articolo Il mondo animale
Aiutiamo i pinguini: servono maglioni per loro freccegiovedì 27 marzo 2014  



Servono maglioni per i pinguini e, in particolare, per gli esemplari, denominati in lingua Maori “Korora”. Si è proprio così, per quanto strana possa apparire la notizia, la Penguin Foundation, un’organizzazione australiana con sede a Phillip Island, a 140 chilometri da Melbourne, ormai da tempo ha lanciato questo appello. Infatti, a seguito delle sempre più frequenti perdite accidentali di petrolio da parte delle navi, che solcano gli oceani, o dei pescherecci locali, lentamente i pinguini stanno andando incontro a intossicazioni da parte del liquido nero e a perdita delle proprie capacità di termoregolazione, perché il petrolio, una volta che è a contatto con le piume, riduce la permeabilità di queste ultime, rendendo i piccoli amici piumati più sensibili alle basse temperature.

Quindi, l’uso dei maglioni aiuta gli animali a non leccarsi, evitando di ingerire la sostanza, e a resistere al freddo. Il programma di recupero è iniziato circa 13 anni fa, dopo che ben 438 pinguini sono andati incontro a intossicazione da petrolio. Quindi, chi è bravo a lavorare a maglia e ha ancora qualche dimestichezza con i ferri, non aspetti altro tempo e dia immediatamente avvio agli sferruzzamenti. Di seguito riportiamo il link del documento, all’interno del quale sono segnate le istruzioni da seguire per la realizzazione di questi particolari capi di abbigliamento: http://penguinfoundation.org.au/assets/Wildlife-rehabilitation/penguin-jumper-pattern-2014.pdf, ma proponiamo qui anche una piccola traduzione del suo contenuto per chi non sia un avvezzo conoscitore della lingua inglese.

Utilizzando dei ferri n. 4, per la parte dietro è necessario avviare 36 maglie, lavorando a coste 1/1 per 7 ferri; poi all’ottavo si devono aumentare 8 maglie, arrivando così a 44 maglie, lavorando a costa 2/2, per cm 12 totali (28+7 ferri). Calare poi 1 maglia per lato per ogni ferro, fino ad arrivare ad aversi 28 maglie; calare, quindi 1 maglia al centro (27 maglie), lavorare per 10 ferri a coste 1/1 e poi chiudere. La lavorazione della parte anteriore è la stessa. Utilizzando una cucitura piatta, cucire, infine, il collo per cm 4, lasciando cm 4 di apertura per le ali e cucire i rimanenti cm 12. E’ importante anche ricordare che nessun maglione fatto sarà scartato, ma, se non utilizzabile con i pinguini, verrà usato a scopi didattici oppure sarà fatto indossare a peluche, comunque con aspetto di pinguini, la cui vendita serve sempre per il sostentamento dell’organizzazione.

Per i più curiosi, riportiamo anche l’indirizzo della Penguin Foundation (http://penguinfoundation.org.au/), ricordando che l’organizzazione è presente sui principali social network (Facebook e Twitter). Sulla propria pagina Facebook, questa illustra, in prima persona, la propria missione: "Abbiamo bisogno di maglioncini da usare per fini riabilitativi, educativi e di raccolta fondi che vanno a beneficio dei piccoli pinguini qui a Phillip Island. Abbiamo una buona scorta di maglioni adatti per gli scopi di riabilitazione che usiamo su tutti i pinguini salvati dal petrolio e, in caso di sversamenti nel mondo, i maglioni vengono inviati anche ad altri centri di soccorso della fauna selvatica, se necessario".
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabrina  Rosa - vedi tutti gli articoli di Sabrina  Rosa



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Vermicelli alla siracusana
Lavare il peperone, eliminare i semi interni, passarlo sulla griglia per abbrustolirlo, dopo di che eliminare la buccia.
Lavare la melanzana, asciugarla ....
Adotta un animale Altri Cani Gatti Il mondo animale Uccelli



Articoli correlati

I mostri marini - lunedì 7 ottobre 2013
I mostri marini sono un tema molto dibattuto anche ai giorni nostri,alcuni scienziati ritengono che si tratti soltanto di creature mitologiche che popolavano il mare aventi sembianze di draghi o serpenti, che nell'antichità spaventavano i marinai ........

I coralli - giovedì 3 ottobre 2013
I coralli a prima vista sembrano delle piante o addirittura delle pietre colorate, ma in effetti essi sono animali marini, appartenenti alla famiglia dei celenterati e al genere degli invertebrati, i coralli non sono altro che dei polipi, da ........

Il letargo delle tartarughe terrestri - domenica 27 ottobre 2013
Il letargo per le tartarughe terrestri, animali eterotermi che sempre più sono presenti nelle nostre abitazioni, rappresenta una fase fisiologica della propria esistenza. Inizia, in genere, dal mese di ottobre e termina verso marzo-aprile, quando ........

Pipistrelli in città: la storia della piccola Nowaki - giovedì 26 settembre 2013
Oggi vi raccontiamo la storia a lieto fino di un animaletto non proprio usuale: una piccola pipistrella! La piccola Nowaki (in foto), così è stata chiamata dai volontari che l’hanno soccorsa e salvata, è una giovane pipistrellina trovata questa ........

Ethos 3000 onlus: il valore della pet therapy nella relazione con l’altro - lunedì 31 marzo 2014
L’associazione “Ethos 3000 onlus” è una realtà del terzo settore capitolino, impegnata nell’ambito della promozione e della solidarietà sociale, che riconosce il valore della pet therapy quale ........

Ricetta del giorno
Arrosto al latte
Passate il pezzo di carne nella farina, in modo da spolverizzarlo leggermente, poi adagiatelo in una casseruola in 40 grammi di burro caldo e fatelo rosolare ....



 articolo Il mondo animale
Aiutiamo i pinguini: servono maglioni per loro freccegiovedì 27 marzo 2014  

Servono maglioni per i pinguini e, in particolare, per gli esemplari, denominati in lingua Maori “Korora”. Si è proprio così, per quanto strana possa apparire la notizia, la Penguin Foundation, un’organizzazione australiana con sede a Phillip Island, a 140 chilometri da Melbourne, ormai da tempo ha lanciato questo appello. Infatti, a seguito delle sempre più frequenti perdite accidentali di petrolio da parte delle navi, che solcano gli oceani, o dei pescherecci locali, lentamente i pinguini stanno andando incontro a intossicazioni da parte del liquido nero e a perdita delle proprie capacità di termoregolazione, perché il petrolio, una volta che è a contatto con le piume, riduce la permeabilità di queste ultime, rendendo i piccoli amici piumati più sensibili alle basse temperature.

Quindi, l’uso dei maglioni aiuta gli animali a non leccarsi, evitando di ingerire la sostanza, e a resistere al freddo. Il programma di recupero è iniziato circa 13 anni fa, dopo che ben 438 pinguini sono andati incontro a intossicazione da petrolio. Quindi, chi è bravo a lavorare a maglia e ha ancora qualche dimestichezza con i ferri, non aspetti altro tempo e dia immediatamente avvio agli sferruzzamenti. Di seguito riportiamo il link del documento, all’interno del quale sono segnate le istruzioni da seguire per la realizzazione di questi particolari capi di abbigliamento: http://penguinfoundation.org.au/assets/Wildlife-rehabilitation/penguin-jumper-pattern-2014.pdf, ma proponiamo qui anche una piccola traduzione del suo contenuto per chi non sia un avvezzo conoscitore della lingua inglese.

Utilizzando dei ferri n. 4, per la parte dietro è necessario avviare 36 maglie, lavorando a coste 1/1 per 7 ferri; poi all’ottavo si devono aumentare 8 maglie, arrivando così a 44 maglie, lavorando a costa 2/2, per cm 12 totali (28+7 ferri). Calare poi 1 maglia per lato per ogni ferro, fino ad arrivare ad aversi 28 maglie; calare, quindi 1 maglia al centro (27 maglie), lavorare per 10 ferri a coste 1/1 e poi chiudere. La lavorazione della parte anteriore è la stessa. Utilizzando una cucitura piatta, cucire, infine, il collo per cm 4, lasciando cm 4 di apertura per le ali e cucire i rimanenti cm 12. E’ importante anche ricordare che nessun maglione fatto sarà scartato, ma, se non utilizzabile con i pinguini, verrà usato a scopi didattici oppure sarà fatto indossare a peluche, comunque con aspetto di pinguini, la cui vendita serve sempre per il sostentamento dell’organizzazione.

Per i più curiosi, riportiamo anche l’indirizzo della Penguin Foundation (http://penguinfoundation.org.au/), ricordando che l’organizzazione è presente sui principali social network (Facebook e Twitter). Sulla propria pagina Facebook, questa illustra, in prima persona, la propria missione: "Abbiamo bisogno di maglioncini da usare per fini riabilitativi, educativi e di raccolta fondi che vanno a beneficio dei piccoli pinguini qui a Phillip Island. Abbiamo una buona scorta di maglioni adatti per gli scopi di riabilitazione che usiamo su tutti i pinguini salvati dal petrolio e, in caso di sversamenti nel mondo, i maglioni vengono inviati anche ad altri centri di soccorso della fauna selvatica, se necessario".
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabrina  Rosa - vedi tutti gli articoli di Sabrina  Rosa





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: