articolo Il mondo animale
AISPA: inglesi ed italiani uniti nella lotta per i diritti animali freccesabato 9 novembre 2013  



AISPA è una sigla che sta per Anglo-Italian Society for the Protection of Animals (“Associazione anglo-italiana per la protezione degli animali”), organizzazione per la tutela dei diritti animali fondata nel 1952, in commemorazione della morte dell’animalista Leonard T. Hawksley. Pur essendo di origine britannica, l’AISPA supporta molte associazioni, organizzazioni e progetti in Italia (da qui “Anglo-Italian”): al nord il Telefono Difesa Animali (Brescia), l’Associazione Cavalli del Bisbino (Como), l’Associazione Protezione Animali (Cremona), l’associazione “Il Gattile” (Trieste), la Dingo e l’Associazione Veneta Zoofila (Venezia); al centro le città maggiormente coinvolte nei progetti dell’AISPA sono Parma, Arezzo e Roma e soprattutto nella regione toscana (Firenze, Pisa, Livorno e rispettive province); nel Meridione la Lega Pro Animale e la Fondazione Mondo Animale, site a Castel Volturno, nella provincia campana di Caserta, l’associazione Fido di Pozzuoli, la Lega Nazionale per la Difesa del Cane (Palermo); in Sardegna, infine, l’organizzazione inglese assiste associazioni a favore degli animali con sede a Cagliari e Sassari.

Tra le più importanti iniziative dell’AISPA citiamo:
  • la sovvenzione di rifugi per gli animali, soprattutto canili e gattili;
  • l’organizzazione di una serie di campagne di sterilizzazione, con tanto di cliniche mobili per la sterilizzazione;
  • il rifornimento di medicinali per gli animali e di strumenti chirurgici;
  • progetti di sensibilizzazione e di tirocinio veterinario.
Sul sito dell’Anglo-Italian Society for Protection of Animals (http://www.aispa.org.uk) si propone, nella sezione “History”, un interessante racconto delle origini dell’associazione. Nel 1871 Giuseppe Garibaldi fondò a Torino la “Società Protettrice degli Animali”; seguirono altre piccole fondazioni, che però non riuscirono a dare vita ad un’unione a livello nazionale. Durante il primo ventennio del secolo successivo Leonard Hawksley, pioniere dei diritti degli animali, visitò l’Italia con un gruppo di compatrioti, con i quali fondò ventidue associazioni per la tutela del mondo animale.

Recatosi nella città di Napoli, fu sconvolto dal modo in cui gli abitanti trattavano gli animali da trasporto, ossia i cavalli ed i muli. Egli fondò così, con l’aiuto dell’aristocratica Mele Barese, la Naples Anti-Cruelty Society lasciandone la gestione alla principessa, la quale, grazie soprattutto ad un’oculata amministrazione dei fondi, affidò ad un determinato numero di persone il compito di vigilare sull’effettiva applicazione dei diritti animali nella città partenopea. Hawksley applicò un metodo simile in altre zone della penisola, come Roma e Carpi, dove fece una campagna a favore degli uccelli.

Molte altre sue iniziative sono riportate nella pagina web prima citata ma non ci dilungheremo ancora di più; ci basterà raccontare la fine della storia. Egli, malato e giunto all’età di 58 anni, nel 1931 decise di fare ritorno in Inghilterra ed ivi morì nel 1948. Quattro anni dopo fu fondata l’AISPA, con lo scopo di tenere vivo il suo lavoro ed il legame tra Italia ed Inghilterra nella lotta alla crudeltà sugli animali. Concludiamo l’articolo con due citazioni, che potranno far comprendere l’impegno e la dedizione dei membri dell’organizzazione. La prima la ritroviamo su una brochure dell’associazione stessa: We are only able to do this because of the generous support of those who care about animals and birds (“Noi possiamo fare ciò soltanto grazie al generoso aiuto di coloro che si preoccupano per gli animali e gli uccelli”).

La seconda è di Leonard Hawksley; quando gli si chiedeva il motivo per cui uno straniero si interessasse alla lotta per i diritti degli animali in un paese straniero egli rispondeva in tal modo: animals don’t have nationalities, ossia “gli animali non hanno nazionalità”.
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Emanuele  Vuono - vedi tutti gli articoli di Emanuele  Vuono



Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su:


 

Ricetta del giorno
Pollo con fagioli e ravanelli
Sciacquare i pezzi di pollo, asciugarli lasciandoli appena umidi e rivestirli con il misto spezie. Scaldare metà olio in un tegame generoso e cuocervi ....
Adotta un animale Altri Cani Gatti Il mondo animale Uccelli



Articoli correlati

Riapre la stagione venatoria, via libera alla strage di innocenti - giovedì 12 settembre 2013
Il 15 settembre riapre la stagione venatoria. Doppiette infuriate fino al 30 gennaio 2014, 4 mesi e mezzo di guerra agli innocenti nei boschi e nei campi che circondano le nostre città. Ma non bastano, evidentemente, a tutte le associazioni venatorie ........

Stop alla caccia in Piemonte, Sardegna e Lazio: fioccano ricorsi e sospensioni - venerdì 20 settembre 2013
Sospensione del calendario venatorio: è notizia di questi ultimi giorni, sicuramente accolta con plauso dal mondo ambientalista e animalista e con raccapriccio da parte del mondo venatorio, lo stop alla caccia nelle regioni di Piemonte, Sardegna ........

Il divieto di sperimentazione dei cosmetici sugli animali: pro e contro - lunedì 14 ottobre 2013
Il divieto di sperimentazione dei cosmetici sugli animali è finalmente entrato in vigore l'11 marzo di questo 2013, dopo lunga serie di battaglie degli animalisti che si sono battuti senza mai arrendersi per difendere ancora una volta i diritti ........

Roma: il NIRDA sequestra il rifugio Parrelli - venerdì 11 ottobre 2013
9 ottobre 2013: il N.I.R.D.A. sequestra il rifugio Parrelli, era ora; una data da ricordare per gli amanti degli animali romani e non. Una data che ha reso, finalmente, giustizia ai 500 animali (tra cani e gatti) detenuti all’interno del rifugio ........

Pastore tedesco lasciato morire nel livornese. L'Enpa denuncia istituzioni. - lunedì 12 agosto 2013
Vuole chiarezza l’Enpa (Ente Nazionale Protezione Animali) a proposito della morte (annunciata!) di un pastore tedesco nel livornese. La vicenda ha tanto dell’incredibile quanto del noto. Purtroppo. Questo perché sempre troppo spesso le ........

Ricetta del giorno
Broccoli marinati
Immergere i broccoli in acqua salata in modo che possano assorbire bene l’acqua e quindi asciugarli bene.
Schiacciare 4 spicchi d'aglio con lo schiaccia ....



 articolo Il mondo animale
AISPA: inglesi ed italiani uniti nella lotta per i diritti animali freccesabato 9 novembre 2013  

AISPA è una sigla che sta per Anglo-Italian Society for the Protection of Animals (“Associazione anglo-italiana per la protezione degli animali”), organizzazione per la tutela dei diritti animali fondata nel 1952, in commemorazione della morte dell’animalista Leonard T. Hawksley. Pur essendo di origine britannica, l’AISPA supporta molte associazioni, organizzazioni e progetti in Italia (da qui “Anglo-Italian”): al nord il Telefono Difesa Animali (Brescia), l’Associazione Cavalli del Bisbino (Como), l’Associazione Protezione Animali (Cremona), l’associazione “Il Gattile” (Trieste), la Dingo e l’Associazione Veneta Zoofila (Venezia); al centro le città maggiormente coinvolte nei progetti dell’AISPA sono Parma, Arezzo e Roma e soprattutto nella regione toscana (Firenze, Pisa, Livorno e rispettive province); nel Meridione la Lega Pro Animale e la Fondazione Mondo Animale, site a Castel Volturno, nella provincia campana di Caserta, l’associazione Fido di Pozzuoli, la Lega Nazionale per la Difesa del Cane (Palermo); in Sardegna, infine, l’organizzazione inglese assiste associazioni a favore degli animali con sede a Cagliari e Sassari.

Tra le più importanti iniziative dell’AISPA citiamo:
  • la sovvenzione di rifugi per gli animali, soprattutto canili e gattili;
  • l’organizzazione di una serie di campagne di sterilizzazione, con tanto di cliniche mobili per la sterilizzazione;
  • il rifornimento di medicinali per gli animali e di strumenti chirurgici;
  • progetti di sensibilizzazione e di tirocinio veterinario.
Sul sito dell’Anglo-Italian Society for Protection of Animals (http://www.aispa.org.uk) si propone, nella sezione “History”, un interessante racconto delle origini dell’associazione. Nel 1871 Giuseppe Garibaldi fondò a Torino la “Società Protettrice degli Animali”; seguirono altre piccole fondazioni, che però non riuscirono a dare vita ad un’unione a livello nazionale. Durante il primo ventennio del secolo successivo Leonard Hawksley, pioniere dei diritti degli animali, visitò l’Italia con un gruppo di compatrioti, con i quali fondò ventidue associazioni per la tutela del mondo animale.

Recatosi nella città di Napoli, fu sconvolto dal modo in cui gli abitanti trattavano gli animali da trasporto, ossia i cavalli ed i muli. Egli fondò così, con l’aiuto dell’aristocratica Mele Barese, la Naples Anti-Cruelty Society lasciandone la gestione alla principessa, la quale, grazie soprattutto ad un’oculata amministrazione dei fondi, affidò ad un determinato numero di persone il compito di vigilare sull’effettiva applicazione dei diritti animali nella città partenopea. Hawksley applicò un metodo simile in altre zone della penisola, come Roma e Carpi, dove fece una campagna a favore degli uccelli.

Molte altre sue iniziative sono riportate nella pagina web prima citata ma non ci dilungheremo ancora di più; ci basterà raccontare la fine della storia. Egli, malato e giunto all’età di 58 anni, nel 1931 decise di fare ritorno in Inghilterra ed ivi morì nel 1948. Quattro anni dopo fu fondata l’AISPA, con lo scopo di tenere vivo il suo lavoro ed il legame tra Italia ed Inghilterra nella lotta alla crudeltà sugli animali. Concludiamo l’articolo con due citazioni, che potranno far comprendere l’impegno e la dedizione dei membri dell’organizzazione. La prima la ritroviamo su una brochure dell’associazione stessa: We are only able to do this because of the generous support of those who care about animals and birds (“Noi possiamo fare ciò soltanto grazie al generoso aiuto di coloro che si preoccupano per gli animali e gli uccelli”).

La seconda è di Leonard Hawksley; quando gli si chiedeva il motivo per cui uno straniero si interessasse alla lotta per i diritti degli animali in un paese straniero egli rispondeva in tal modo: animals don’t have nationalities, ossia “gli animali non hanno nazionalità”.
©  RIPRODUZIONE RISERVATA

Emanuele  Vuono - vedi tutti gli articoli di Emanuele  Vuono





Se ti è piaciuto l'articolo Diventa fan Clicca su
 
Condividilo su: