo Il mondo animale
Tartarughe di terra: come prendersene cura freccelunedì 27 ottobre 2014  



Considerate poco impegnative, le tartarughe di terra , sono tra gli animali domestici più diffusi, ma vediamo insieme come prendercene cura. L’idea diffusa nell’immaginario collettivo per cui tartaruga uguale poco impegno non è completamente sbagliata. Rispetto ad altri animali infatti la sua cura necessita di pochi ma essenziali passaggi, ma assicuro che i nostri piccoli sforzi saranno ripagati poiché questo animale è dotato di una grande intelligenza. Si affeziona al loro padrone come qualsiasi altro animale domestico di taglia più grande.

Anzitutto bisogna precisare che la specie più diffusa in Italia è la “Hermanni hermanni” che non supera i 24 centimetri di grandezza. Il luogo ideale per far vivere la nostra tartaruga, sarebbe uno spazio aperto e soleggiato come una porzione di giardino, in alternativa va comunque bene un terraio da sistemare in una zona all’aperto. Bisogna in ambedue i casi creare una zona d’ombra e verificare che la casa della nostra amica tartaruga abbia delle protezioni che la mettano al sicuro da possibili fughe.

La sua alimentazione si basa principalmente sulla verdura ( radicchio, spinaci, rucola ed insalata) e frutta matura( anguria pera, mela, melone) ma anche vermi e lumache sono graditi. Bisogna invece ricordarsi di non far mancare mai l’abbeveratoio con l’acqua e di non dare al nostro animale banane e formaggi perché influiscono a danneggiare il suo guscio. La fase più delicata per in nostro amico è quella del letargo. Ci accorgeremo che questo momento è vicino quando i nostri piccoli amici inizieranno ad avere inappetenza e sonnolenza. Solitamente questo periodo inizia ad ottobre e termina nella primavera successiva.

In questo delicato periodo le tartarughe scelgono da sole il loro “ nascondiglio”, l’importante è che noi controlliamo che ci sia un basso livello di umidità e che sia riparato da eventuali intemperie. Come detto all’inizio e dimostrato, queste creature hanno bisogno di piccole cose ma non dobbiamo mai dimenticarci che hanno bisogno di attenzioni affettive, per questo il consiglio più importante è quello di fare tante coccole.
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Filomena  Pavone - vedi tutti gli articoli di Filomena  Pavone



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Orecchiette con ricotta
FAre bollire in una pentola di generose dimensioni 3 litri d’acqua e salarla con il sale grosso. Buttare la pasta, avendo cura di mescolare subito con ....
Adotta un animale Altri Cani Gatti Il mondo animale Uccelli



Articoli correlati

Spay Day: "giornata della castrazione" di cani, gatti e conigli - venerdì 25 ottobre 2013
La Doris Day Animal League, un'associazione per la salvaguardia dei diritti degli animali con sede a Washington D.C. (USA), nel 1994 creò lo ‘Spay Day USA’. In occasione di tale evento i volontari dell’associazione si dedicarono alla sterilizzazione ........

Come allattare un cucciolo di gatto: consigli utili per le balie umane - lunedì 30 settembre 2013
Come ogni anno, soprattutto nei mesi più caldi, ma anche in primavera e autunno, numerosi sono gli allarmi e le richieste di aiuto che i cittadini rivolgono alle strutture competenti per ospitare trovatelli o ai volontari animalisti: “Oddio, ho ........

Pulire i denti a Cani e Gatti? Ecco come preservare la loro igiene dentale. - martedì 10 settembre 2013
Dopo i primi sei mesi di vita il vostro cucciolo avrà cambiato tutti i suoi denti da latte. A questo punto lui ha finito il suo lavoro di rosicchiare qualsiasi cosa si trovi a portata di bocca e tocca al padrone prendersi cura del suo igiene dentale. ........

Lotta alle malattie dei randagi: Lega Pro Animale - giovedì 24 ottobre 2013
Istituita nel 1986, la Lega Pro Animale è un’associazione atta alla sterilizzazione di cani e gatti, con sede a Castel Volturno, comune in provincia di Caserta (Campania). Lo scopo del centro è, come si può leggere sul sito gestito dall’associazione ........

La dieta del....gatto! - venerdì 4 ottobre 2013
Il gatto predilige una dieta ricca di proteine e grassi e povera di zuccheri e fibra; il suo metabolismo riesce a trasformare le proteine in energia e glucosio. Gli elementi nutrizionali essenziali sono la taurina e l'arginia, acido arachidonico, ........

Ricetta del giorno
Orecchiette con ricotta
FAre bollire in una pentola di generose dimensioni 3 litri d’acqua e salarla con il sale grosso. Buttare la pasta, avendo cura di mescolare subito con ....



 articolo Il mondo animale
Tartarughe di terra: come prendersene cura freccelunedì 27 ottobre 2014  

Considerate poco impegnative, le tartarughe di terra , sono tra gli animali domestici più diffusi, ma vediamo insieme come prendercene cura. L’idea diffusa nell’immaginario collettivo per cui tartaruga uguale poco impegno non è completamente sbagliata. Rispetto ad altri animali infatti la sua cura necessita di pochi ma essenziali passaggi, ma assicuro che i nostri piccoli sforzi saranno ripagati poiché questo animale è dotato di una grande intelligenza. Si affeziona al loro padrone come qualsiasi altro animale domestico di taglia più grande.

Anzitutto bisogna precisare che la specie più diffusa in Italia è la “Hermanni hermanni” che non supera i 24 centimetri di grandezza. Il luogo ideale per far vivere la nostra tartaruga, sarebbe uno spazio aperto e soleggiato come una porzione di giardino, in alternativa va comunque bene un terraio da sistemare in una zona all’aperto. Bisogna in ambedue i casi creare una zona d’ombra e verificare che la casa della nostra amica tartaruga abbia delle protezioni che la mettano al sicuro da possibili fughe.

La sua alimentazione si basa principalmente sulla verdura ( radicchio, spinaci, rucola ed insalata) e frutta matura( anguria pera, mela, melone) ma anche vermi e lumache sono graditi. Bisogna invece ricordarsi di non far mancare mai l’abbeveratoio con l’acqua e di non dare al nostro animale banane e formaggi perché influiscono a danneggiare il suo guscio. La fase più delicata per in nostro amico è quella del letargo. Ci accorgeremo che questo momento è vicino quando i nostri piccoli amici inizieranno ad avere inappetenza e sonnolenza. Solitamente questo periodo inizia ad ottobre e termina nella primavera successiva.

In questo delicato periodo le tartarughe scelgono da sole il loro “ nascondiglio”, l’importante è che noi controlliamo che ci sia un basso livello di umidità e che sia riparato da eventuali intemperie. Come detto all’inizio e dimostrato, queste creature hanno bisogno di piccole cose ma non dobbiamo mai dimenticarci che hanno bisogno di attenzioni affettive, per questo il consiglio più importante è quello di fare tante coccole.
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Filomena  Pavone - vedi tutti gli articoli di Filomena  Pavone





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: