articolo Cani
Lotta all’artrosi negli amici a quattro zampe freccemartedì 11 febbraio 2014  



Lotta all’artrosi per i nostri amici a quattro zampe che, proprio come noi, possono andare incontro a problemi articolari, anche se il nome corretto è osteoartrite, termine che indica come, alla base del problema, vi sia un processo infiammatorio, acuto o cronico. Questo problema può colpire tutti gli amici animali, anche se sono particolarmente esposti i cani di grossa taglia, geneticamente più predisposti,  soprattutto quelli che fanno registrare un accrescimento corporeo abbastanza rapido.

L’artrosi, tanto per utilizzare sempre il termine più abituale, può interessare anche quei cani le cui articolazioni sono particolarmente sollecitate, come accade per i cani sportivi o da lavoro, o nei soggetti anziani, perché soggetti ad un’usura continua.  Ma non solo, perché anche i traumi possono avere la loro parte di responsabilità, soprattutto se si verificano fratture, lussazioni e rotture dei legamenti. In presenza di una infiammazione, i maggiori problemi  saranno a carico delle anche, spala, ginocchio e tarso, perché l’infiammazione provoca una erosione della cartilagine che riveste le articolazioni stesse, passando poi all’osso con conseguente formazione si tessuto osseo nuovo che, essendo di fatto anomalo, non farà altro che complicare ulteriormente le cose.

Il problema non finisce qui, perché per colpa dell’infiammazione  e della crescita anomala di tessuto osseo, anche i tessuti molli che circondano l’articolazione andranno ad infiammarsi, accrescendo così il fastidio dell’amico a quattro zampe. La cattiva notizia è che, una volta avviato il processo, non è possibile tornare indietro, per cui è solo possibile cercare di rallentarlo, i modo da alleviare il fastidio e il dolore. Le prime avvisaglie dell’artrosi sono diverse: zoppie, difficoltà nel movimento, riluttanza a compiere particolari azioni come alzarsi sulle zampe posteriori per fare le feste o un salto qualsiasi, vizi di postura e andatura. Inoltre, l’articolazione interessata dall’artrosi è solitamente calda, gonfia e dolente, con rumori anomali che non lasciano adito a dubbi.

L’umore dell’amico cane non potrà che risentirne, come avviene anche negli umani, che se afflitti da un qualsiasi fastidio o dolore possono essere più irritabili del solito. Altri piccoli segnali sono inappetenza con conseguente dimagrimento, e diminuzione della pulizia del mantello. Se il nostro amico cane subisce un trauma, soprattutto se interessa qualche articolazione, è bene farlo vedere immediatamente dal veterinario, prima che si instauri un processo infiammatorio che, come detto in precedenza, può portare ad una serie di successive condizioni che, una volta avviate, potranno solo essere rallentate e non annullate.

Attenzione, quindi, in particolar modo ai cuccioli che, in fondo, sono né più né meno che dei bambini che non si rendono conto del pericolo e che quindi possono essere facilmente soggetti a traumi e conseguenti infiammazioni, sempre che il trauma non produca qualcosa di più serio. Ecco quindi che, come del resto vale anche per gli umani, la prevenzione è sempre la migliore cura, per cui bisogna far seguire all’amico cane un regime alimentare equilibrato, il tutto condito da una certa dose di attività fisica.

Questa, per i soggetti di taglia medio-grande che sono costretti a vivere tra le quattro mura di una casa cittadina, è fondamentale, perché anche per loro la sedentarietà è nemica della buona salute. Del resto, basta guardarsi in giro per strada per vedere come molto cani che vanno a spasso con i loro amici umani, mostrano uno stato di forma approssimativo. L’esercizio fisico deve essere costante, anche se moderato, per cui non basta no le sole 2-3 passeggiatine giornaliere fatte per lo più per far fare loro i bisogni. Il cane, sempre se di  una certa taglia, deve poter correre e del resto ci si rende conto dell’importanza dell’attività fisica osservando le differenze che passano tra un cane che ha a disposizione un piccolo giardino e un altro che invece può contare solo sul balcone di casa.

In caso di artrosi accertata, è sempre bene somministrare all’amico cane solo quanto consigliato dal veterinario di fiducia, senza mai procedere, come spesso si è abituati a fare per se stessi, con l’automedicazione, in quanto molti farmaci umani non vanno bene in campo veterinario, anzi potrebbero addirittura risultare letali, e questo vale in particolar modo per gli antinfiammatori.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Mezze maniche con zucchine e salmone
Fare bollire una pentola con circa 3,5 litri di acqua salata con sale grosso. Calare le mezze maniche, mescolare e portare a cottura.
Intanto si ....
Adotta un animale Altri Cani Gatti Il mondo animale Uccelli



Articoli correlati

Mastocitosi nei cani: sintomi e cura - venerdì 6 settembre 2013
Tra i tumori più frequenti, quello che più spesso colpisce i cani è la mastocitosi, capiamo insieme come individuare ed affrontare questo male. In generale, i tumori nei nostri amici cani possono essere più frequenti di quanto pensiamo. I sintomi ........

Sterilizzazine del cane maschio: pro e contro - giovedì 29 agosto 2013
Sterilizzare il proprio cane maschio: quali i rischi e quali i benefici? La pratica della castrazione del cane maschio giovane sta diventando in Italia sempre più frequente, forse anche supportata da una forte diffusione del fenomeno oltre Oceano, ........

Il trattamento del diabete nei cani - giovedì 13 settembre 2012

Il diabete è una patologia che  non colpisce solo gli esseri umani ma anche gli animali. Mentre gli esseri umani riescono, anche se a volte con una certa riluttanza a modificare il loro comportamento e il loro stile di vita, per gli animali ........

Ehrlichiosi, un pericolo per il nostro cane - giovedì 20 marzo 2014

Eherlichiosi, un pericolo serio per il nostro cane, malattia trasmessa dalle zecche, le nemiche della pelle dell’amico a quattro zampe. Le Ehrlichie sono dei microrganismi appartenenti alla famiglia di coccobacilli delle Rickettziaceae. Ne ........

Lotta all’artrosi negli amici a quattro zampe - martedì 11 febbraio 2014

Lotta all’artrosi per i nostri amici a quattro zampe che, proprio come noi, possono andare incontro a problemi articolari, anche se il nome corretto è osteoartrite, termine che indica come, alla base del problema, vi sia un processo infiammatorio, ........

Ricetta del giorno
Riso e fagioli neri
Lessare per 15 minuti il riso per risotti, scolarlo e metterlo da parte. Sbucciare le cipolle rosse. Affettarle molto sottili e stufarle per 10 minuti ....



 articolo Cani
Lotta all’artrosi negli amici a quattro zampe freccemartedì 11 febbraio 2014  

Lotta all’artrosi per i nostri amici a quattro zampe che, proprio come noi, possono andare incontro a problemi articolari, anche se il nome corretto è osteoartrite, termine che indica come, alla base del problema, vi sia un processo infiammatorio, acuto o cronico. Questo problema può colpire tutti gli amici animali, anche se sono particolarmente esposti i cani di grossa taglia, geneticamente più predisposti,  soprattutto quelli che fanno registrare un accrescimento corporeo abbastanza rapido.

L’artrosi, tanto per utilizzare sempre il termine più abituale, può interessare anche quei cani le cui articolazioni sono particolarmente sollecitate, come accade per i cani sportivi o da lavoro, o nei soggetti anziani, perché soggetti ad un’usura continua.  Ma non solo, perché anche i traumi possono avere la loro parte di responsabilità, soprattutto se si verificano fratture, lussazioni e rotture dei legamenti. In presenza di una infiammazione, i maggiori problemi  saranno a carico delle anche, spala, ginocchio e tarso, perché l’infiammazione provoca una erosione della cartilagine che riveste le articolazioni stesse, passando poi all’osso con conseguente formazione si tessuto osseo nuovo che, essendo di fatto anomalo, non farà altro che complicare ulteriormente le cose.

Il problema non finisce qui, perché per colpa dell’infiammazione  e della crescita anomala di tessuto osseo, anche i tessuti molli che circondano l’articolazione andranno ad infiammarsi, accrescendo così il fastidio dell’amico a quattro zampe. La cattiva notizia è che, una volta avviato il processo, non è possibile tornare indietro, per cui è solo possibile cercare di rallentarlo, i modo da alleviare il fastidio e il dolore. Le prime avvisaglie dell’artrosi sono diverse: zoppie, difficoltà nel movimento, riluttanza a compiere particolari azioni come alzarsi sulle zampe posteriori per fare le feste o un salto qualsiasi, vizi di postura e andatura. Inoltre, l’articolazione interessata dall’artrosi è solitamente calda, gonfia e dolente, con rumori anomali che non lasciano adito a dubbi.

L’umore dell’amico cane non potrà che risentirne, come avviene anche negli umani, che se afflitti da un qualsiasi fastidio o dolore possono essere più irritabili del solito. Altri piccoli segnali sono inappetenza con conseguente dimagrimento, e diminuzione della pulizia del mantello. Se il nostro amico cane subisce un trauma, soprattutto se interessa qualche articolazione, è bene farlo vedere immediatamente dal veterinario, prima che si instauri un processo infiammatorio che, come detto in precedenza, può portare ad una serie di successive condizioni che, una volta avviate, potranno solo essere rallentate e non annullate.

Attenzione, quindi, in particolar modo ai cuccioli che, in fondo, sono né più né meno che dei bambini che non si rendono conto del pericolo e che quindi possono essere facilmente soggetti a traumi e conseguenti infiammazioni, sempre che il trauma non produca qualcosa di più serio. Ecco quindi che, come del resto vale anche per gli umani, la prevenzione è sempre la migliore cura, per cui bisogna far seguire all’amico cane un regime alimentare equilibrato, il tutto condito da una certa dose di attività fisica.

Questa, per i soggetti di taglia medio-grande che sono costretti a vivere tra le quattro mura di una casa cittadina, è fondamentale, perché anche per loro la sedentarietà è nemica della buona salute. Del resto, basta guardarsi in giro per strada per vedere come molto cani che vanno a spasso con i loro amici umani, mostrano uno stato di forma approssimativo. L’esercizio fisico deve essere costante, anche se moderato, per cui non basta no le sole 2-3 passeggiatine giornaliere fatte per lo più per far fare loro i bisogni. Il cane, sempre se di  una certa taglia, deve poter correre e del resto ci si rende conto dell’importanza dell’attività fisica osservando le differenze che passano tra un cane che ha a disposizione un piccolo giardino e un altro che invece può contare solo sul balcone di casa.

In caso di artrosi accertata, è sempre bene somministrare all’amico cane solo quanto consigliato dal veterinario di fiducia, senza mai procedere, come spesso si è abituati a fare per se stessi, con l’automedicazione, in quanto molti farmaci umani non vanno bene in campo veterinario, anzi potrebbero addirittura risultare letali, e questo vale in particolar modo per gli antinfiammatori.


©  RIPRODUZIONE RISERVATA

La Redazione  - vedi tutti gli articoli di La Redazione  





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: