articolo Il mondo animale
Animali in Città: Rapporto Legambiente 2014 freccemartedì 25 febbraio 2014  



Il 24 febbraio 2014 è stato pubblicato da Legambiente il terzo rapporto annuale “Animali in città”, all’interno del quale si analizzano sia le condizioni, in cui vivono i nostri amici a quattro zampe nei centri urbani, sia, anche, quali sono le principali emergenze da affrontare, nonché le possibili risorse da utilizzare. La prima grande sfida emersa è, dunque, quella del contrasto al randagismo, un fenomeno in costante crescita, che sottrae risorse economiche e fisiche alle diverse amministrazioni locali.

Amministrazioni che, su un campione di 81 Capoluoghi italiani, i quali hanno risposto al questionario loro somministrato da Legambiente, mostrano di avere un’alta percentuale di stanziamenti pubblici destinati alla tutela degli animali (83% dei Comuni), ma insufficiente monitoraggio delle colonie feline (solo due Capoluoghi capofila su tre lo fa con metodo) e altrettanto scarsa conoscenza del numero di cani iscritti all’anagrafe canina, eccezion fatta per l’Emilia Romagna e il Friuli Venezia Giulia, dove, invece, i Comuni per legge devono conoscere il numero di cani presenti sul proprio territorio. Anche rispetto alla possibile collocazione dei randagi, dopo che questi sono stati catturati e condotti in canili o rifugi, i dati del rapporto mostrano una grande disomogeneità a livello nazionale.

Si passa, infatti, dalla collocazione di uno ogni due cani presi nelle piccole città, fino a uno ogni quattro cani catturati nelle grandi metropoli. La presenza di aree cani e spazi adibiti allo svago degli animali d’affezione si ha nel 52% dei centri abitati. Relativamente alle ordinanze a tutela degli animali, la situazione si mostra critica su tutto il territorio nazionale. L’accesso ai locali pubblici e agli uffici, infatti, in oltre la metà dei Comuni non è ancora regolamentato e la situazione diventa ancor più drammatica per quanto concerne arenili, leghi o coste, dove si scende a un terzo del campione, per quel che concerne leggi apposite che regolino l’accesso in queste aree da parte dei nostri amici a quattro zampe. Un’ulteriore emergenza, che sta coinvolgendo sempre più le nostre città, è poi quella inerente il sempre crescente utilizzo di esche abusive avvelenate, per le quali solo un Comune su due ha adottato delle apposite sanzioni, anche perché appunto solo un Comune su due possiede un Corpo di Polizia Municipale dedicato alla prevenzione e alla repressione dei maltrattamenti animali.

Infine, il rapporto mette in risalto una scarsa conoscenza della biodiversità animale al momento presente nelle nostre città e questo è un limite primario sia alla riduzione dei conflitti e dei danni derivati dal possibile incontro-scontro tra l’uomo e una specie selvatica (basti pensare agli incidenti stradali susseguenti alla realizzazione di strade laddove ci sono animali selvatici, che possono attraversarle sia di giorno che di notte), sia anche alla possibilità da pare di un Comune di dare indicazioni corrette ai cittadini, che si trovano, oggi, a soccorrere rettili piuttosto che pappagalli in pieno centro storico cittadino. Il quadro descritto all’interno del rapporto di Legambiente mostra, quindi, una forte diversità di condizioni di convivenza con i nostri amici a quattro zampe nelle diverse città italiane e richiede il miglioramento degli interventi di tutela animale, da parte delle amministrazioni locali, sotto molteplici punti di vista.
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabrina  Rosa - vedi tutti gli articoli di Sabrina  Rosa



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Banane flambées
Fare tostare per dieci minuti le mandorle in forno caldo e quindi tritarle minutamente. Dopo aver sbucciato le banane, tagliarle a metà nel senso della ....
Adotta un animale Altri Cani Gatti Il mondo animale Uccelli



Articoli correlati

ENPA (Ente Nazionale Protezione Animali) : come funziona? - venerdì 6 settembre 2013
L'ENPA (Ente Nazionale Protezione Animali) è sicuramente una delle Organizzazioni più conosciute in Italia in materia di tutela dei diritti degli animali. Non sempre però i cittadini hanno idea di come tale Onlus operi sul territorio nazionale, ........

La caccia - sabato 7 settembre 2013
Come ogni anno anche in questo siamo costretti ad assistere nuovamente al ritorno del triste e crudele rituale della caccia. Non vengono ascoltati i continui appelli degli animalisti per porre fine a questo crudele sterminio, che ogni anno semina tante ........

Animali in Città: Rapporto Legambiente 2014 - martedì 25 febbraio 2014
Il 24 febbraio 2014 è stato pubblicato da Legambiente il terzo rapporto annuale “Animali in città”, all’interno del quale si analizzano sia le condizioni, in cui vivono i nostri amici a quattro zampe nei centri urbani, sia, anche, quali sono le ........

AISPA: inglesi ed italiani uniti nella lotta per i diritti animali - sabato 9 novembre 2013
AISPA è una sigla che sta per Anglo-Italian Society for the Protection of Animals (“Associazione anglo-italiana per la protezione degli animali”), organizzazione per la tutela dei diritti animali fondata nel 1952, in commemorazione della morte ........

Gli allevamenti intensivi - mercoledì 11 settembre 2013
Un'altra negazione molto evidente dei diritti animali sono indubbiamente gli allevamenti intensivi. Questi posssono essere benissimo paragonati a dei e propri lager, che impediscono agli animali stessi, l'appagamento dei loro bisogni primari, ........

Ricetta del giorno
Bavarese ai frutti di bosco
In un pentolino versate il latte, aggiungete l'agar agar e fate bollire. Lasciate, poi, sul fuoco per un paio di minuti, tenendo la fiamma bassa e mescolando ....



 articolo Il mondo animale
Animali in Città: Rapporto Legambiente 2014 freccemartedì 25 febbraio 2014  

Il 24 febbraio 2014 è stato pubblicato da Legambiente il terzo rapporto annuale “Animali in città”, all’interno del quale si analizzano sia le condizioni, in cui vivono i nostri amici a quattro zampe nei centri urbani, sia, anche, quali sono le principali emergenze da affrontare, nonché le possibili risorse da utilizzare. La prima grande sfida emersa è, dunque, quella del contrasto al randagismo, un fenomeno in costante crescita, che sottrae risorse economiche e fisiche alle diverse amministrazioni locali.

Amministrazioni che, su un campione di 81 Capoluoghi italiani, i quali hanno risposto al questionario loro somministrato da Legambiente, mostrano di avere un’alta percentuale di stanziamenti pubblici destinati alla tutela degli animali (83% dei Comuni), ma insufficiente monitoraggio delle colonie feline (solo due Capoluoghi capofila su tre lo fa con metodo) e altrettanto scarsa conoscenza del numero di cani iscritti all’anagrafe canina, eccezion fatta per l’Emilia Romagna e il Friuli Venezia Giulia, dove, invece, i Comuni per legge devono conoscere il numero di cani presenti sul proprio territorio. Anche rispetto alla possibile collocazione dei randagi, dopo che questi sono stati catturati e condotti in canili o rifugi, i dati del rapporto mostrano una grande disomogeneità a livello nazionale.

Si passa, infatti, dalla collocazione di uno ogni due cani presi nelle piccole città, fino a uno ogni quattro cani catturati nelle grandi metropoli. La presenza di aree cani e spazi adibiti allo svago degli animali d’affezione si ha nel 52% dei centri abitati. Relativamente alle ordinanze a tutela degli animali, la situazione si mostra critica su tutto il territorio nazionale. L’accesso ai locali pubblici e agli uffici, infatti, in oltre la metà dei Comuni non è ancora regolamentato e la situazione diventa ancor più drammatica per quanto concerne arenili, leghi o coste, dove si scende a un terzo del campione, per quel che concerne leggi apposite che regolino l’accesso in queste aree da parte dei nostri amici a quattro zampe. Un’ulteriore emergenza, che sta coinvolgendo sempre più le nostre città, è poi quella inerente il sempre crescente utilizzo di esche abusive avvelenate, per le quali solo un Comune su due ha adottato delle apposite sanzioni, anche perché appunto solo un Comune su due possiede un Corpo di Polizia Municipale dedicato alla prevenzione e alla repressione dei maltrattamenti animali.

Infine, il rapporto mette in risalto una scarsa conoscenza della biodiversità animale al momento presente nelle nostre città e questo è un limite primario sia alla riduzione dei conflitti e dei danni derivati dal possibile incontro-scontro tra l’uomo e una specie selvatica (basti pensare agli incidenti stradali susseguenti alla realizzazione di strade laddove ci sono animali selvatici, che possono attraversarle sia di giorno che di notte), sia anche alla possibilità da pare di un Comune di dare indicazioni corrette ai cittadini, che si trovano, oggi, a soccorrere rettili piuttosto che pappagalli in pieno centro storico cittadino. Il quadro descritto all’interno del rapporto di Legambiente mostra, quindi, una forte diversità di condizioni di convivenza con i nostri amici a quattro zampe nelle diverse città italiane e richiede il miglioramento degli interventi di tutela animale, da parte delle amministrazioni locali, sotto molteplici punti di vista.
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabrina  Rosa - vedi tutti gli articoli di Sabrina  Rosa





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: